Glucosio

Il glucosio è lo zucchero semplice più importante, è la sostanza in assoluto più diffusa in natura e può essere considerata una delle sostanze più importanti che sono alla base della vita degli esseri viventi.

Il glucosio dal punto di vista fisico

Dal punto di vista chimico, il glucosio è un monosaccaride, la cui formula bruta è C6H12O6. In natura esistono due forme del glucosio, dette enantiomeri, che differiscono per la forma che la molecola assume nello spazio: sono il L-glucosio (o levulosio) e il D-glucosio (o destrosio). Il glucosio più presente in natura è il destrosio, e di fatto destrosio e glucosio sono sinonimi: capirlo non è un dettaglio formale, perché molti prodotti in commercio utilizzano la denominazione "destrosio", ma è importante capire che sono sono altro che glucosio.

Il glucosio si lega al fruttosio formando il comune zucchero (saccarosio, un disaccaride in quanto formato da due monosaccaridi). Il glucosio è in grado di formare lunghe catene, formando polisaccaridi: l'amido, la cellulosa e il glicogeno. L'importanza biologica di queste molecole è fondamentale perché costituiscono le riserve di energia che consentono agli esseri viventi di sopravvivere. Il glucosio è solubile in acqua (limite di solubilità 910 g/l a 25°) e poco solubile in etanolo (alcol).

Il glucosio dal punto di vista biologico

 

 

Glucosio

Dal punto di vista biologico, il glucosio è usato come principale fonte di energia dagli animali e dalle piante, essendo il combustibile principale della respirazione cellulare e anche il prodotto primario della fotosintesi clorofilliana. Apporta circa 4 kcal per grammo, circa come le proteine e poco meno della metà dei grassi. Nell'uomo il glucosio è presente nel sangue (la sua concentrazione è la glicemia, uno dei principali esami del sangue) e, sottoforma di glicogeno muscolare, nel fegato (70-100 g) e nei muscoli (circa 500 g in un soggetto di 70 kg).

Il glucosio è facilmente e rapidamente assorbito a livello intestinale grazie a diverse proteine chiamate trasportatori del glucosio, per questo motivo ha un indice glicemico alto, e anche per questo viene utilizzato come riferimento per il calcolo dell'indice glicemico, che viene fissato per convenzione pari a 100.

Il glucosio in cucina e nell'industria alimentare

Il glucosio in cucina non viene comunemente utilizzato mentre ha un ampio utilizzo nell'industria alimentare, in gelateria e in pasticceria, grazie alle sue caratteristiche chimico-fisiche. Il glucosio, infatti, sebbene in natura si presenti sotto la stessa forma (cristallina) del saccarosio, quando viene utilizzato per le preparazioni alimentari si comporta in modo molto diverso. In particolare, cambia la sua capacità di ritenere liquidi, di cristallizzare, e il suo punto di congelamento. Trattiamo queste caratteristiche in dettaglio nell'articolo sullo sciroppo di glucosio.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Chorizo (salame spagnolo)

Il chorizo: il salame alla paprica, più o meno piccante, tipico della cucina spagnola, portoghese e sudamericana.


Sanguinaccio e morcilla

Il sanguinaccio: l'insaccato a base di sangue di maiale e altre frattaglie ormai praticamente scomparso in Italia.


Salamoia bolognese

La salamoia bolognese o aglione: il sale aromatico a base di erbe, spezie e aglio usato per condire le carni, il pesce o i sughi.


Stinco di maiale

Stinco di maiale: il taglio del maiale con cui si preparano deliziosi arrosti a lunga cottura.

 


Salsa barbecue

La salsa barbecue, il condimento statunitense a base di ketchup immancabile durante le grigliate di carne.


Marmellata

La marmellata (e la confettura): tutto quello che c'è da sapere anche dal punto di vista legislativo.


Il fabbisogno calorico

Il fabbisogno calorico giornaliero è la quantità di energia (espressa in kcal) necessaria al mantenimento del nostro peso corporeo.


Il metabolismo basso

Come capire se si ha un metabolismo davvero basso o se si è dei veri mangioni.