Amaretto

L'Amaretto è un liquore italiano che viene ottenuto tramite l'infusione di mandorle amare e di altre erbe e spezie in alcool, il cui sapore è leggermente amarognolo, da qui il nome. L'Amaretto, quindi, non è propriamente un distillato.

 

 

L'Amaretto ha un colore bruno con riflessi aranciati, una gradazione alcolica di circa 25% e un sapore che ricorda il marzapane.

Viene bevuto liscio o con ghiaccio come digestivo o ammazzacaffè dopo i pasti, viene aggiunto a molte bevande a base di caffè, oppure usato come ingrediente di numerosi cocktail, quali quelli della trilogia "criminale" (Godfather, Godmother e French Connection).

Sono diversi anche gli usi dell'Amaretto in cucina, può essere aggiunto al gelato, al tiramisù, ai pancake, oppure utilizzato per creare salse di accompagnamento per la carne.

Storia dell'Amaretto

Amaretto

Le origini dell'Amaretto vengono fatte risalire al Cinquecento, quando il pittore Bernardino Luini, un allievo di Leonardo da Vinci, stava lavorando ad un quadro sulla Vergine nella chiesa della Beata Vergine dei Miracoli nella città di Saronno, in provincia di Varese, Lombardia.

La leggendo narra che il pittore usò come modella una ragazza di cui si era innamorato e che lei, per ricambiare il suo interesse, gli preparò un elisir a base di mandorle tostate ed erbe che ebbe molto successo nella città di Saronno e il cui significato simbolico è rimasto immutato nei secoli: bere Amaretto ricorda un sentimento di calore e affetto; non a caso il nome gioca molto sul prefisso che è identico per entrambe le parole: amaro e amore.

 

 

Nella città di Saronno venne poi fondata la fabbrica di Amaretto più rinomata al mondo, la Ilva Saronno SPA, che produce il liquore omonimo Amaretto Disaronno, uno dei liquori italiani più diffusi anche all'estero e il cui nome rimane sempre immutato indipendentemente dalla lingua.

Un altro produttore di Amaretto italiano molto conosciuto è Lazzaroni, e sono nate distillerie di Amaretto anche in Messico e in Germania.

Essendo un liquore ottenuto per infusione e non per distillazione, è facile da preparare anche in casa, come si fa per il nocino o per il limoncello. A volte nella ricetta vengono aggiunti anche l'olio di albicocche e le nocciole.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Colesterolo nella carne | Bianca o rossa? | Quale la migliore?

Tutti sanno che per abbassare il colesterolo bisogna mangiare meno carne... Ma siamo sicuri che sia vero?


Il vino fa bene o male?

Il vino fa bene o male? A basse dosi sembra essere benefico, ma le ultime ricerche lo stanno mettendo in dubbio. Una cosa è certa: l'alcol è cancerogeno, a qualsiasi dose.


Meglio il vino bianco o rosso? | Calorie | Colesterolo

È più salutare il vino bianco o quello rosso? Quale fa ingrassare di più? Purtroppo il vino fa sempre male, a prescindere dal colore...


Quante calorie ha la pizza?

Quante calorie ha una pizza? Sebbene sia un alimento variabile, è possibile risalire con abbastanza precisione alle calorie totali sia di una margherita che di una pizza condita.

 


Fa ingrassare più la pizza o la piadina?

La pizza e la piadina sono due alimenti abbastanza critici per la linea. Ma quale dei due fa ingrassare di più?


La pizza fa ingrassare?

La pizza fa ingrassare? Scopriamo, dati alla mano, se può essere considerata solo uno sgarro alimentare da concedersi ogni tanto, o se è possibile assumerla più di frequente.


Fa ingrassare più la pasta o la pizza?

Fa ingrassare più la pasta o la pizza? In questo caso la risposta non è "dipende", ma possiamo tranquillamente dire che la pizza fa ingrassare di più!


Fa ingrassare più la pasta o il riso?

Questa domanda è particolarmente gettonata e la risposta è tutt'altro che scontata: fa ingrassare più la pasta o il riso?

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.