Liquore alla genziana

Il liquore alla genziana è conosciuto e diffuso un po' in tutte le zone montane italiane, sia appenniniche che alpine, anche se l'unico ad avere ottenuto la denominazione IG (Indicazione Geografica) è la Genziana Trentina o Genziana del Trentino, prodotta in tutto il territorio della provincia autonoma di Trento. Da notare che in lingua tedesca la genziana viene chiamata enzian, quindi è probabile trovare in commercio bottiglie che in etichetta indicano enzian anzi che genziana.

 

 

Il liquore alla genziana è basicamente un distillato, ottenuto dalla distillazione della pianta di genziana più l'aggiunta del liquore proveniente dalla macerazione delle radici di genziana in soluzione idroalcolica

La Genziana ha un colore trasparente, un titolo alcolico minimo di 40°vol, e un sapore decisamente amaro.
Viene bevuta solitamente come digestivo, dopo i pasti. 

Qualche informazione sulla genziana

Liquore genziana

La genziana è una delle piante montanare per eccellenza, si trova in tutti i continenti dove è presenta in circa 400 specie diverse, e fiorisce in estate (il primo fiore spunta, però, solo dopo 10 anni di vita della pianta!).

Il fusto può arrivare a misurare 14 cm in altezza.

Il fiore ha la peculiare forma ad imbuto ed è solitamente di colore blu, anche se si può trovare di altri colori come bianco o giallo. 

Dal 1979 la genziana fa parte delle specie protette, per cui non può essere né raccolta né estirpata quando allo stato selvatico, e per la produzione dei liquori si usano le genziane coltivate in alta quota.

Non è raro trovare le radici di genziana anche in farmacia o erboristeria, se mai qualcuno si volesse cimentare nell'autoproduzione di liquore alla genziana.

 

 

Produzione della Genziana Trentina IG

I primi documenti che testimoniano la tradizione secolare del liquore alla genziana trentino risalgono a circa 150 anni fa, quando venne prodotto per la prima volta da una famiglia di Borzago (la famiglia Spiazzo).

La Genziana Trentina IG o Genziana del Trentino IG è ottenuta dalla distillazione dei rizomi (radici) di genziana precedentemente fermentati in alcol con alambicchi ad impianto discontinuo.

Le due distillazioni devono essere effettuate a meno di 86 per cento in volume, così da garantire nel prodotto finale l'aroma e il gusto provenienti dalla materia prima.

Sono consentiti sia l’aggiunta di zuccheri (massimo di 20 grammi per litro), sia l'aggiunta di alcol etilico di origine agricola. Non sono ammessi, invece, aromi.

Volendo, può essere invecchiata in botti di legno.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Dietidea: la dieta del riso Scotti del prof. Sorrentino

Dietidea è la nuova dieta del riso, ideata dal prof. Sorrentino in collaborazione con Scotti. Scopriamo i pro e i contro di questa dieta.


Come verificare l'attendibilità di uno studio scientifico?

L'attendibilità di uno studio scientifico si ha quando quest'ultimo rispetta diverse caratteristiche che rendono i risultati vicini alla verità.


Pollo da allevamento biologico

L'allevamento biologico del pollo, sia per la produzione di carne che per quella delle uova, richiede costi maggiori ma permette un prodotto di maggior qualità.


Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

 


Allevamento intensivo dei polli

L'allevamento intensivo dei polli è un metodo di produzione di carne e uova che nasconde diversi problemi, non solo per la salute degli animali, ma anche per quella umana.


Tenerezza della carne bovina

I tagli di carne più tenera: la tenerezza delle carni bovine secondo uno studio scientifico che valuta la qualità dei vari muscoli dei bovini.


Dieta volumetrica: dimagrire con la densità calorica

La dieta volumetrica si basa sul concetto promosso e utilizzato fin dall'inizio della mia attività nel campo dell'alimentazione, quello della densità calorica.


Il modello a calorie o sistema Atwater

Il modello a calorie è stato ideato da Atwater e colleghi che hanno studiato la quantità di energia fornita da carboidrati, proteine e grassi.