Gofri piemontesi

I gofri sono delle cialde di pasta composte solamente da 3 ingredienti: acqua, farina e lievito; hanno una forma variabile, quadrata o circolare a seconda dello stampo, la tipica grigliatura a nido d'ape su tutta la superficie e un sapore neutro, per questo si abbinano bene sia al dolce che al salato.

 

 

I gofri vengono tradizionalmente farciti con prosciutto e formaggio, ma anche in versione dolce con miele, sciroppo d'acero, marmellata o cioccolata spalmabile.

Il più delle volte sono reperibili nei bar e nei baracchini ambulanti, come spuntino veloce e sono un tipico cibo di strada piemontese.

Storia e tradizione dei gofri

Gofri

Le origini dei gofri vengono fatte risalire all'Ottocento, quando nelle zone montane del Piemonte al confine con la Francia si iniziò a cucinare queste cialde prendendo spunto dai waffles francesi, detti anche gaufres. Il nome stesso, gofri, deriva dall'italianizzazione del termine gaufre francese e sta ad indicare la superficie groffata, cioè a forma di grata.

La differenza fondamentale tra i gofri e i gaufres risiede nello spessore della cialda: mentre quelli francesi sono più spessi, morbidi all'interno e croccanti fuori, i gofri piemontesi sono più sottili e croccanti.

 

 

Inoltre, anche l'impasto può variare, i waffle tipici della Francia, del Belgio e di tutto il Nord Europa nascono come dolci e al loro interno possono contenere anche zucchero, latte, burro, uova, a volte vaniglia, mentre i gofri italiani sono più semplici, più umili mi verrebbe da dire, composti da soli 3 ingredienti, visto che sono di tradizione montanara e servivano alle famiglie come sostituto del pane.
Questo non toglie che, recentemente, alcune ricette di gofri sono state rivisitate e arricchite di uova o latte.

La zona originaria, dove ancora oggi possiamo trovare i gofri, è quella pedemontana a sinistra di Torino, in particolare nella Val di Susa e nella Val Chisone.

Ricetta dei gofri

 

 

Prima di preparare i gofri è bene dotarsi della piastre apposite in ghisa, sovrapposte, chiamate ferri, e dotate della tipica graticola a nido d'ape. 

Ingredienti per circa 30 gofri

  • 1 kg di farina
  • 1 l di acqua tiepida
  • 10 g di lievito di birra
  • 1 uovo (facoltativo)
  • 1 dl di latte (facoltativo)
  • 1 pezzo di lardo per lubrificare le piastre

Procedimento

In una ciotola mescolare la farina con l'acqua tipeida, aggiunngere l'uovo e il latte e continuare ad impastare. Nel frattempo preparare il lievito facendo sciogliere il lievito di birra con l'acqua calda e unirlo al composto. Continuare a mescolare bene fino ad ottenere una pastella liquida e senza grumi. Lasciare riposare e lievitare per circa 2 ore.

Riscaldare i ferri su fiamma vivace, lubrificare entrambe le piastre con il pezzo di lardo tenuto con le pinze e versare con un mestolo la pastella. Chiudere le piastre e girarle spesso da un lato all'altro. Per cuocere un gofri ci vogliono più o meno 5 minuti.

Una volta cotti, i gofri possono essere mangiati al naturale, come pane, oppure riempiti con formaggi e salumi e piegati a metà, oppure ancora in versione dolce con marmellata, cioccolata o miele.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Strangozzi alla spoletina - Ricetta umbra

Gli strangozzi sono un formato di pasta di origine umbra, di preparazione molto semplice visto che, di fatto, sono una semplice pasta al pomodoro.

Cinnamon rolls - Ricetta originale svedese

Cinnamon rolls, i rotoli alla cannella originali svedesi, diffusi in tutto il Nord Europa e anche in America: scopriamo la ricetta e tutti i segreti per prepararli.

Frittata dolce di mele alla cannella (ricetta light)

In questo articolo ti proponiamo la frittata dolce di mele alla cannella, che si può preparare tutto l'anno.

Zuppa inglese - Ricetta con savoiardi o pan di Spagna

La zuppa inglese, nata probabilmente durante l'epoca elisabettiana, è un dolce al cucchiaio a base di crema pasticcera e crema al cioccolato, aromatizzata con Alchermes.

 

Pulled pork (maiale sfilacciato) al forno

Pulled pork: una tecnica di cottura al barbeque della spalla di maiale, qui proposta in versione casalinga con il capocollo, a cottura lenta in forno.

Salsa Senape al Miele - Ricetta con limone o aceto

Una delle varianti più classiche della senape è la senape al miele, una salsa molto accattivante che abbina l'acidità della senape alla dolcezza del miele.

Ziti lardiati - Ricetta

Ziti lardiati: la ricetta tradizionale campana preparata con lardo stagionato e pomodorini del Vesuvio, e la tipica pasta simile ai bucatini.

Bucatini (o meglio spaghetti) all'amatriciana

I bucatini (o meglio spaghetti) all'amatriciana, la pasta con pomodoro e guanciale (e senza cipolla nella versione tradizionale) che viene da Amatrice.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.