Torta tenerina

Oggi la conosciamo come torta tenerina ma in passato sono stati altri i suoi nomi e soprannomi. La tenerina nacque alla fine dell'Ottocento come torta montenegrina in onore della regina del Montenegro che andò in sposa all'allora re d'Italia Vittorio Emanuele III. Nacque nel ferrarese dove in dialetto veniva chiamata anche "torta tacolenta" per via della sua consistenza interna molto morbida e un po' appiccicosa in bocca. Non è chiaro quando si iniziò a chiamarla tenerina, probabilmente è stata un'operazione di marketing di qualche pasticceria di questi ultimi decenni... Sicuramente "tenerina" è un nome molto più accattivante!

L'ingrediente fondamentale della torta tenerina è il cioccolato, rigorosamente fondente (almeno 60%) e la peculiarità di questo dolce sta nel fatto che non ha lievito, si presenta, infatti, come una torta bassa (1-2 cm), con una crosta esterna croccante e un ripieno morbido e poco cotto che dà la sensazione di scioglievolezza in bocca. Le stesse critiche rivolte al tortino al cioccolato con cuore fondente si possono rivolgere a questa torta: l'interno, se lo vogliamo cremoso, in realtà è semplicemente crudo... Se proprio siete dei puristi e non volete amidi non perfettamente cotti, allora puntate sulle versione senza farina, quella con al suo posto, il cacao in polvere.

In questo ricorda altre torte e altri dolci realizzati con la stessa filosofia: la torta caprese campana, il tortino al cioccolato con cuore fondente, i brownies statunitensi.

La torta tenerina si può trovare in vendita nelle pasticcerie e nei negozi di delicatessen della città di Ferrara, della sua provincia e in poche altre zone limitrofe. Ne esiste anche una variante al caffè.

 

 

Ricetta della torta tenerina

Torta Tenerina

Come dicevamo, il cioccolato impera in questo dolce e si può anche rafforzare il suo gusto amarognolo usando, al posto della farina, il cacao amaro in polvere, sempre nelle stesse dosi (50 g).

La realizzazione della tenerina è molto semplice, occore solo prestare molta attenzione al momento della cottura dalla quale dipende il corretto esito del cuore morbido: a 180°C per massimo 30 minuti in forno ventilato, comunque consiglio di fare la prova dello stuzzicadente per valutare l'effettiva cottura del cuore, in base ai propri gusti.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per uno stampo da 24 cm (10 porzioni)

  • 200 g di cioccolato fondente (>60%)
  • 2 uova
  • 100 g di zucchero
  • 50 g di farina
  • 120 g di burro
  • zucchero a velo per decorare

Preparazione

Sciogliere il cioccolato a pezzi a bagnomaria e unire poco alla volta il burro amalgamando bene fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo, senza grumi. Separare i tuorli dagli albumi in due ciotole separate: montare i tuorli con lo zucchero con le fruste e gli albumi da soli a neve ferma. Unire il composto di cioccolato e burro alle uova e zucchero, unire anche la farina setacciata e gli albumi delicatamente, mescolando dal basso verso l'alto. Versare l'impasto della tenerina in uno stampo di circa 24 cm di diametro imburrato o foderato con carta da forno e cuocere in forno già caldo a 180°C per 25-30 minuti. Una volta raffreddatasi, decorare la torta con zucchero a velo.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

270 kcal - 1129 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

1 g

Proteine

3 g - 5%

Carboidrati

25 g - 36%

Grassi

18 g - 59%

di cui

 

saturi

10.5 g

monoinsaturi

5.4 g

polinsaturi

0.7 g

Fibre

1 g

Colesterolo

71 mg

Sodio

39 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Porceddu (o porcetto?) sardo

Poscheddu, porcheddu, polcheddu, porceddu, porchetto, porcetto: sono tanti i nomi dialettali sardi per indicare questa tipicità della cucina regionale, il maialino da latte cotto allo spiedo.


Polpette di carne

Le polpette: le più conosciute sono quelle di carne ma esistono anche di pesce o di legumi.


Rösti di patate

Il rosti di patate: le frittelle che provengono dalla cucina svizzera, tutti i segreti per prepararle nel modo tradizionale.


Street food palermitano

Lo street food a Palermo, la città italiana dove il cibo di strada è una vera e propria tradizione gastronomica.

 


Tzatziki (salsa greca)

Il tzatziki: la famosissima salsa greca all'aglio e al cetriolo usata in abbinamento di piatti di carne.


Gramigna alla salsiccia

La gramigna alla salsiccia: la vera ricetta emiliana, senza panna, senza funghi, senza piselli, solo con ragù di salsiccia.


Il ceviche o cebiche di pesce

Il ceviche o cebiche: un piatto a base di pesce crudo marinato che viene dal Sud America e sta spopolando anche in Italia.


Le tapas

Le tapas sono piccoli accompagnamenti gastronomici che vengono serviti in tutti i locali spagnoli assieme alla bevanda ordinata. La moda dell'aperitivo nasce in Spagna.