Torta sbrisolona

Guarda il video >>

La torta sbrisolona è un famoso dolce originario della città di Mantova, in Lombardia, la cui prima ricetta ufficiale risale al Seicento.

La sbrisolona viene, però, prodotta e consumata anche nel Veronese ed in Emilia ed è ormai famosa in tutta l'Italia e anche all'estero, dove è diventata uno dei simboli del patrimonio gastronomico italiano.

Il comune di Mantova ha avviato le pratiche per il riconoscimento della DOP della torta sbrisolona ed ha inserito questo dolce tra i Prodotti Agroalimentari Tradizionali Lombardi.

Il nome dialettale "sbrisolona" le venne dato perchè questa torta si sbriciola facilmente (in dialetto mantovano briciola si dice, appunto, "brisa"), per via del fatto che ha un impasto molto friabile simile a quello del crumble americano.

Altri nomi comuni dati alla torta sbrisolona a seconda della zona di provenienza sono: sbrisolina, sbriociolina, sbrisuluna, sbrisulusa, sbriciolata o sbrisulada.

Ricetta della torta sbrisolona mantovana

Sbrisolona

La torta sbrisolona ha origini contadine e veniva chiamata la torta delle 3 tazze, perchè per prepararla occorrevano le stese dosi (una tazza) di 3 ingredienti diversi: la farina gialla di mais, la farina bianca di frumento e lo zucchero.
In passato, inoltre, si utilizzavano le nocciole locali al posto delle mandorle esotiche e lo strutto al posto del burro, perchè ingredienti più economici. Purtroppo oggi in moltissimi prodotti si trova la margarina al posto del burro, dunque consiglio sempre di leggere gli ingredienti e di evitare i prodotti che non utilizzano esclusivamente burro, evitare anche i prodotti che contengono aromi generici, ma scegliere solo quelli con aromi naturali.

 

 

Quella che propongo è la versione attuale della torta sbrisolona tradizionale mantovana.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 12 porzioni

  • 200 g di mandorle dolci già sgusciate e spellate
  • 200 g di farina di mais per dolci tipo fioretto/fumetto
  • 200 g di farina bianca per dolci tipo 00
  • 200 g di zucchero
  • 200 g di burro 
  • 2 tuorli d'uovo
  • la buccia di mezzo limone grattugiata
  • la polpa di una bacca di vaniglia (o un pizzico di vanillina)
  • zucchero a velo q.b. per spolverare
  • una dozzina di mandorle con guscio

Preparazione

Tritare le mandorle, non tutte, tenerne una decina da parte per la decorazione finale, in un tritatutto senza ridurle a polvere, ma lasciarle grossolane.

Ammorbidire il burro lasciandolo fuori dal frigo per una mezz'ora, già tagliato a pezzetti, poi in una ciotola mescolare tutti gli ingredienti, le farine, le uova, la vaniglia, il burro, lo zucchero e la scorza di limone. Amalgamare bene tra di loro gli ingredienti ma senza compattarli, il composto deve rimanere sbricioloso, appunto.

In una teglia circolare (circa 25 cm diametro) imburrata o coperta da carta da forno versare il composto senza schiacciarlo, ma distribuendolo a pioggia. Decorare con le mandorle intere non sgusciate.

Infornare a 180°C per circa 1 ora.

Infine, una volta fatta raffreddare, spolverare la torta sbrisolona di zucchero a velo e servire.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

431 kcal - 1802 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

1 g

Proteine

8 g - 7%

Carboidrati

45 g - 40%

Grassi

26 g - 52%

di cui

 

saturi

9.6 g

monoinsaturi

11.2 g

polinsaturi

2.8 g

Fibre

3 g

Colesterolo

131 mg

Sodio

7 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Sfincione palermitano (U' sfinciuni)

U' sfinciuni (lo sfincione): non una semplice pizza ma uno dei cibi tipici dello street food palermitano, fatto da un impasto molto soffice con un fondo croccante.


Focaccia barese

La focaccia barese, ricetta con poolish, impasto a macchina e a mano: tutelata da un Consorzio e adorata da tutti i pugliesi.


Pasta ai quattro formaggi

Pasta ai quattro formaggi, ovviamente senza panna: un simbolo dell'Italia all'estero. Quali formaggi usare? E come creare la cremina?


Pane con la milza (pani cà meusa)

Il pane con la milza (pani cà meusa): un panino irresistibile tipico dello street food palermitano.

 


Porceddu (o porcetto?) sardo

Poscheddu, porcheddu, polcheddu, porceddu, porchetto, porcetto: sono tanti i nomi dialettali sardi per indicare questa tipicità della cucina regionale, il maialino da latte cotto allo spiedo.


Polpette di carne

Le polpette: le più conosciute sono quelle di carne ma esistono anche di pesce o di legumi.


Rösti di patate

Il rosti di patate: le frittelle che provengono dalla cucina svizzera, tutti i segreti per prepararle nel modo tradizionale.


Street food palermitano

Lo street food a Palermo, la città italiana dove il cibo di strada è una vera e propria tradizione gastronomica.