Glicogeno muscolare ed epatico

Il glicogeno è un carboidrato complesso che rappresenta la riserva di glucosio più importante degli organismi animali. Dal punto di vista chimico, il glicogeno è un polisaccaride, composto da lunge catene di glucosio legate tra loro con legami alfa-1,4, intervallati ogni 8-10 unità da legami alfa-1,6, che determinano una struttura ramificata, avvolta a spirale, molto compatta, che consente in poco spazio di stoccare una notevole quantità di glucosio, e quindi di energia.

La molecola di glicogeno non è composta solo da glucosio, ma contiene anche una proteina, la glicogenina, che funge da primer sul quale si avvolgono le catene di glucosio.

Il glicogeno non è utile ai fini nutrizionali, perché poco tempo dopo la morte viene trasformato in acido lattico, perdendo la sua funzione energetica. Questa trasformazione è importante dal punto di vista alimentare perché è fondamentale nel processo di frollatura della carne.

Glicogeno muscolare

Il glicogeno si trova soprattutto nei muscoli scheletrici (circa i 2/3 del totale presente nell'organismo), dove rappresenta la più importante scorta di energia. I muscoli ne contengono 12-16 g/kg, per un totale di 200-300 g.

Il glicogeno contenuto nei muscoli è costituito da catene più corte rispetto a quello epatico, e può essere utilizzato solo dai muscoli, non potendo essere immesso nel sangue. Questo avviene perché durante il metabolismo del glicogeno si libera glucosio-6-fosfato, che non può uscire dalla cellula muscolare se non viene prima de-fosforilato con l'enzima glucosio-6-fosfatasi, di cui le cellule muscolari sono carenti.

 

 

Glicogeno

Il glicogeno muscolare viene utilizzato solo in piccola percentuale durante le attività fisiche di intensità bassa, come per esempio camminare. Il consumo aumenta all'aumentare dell'intensità dello sforzo e diventa importante solo per attività fisiche di intensità media o alta. Per approfondire vedi l'articolo sulle scorte di energia nello sport.

Glicogeno epatico

La seconda riserva di glicogeno dell'organismo è il fegato, che ne può contenere, a parità di peso, una quantità molto maggiore rispetto al muscolo scheletrico: circa 80-100 g, su un peso totale di circa 1,5 kg. Il fegato è in grado di assorbire il glucosio in eccesso dal torrente circolatorio, trasformandolo in glicogeno, oppure di "smontare" il glicogeno al fine di rilasciare glucosio nel sangue: in questo modo, il fegato è in grado di mantenere costante la glicemia (la concentrazione di glucosio nel sangue).

 

 

Le riserve di glicogeno del fegato possono mantenere un livello ottimale della glicemia per circa 12 ore, poi essa diminuisce e sopraggiungono stanchezza e debolezza. Per questo motivo al mattino è importante fare un pasto a base di carboidrati, che vanno a ripristinare le scorte di glicogeno epatico piuttosto che essere trasformati in grassi. Se al contrario le scorte di glicogeno del fegato sono sature, un eccesso di zuccheri nel sangue verrà trasformato in grassi e stoccato nel tessuto adiposo.

Sintesi e metabolismo del glicogeno

La sintesi del glicogeno è un'operazione energeticamente sfavorevole, che richiede il consumo di energia. Viene svolta grazie a tre enzimi: la glicogeno-sintetasi, GLICOGENO
l'UDP-glucosio pirofosforilasi

Potrebbe interessarti: http://www.my-personaltrainer.it/il_glICOGENO.htm
e la glicosil-(4,6)-transferasi, quest'ultima consente di formare le ramificazioni delle catene di glucosio. Per approfondire vedi l'articolo su wikipedia sulla sintesi del glicogeno. La sintesi del glicogeno è promossa dall'ormone insulina, che sottrae glucosio dal sangue trasportandolo nelle cellule muscolari e nel fegato.

Il metabolismo del glicogeno è, al contrario, un'operazione energeticamente favorevole, com'è logico che sia: in questo modo l'organismo può rapidamente e senza dispendio di energia ottenere il glucosio di cui ha bisogno per produrre l'energia che gli occorre. Il metabolismo del glicogeno avviene principalmente grazie all'enzima glicogeno fosforilasi, ed è favorito a livello epatico dall'ormone glucagone, che viene rilasciato a digiuno, quando la glicemia tende ad abbassarsi; e dall'adrenalina a livello muscolare.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Ricotta di vacca, pecora e capra - Calorie della ricotta

Ricotta di vacca, pecora e capra: non è propriamente un formaggio, poiché viene ricavata dal siero, un prodotto di scarto.


Vitamina B9 (acido folico)

La vitamina B9 o acido folico è fondamentale nella sintesi di aminoacidi, una sua carenza è particolarmente rischiosa in gravidanza.


Vitamina B6 (piridossina)

La vitamina B6 o piridossina è coinvolta nel metabolismo di proteine e grassi, la sua integrazione può essere utile per alcune patologie.


Castagne - Castagna e Marroni

Le castagne e i marroni, un frutto atipico molto ricco di carboidrati.

 


Vitamina B5 (acido pantotenico)

La vitamina B5 o acido pantotenico è importante per il metabolismo dei macronutrienti e svolge anche altre importanti funzioni.


Vitamina B3 (niacina)

La vitamina B3 o niacina è importante per la produzione di energia, per il sistema nervoso, lo stomaco e l'intestino.


Vitamina B2 (riboflavina)

La vitamina B2 o riboflavina è coinvolta nel metabolismo energetico, non è dimostrata la sua efficacia per migliorare la salute di unghie, capelli e pelle.


Bacon e pancetta: quali differenze?

Molti utilizzano il termine bacon come sinonimo di pancetta, ma in realtà sono due prodotti diversi. Scopriamone le differenze.