Scaloppine ai funghi

Le scaloppine ai funghi sono un secondo piatto tradizionale della cucina italiana. Il termine "scaloppina" sta per "piccola scaloppa", ossia per fettina di carne, che può essere di maiale, manzo, vitello, pollo e così via.

 

 

Le scaloppine possono essere preparate in tantissimi modi, con o senza pomodoro, con una salsa al vino bianco o rosso, con aceto balsamico, con formaggio, al tartufo etc... Ma le scaloppine ai funghi, assieme a quelle al limone, sono tra le ricette più diffuse nelle trattorie e nelle cucine italiane.

A mio parere la carne di maiale è quella che meglio si sposa con i funghi, dato che la sua tendenza dolce viene da una parte esaltata con la cottura nel burro e dall'altra stemperata dall'intensità gustativa e olfattiva dei funghi. L'importante è riuscire a creare una salsina densa e cremosa con la quale accompagnare la carne in tavola.

Che funghi scegliere? Il bello di questo piatto sta anche qui, che si possono scegliere funghi diversi in base alla stagione e a quello che il mercato propone, il gusto del piatto cambierà notevolmente a seconda dei funghi scelti (porcini, galletti, ovoli, prataioli, spugnole...). Si può optare anche per dei comunissimi funghi champignon da allevamento (o i Pleurotus ostreatus, detti anche "orecchioni"), il loro sapore sarà più delicato e sicuramente più adatto ai bambini.

 

 

Scaloppine ai funghi

Ricetta delle scaloppine di maiale ai funghi misti

La preparazione è molto semplice e veloce, se si esclude la pulizia dei funghi, ma si può optare per una confezione di funghi misti essiccati, anche perchè non sempre durante l'anno si possono reperire funghi freschi.

Quanto alla carne di maiale consiglio di optare per la lonza o lombo, in alcune ricette vengono indicate le fettine di arista, ma il loro problema è che se vengono cotte a lungo (così come previsto da questa ricetta) diventano stoppose.

Ingredienti per 4 persone

  • 8 fettine di lombo di maiale
  • 400 g di funghi misti (essiccati o freschi)
  • 1 spicchio d'aglio
  • 40 g di burro
  • 100 g di farina
  • 1 cucchiaio di maizena
  • 200 ml di brodo vegetale (o acqua calda)
  • sale e pepe q.b.
  • qualche fogliolina di prezzemolo

Procedimento: mettere in ammollo i funghi in acqua calda per almeno 20 minuti, fino a che non risultino morbidi. Nel caso si fossero acquistati funghi freschi, pelarli e pulirli dalla terra e dai residui, quindi tagliarli a fettine.

Battere le fettine di lonza su un piano da lavoro per farle assottigliare, salarle e infarinarle.

Far sciogliere il burro in una padella con lo spicchio d'aglio pelato, quindi unire la carne, farla dorare da entrambi i lati e poi aggiungere i funghi, il brodo e la maizena, continuando la cottura a fiamma vivace, fino a far rapprendere la salsa.

A fine cottura sistemare di sale e pepe e aggiungere il prezzemolo tritato. Servire le scaloppine insieme al loro intingolo cremoso.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Frittata (omelette) di albumi e formaggio light - Cucina Sì

La omelette di albumi e formaggio è una variante leggermente più elaborata della frittata di albumi e formaggio.


Frittata di albumi e pancetta light - Cucina Sì

La frittata di albumi è un classico della cucina light, ma nessuno la propone con la pancetta.


Mezze penne con ragù e peperoni

Mezze penne con ragù e peperoni - Primi piatti Sì


Burro fatto in casa: è vero burro?

Il burro fatto in casa è facile da produrre, ma molti si illudono che sia vero burro. Scopriamo perché spesso non lo è.

 


Trasmissione del calore - Cottura degli alimenti

La trasmissione del calore nella cottura dei cibi: conduzione, convezione e irraggiamento.


Crocchè (o panzarotti) di patate con prosciutto e mozzarella

I crocchè, o panzarotti, il grande classico del meridione, in versione ripiena di prosciutto e mozzarella filante.


Sushi

Il sushi: il piatto simbolo della cucina giapponese a base di pesce crudo, alghe e riso.


Il forno a microonde: come funziona, i rischi, come sceglierlo

Il forno a microonde: consigli e ricette. Ormai la maggior parte delle famiglie possiede un forno a microonde ma solo in pochi ne sfruttano a pieno le potenzialità.