Alchermes

L'alchermes, spesso scritto anche alkermes, è un liquore alle erbe molto dolce, probabilmente di origine araba. La stessa parola "alchermes" deriva dall'arabo "al qirmiz", che indica il colore rosso cremisi tipico di questo liquore.

 

 

L'alchermes è conosciuto e diffuso in tutta Italia, dove viene usato principalmente come bagna per dolci, primo tra tutti la zuppa inglese, ma anche le fave dei morti o le chiacchiere di Carnevale, dove il suo scopo primario è quello di conferire colore (rosa o rosso a seconda di come viene dosato).

In passato era consumato anche come liquore da meditazione in circoli di artisti e poeti, oppure come digestivo, ma oggi è un po' caduto in disuso a favore di altri liquori, generalmente più amari dell'alchermes che è molto dolce.

Tra i suoi ingredienti si hanno alcol etilico buongusto, zucchero, acqua, cocciniglia (un colorante) e molte spezie tradizionali arabe (chiodi di garofano, cardamomo, cannella, vaniglia, scorza di arancia). 
La sua gradazione alcolica è media, tra i 20° e i 32°. 

Storia dell'alchermes

Alchermes

Con molta probabilità l'alkermes fu inventato dagli arabi che lo produssero partendo da un piccolo insetto, la cocciniglia, il termine "al qirmiz" in arabo sta ad indicare sia il nome dell'animale che il colore cremisi. La cocciniglia è un parassita delle piante che rappresenta un disturbo per l'agricoltura, quindi nel momento di eliminarlo gli arabi si accorsero che schiacciandolo produceva un liquido di un bel rosso brillante e decisero di utilizzarla come colorante alimentare naturale, ma veniva usata anche in pittura. Per produrre 1 litro di alchermes ne basta pochissima (circa 4 g di cocciniglia). 

L'alchermes arrivò prima in Spagna durante la colonizzazione araba e poi in Italia, o meglio in Toscana, tramite gli spagnoli durante il regno dei Medici. Il legame tra l'alchermes e la Toscana, in particolare con Firenze, è talmente forte che spesso questa città ne rivendica la paternità, dato che poi furono i Medici ad esportarlo in Francia, a Parigi e da lì in tutta Europa. per tutto l'Ottocento l'alchermes fu conosciuto come il "liquore di Firenze" o il "liquore dei Medici".

 

 

L'alchermes ebbe un grandissimo successo almeno fino ai primi anni del Novecento, era considerato un liquore bohemien, molto di moda tra i circoli di letterati e artisti parigini, al pari dell'assenzio, ma poi, sarà a causa del fatto che si scoprì che il suo ingrediente segreto era un insetto, cadde in disuso.
A mio parere fu anche anche perchè i gusti cambiarono e iniziarono a virare verso liquori più amari e più secchi, dato che l'alchermes bevuto da solo sembra veramente sciroppo di zucchero ed è troppo stucchevole, alla lunga stanca.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

Meduse in cucina

Le meduse in cucina: una novità per noi Occidentali, entrate a far parte dell'elenco dei "novel foods", ma una tradizione in Asia.

Fitoplancton come alimento

Il fitoplancton marino: l'alimento del futuro, il cibo che più sta destando curiosità tra i grandi chef.

Dieta per le gengive infiammate

La dieta per le gengive infiammate consiste in cibi e nutrienti che possono prevenire e rallentare l'infiammazione, bisogna inoltre evitare alcuni alimenti.

 

Caffè espresso

Caffè espresso: la preparazione del classico caffè italiano con la macchina da caffè espresso

Storia del caffè in Italia: tra leggenda e reali innovazioni

Il caffè è diventato simbolo di un'abitudine tutta italiana ma la sua origine è in Oriente. Nel corso del tempo è diventato simbolo di socialità ma la sua diffusione ha avuto ostacoli.

Riso

Il riso è il cereale più diffuso al mondo e originario dell'Asia.

Mindful eating: alimentarsi in ottica mindfulness

Negli ultimi anni si è assistito a un crescente interesse per mindfulness, una pratica che sarebbe alquanto riduttivo definire in poche parole.