Aceto balsamico

L'aceto balsamico è un condimento tipicamente italiano e conosciuto in tutto il mondo come balsamic vinegar in inglese.

 

 

L'aceto balsamico è la versione comune e industriale, nata come imitazione del tipico condimento dal colore bruno scuro e dal sapore agrodolce prodotto da secoli in Emilia, originario della zona tra Modena e Reggio Emilia.

L'aceto balsamico non è sempre un prodotto di alta qualità, in commercio ne troviamo davvero tanti, ma non tutti sono uguali e soprattutto non tutti possono fregiarsi di una certificazione di qualità.

Gli unici 3 aceti balsamici (ai quali rimando in altri articoli) ad avere ottenuto la certificazione sono:

Tutti gli altri sono detti semplicemente aceti balsamici, dove il termine "balsamico" coniato nel 1747 per la prima volta, serve solo a differenziare questo tipo di aceti dal classico aceto di vino, visto che la matrice di partenza è la stessa: entrambi, infatti sono derivati dell'uva da vino.

L'aceto balsamico si differenzia dall'aceto di vino per vari fattori: il colore di un bruno intenso, quasi nero e il sapore più dolciastro e delicato, ma questo gusto così dolce spesso viene ottenuto con l'aggiunta di aromi, quali caramello o vaniglia

 

 

Storia dell'aceto balsamico

Aceto balsamico

Le origini dell'aceto balsamico non sono note. Il mosto cotto e l'aceto venivano utilizzati fin dall'antichità, quindi è possibile dedurre che una sorta di aceto balsamico rudimentale fosse conosciuto già all'epoca dei Greci e Romani, anche perchè il termine "balsamico" deriva dal greco antico "balsamon", termine che stava ad indicare l'effetto curativo e rinfrescante di un prodotto generalmente liquido per le vie respiratorie.

Ma la prima volta che l'aceto balsamico è stato menzionato in un documento scritto ufficiale è stato nel Medioevo, in un testo di gastronomia del 1406.

 

 

Poi la grande diffusione dell'aceto balsamico c'è stata a partire dal Rinascimento, grazie agli Este, la nobile famiglia di Ferrara che aveva contatti con molte parti del mondo e apprezzava in particolar modo l'aceto prodotto alla moda di Modena.

Produzione dell'aceto balsamico

L'aceto balsamico, senza l'aggettivo tradizionale e senza certificazioni, è ottenuto a partire dal mosto concentrato, il liquido che si ricava dalla lavorazione delle uve prima della vinificazione (mentre per l'aceto balsamico tradizionale la sostanza alcolica di partenza è il vino stesso).

Già questo basta a far capire perché i costi e gli utilizzi dell'aceto balsamico e di quello tradizionale sono completamente diversi, poiché il primo è ottenuto con un prodotto di scarto, più facile da reperire.

Inoltre, l'aceto balsamico è prodotto esclusivamente a livello industriale, miscelando tra loro vari tipi di aceti fatto invecchiare diversi anni, non necessariamente balsamici nè necessariamente di Modena o di Reggio Emilia.

All'aceto poi si aggiungono vari coloranti e aromi, per renderlo più simile possibile all'aceto balsamico tradizionale, ma con esiti ben lontani dall'originale!

Oltre all'aceto balsamico si trovano poi in commercio tanti altri prodotti, sempre industriali, come la crema di aceto balsamico o la glassa di aceto balsamico, che hanno una consistenza più densa e cremosa, molto accattivanti, ma assolutamente pessimi dal punto di vista della qualità.

L'aceto balsamico si usa come l'aceto di vino per condire insalate e per cucinare, per esempio per fare riduzioni per la carne.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cocomero

Il cocomero o anguria è un frutto originario dell'Africa dalla polpa rossa e dai molti semi neri e gialli.


Frutta esotica: elenco completo e come sceglierla

Colorata, dalle forme strane e con un gusto molto gradito, la frutta esotica esiste di moltissime tipologie, alcune delle quali crescono anche in Italia.


Migliori diete del 2020: la classifica americana

La classifica delle migliori diete del 2020 è stata stilata da un portale americano di informazione, servendosi del supporto di esperti del settore salute.


Glifosato nel grano: tra bufale ed accordi internazionali

Il glifosato nel grano, specie in quello canadese, è stato oggetto di diversi dossier che si sono rivelati poi delle bufale.

 


Glifosato negli alimenti: dove si trova e come evitarlo

Il glifosato è un erbicida usato in agricoltura che potrebbe causare il cancro nell'uomo: ecco in quali alimenti si trova e come evitarlo.


Clinto: storia e caratteristiche del vino proibito

Il Clinto non appartiene alla specie solitamente usata per la produzione del vino comune. La sua diffusione è ostacolata da leggi italiane ed europee.


Uva fragola: caratteristiche e proprietà dell’uva dei climi freddi

L’uva fragola ha sapore e profumo molto particolari ma la legislazione italiana ne impedisce la diffusione, specie del vino da essa derivato: il Fragolino.


Coppiette di maiale romane: storia e come si mangiano oggi

Le coppiette di maiale romane sono un’antica ricetta romana diffusasi poi oggi in tutta Italia. Nascono per l’esigenza di conservare la carne.