Savoiardi fatti in casa

I savoiardi sono dei biscotti secchi dalla forma stretta e allungata e dalla consistenza spumosa e soffice, dovuta alla presenza di molti albumi montati a neve. In inglese vengono chiamati "lady fingers" (dita di dama) oppure "spoon cookies" (biscotti cucchiaio) proprio per la loro forma affusolata.

 

 

I savoiardi sono biscotti originari dell'epoca del Regno di Savoia, come ci suggerisce il nome, situato nell'odierno Piemonte. Sono stati perparati la prima volta durante il Quattrocento dal cuoco di corte dei Duchi di Savoia in onore della visita del Re di Francia.

La loro fama nel corso dei secoli ha superato i confini piemontesi ed oggi sono tra i biscotti più comuni e diffusi non solo in Italia, ma anche nel resto del mondo, in Europa, in Usa, in Sud America, in Australia, nel Medio Oriente e persino in Indonesia!

In Sardegna sono conosciuti come "pistoccus" o "pistoccheddus" e in Molise come "prestofatti", tra l'altro inseriti anche nell'elenco dei prodotti tradizionali agroalimentari molisani.

Vengono consumati da soli oppure usati in tantissime preparazioni di pasticceria, poiché, grazie alla loro consistenza spugnosa e friabile si prestano molto ad essere inzuppati in liquidi come il caffè, il e vari liquori (Alchermes, Marsala, Porto, Rum etc...).

 

 

Sono uno degli ingredienti principali del tiramisù, dove vengono usati come base, della torta Charlotte e della zuppa inglese, dove spesso vengono messi al posto del Pan di Spagna.

Ricetta dei savoiardi

Savoiardi

L'ingrediente fondamentale per preparare i savoiardi sono le uova, ce ne vogliono molte, consiglio di comprarle fresche e di consumarle quando sono ancora lontane dalla scadenza controllando che i tuorli rimangano sodi e compatti. Vanno utilizzate a temperatura ambiente, perché montano meglio e più facilmente.

Per una perfetta realizzazione dei savoiardi occorre munirsi di una sac a poche oppure di una teglia con gli stampi dei biscotti già predisposti.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

 

 

Tempo totale:

Ingredienti per 25 savoiardi

  • 75 g di albumi
  • 50 g di tuorli
  • 90 g di zucchero semolato
  • 80 g di farina per dolci (W180)
  • 40 g di fecola di patate
  • zucchero a velo
  • mezza bacca di vaniglia o qualche goccia di estratto di vaniglia

Procedimento

Prima di tutto dividere gli albumi dai tuorli in due ciotole diverse.

Montare gli albumi insieme a metà dello zucchero in una grande ciotola, fino ad ottenere un composto lucido, ben montato ma non perfettamente stabile. Montare anche i tuorli assieme allo zucchero restante, ai semi della vaniglia (o all'estratto).

Unite i tuorli agli albumi montati e mescolare delicatamente con la spatola, quando sono quasi completamente incorporati, unire la farina setacciata e la fecola, in tre volte, ogni volta bisognerà mescolare delicatamente ma rapidamente, dal basso verso l'alto, con la spatola. L'operazione è corretta se le farine vengono completamente incorporate, e il composto non si sgonfia troppo.

Mettere il composto nella sacca da pasticceria, con bocchetta tonda da 1,5 cm, oppure anche senza bocchetta, tagliare la sacca in modo tale che il foro sia di circa 1,5 cm. Formare dei cilindri di circa 8 cm di lunghezza, su un foglio di carta da forno. Spolverarli di zucchero, attendere che venga assorbito, quindi spolverarli di nuovo.

Cuocere in forno già caldo a 200°, ventilato, messo in fessura, ovvero tenuto leggermente aperto con l'aiuto di un cucchiaio di legno, per 15 minuti. Devono appena prendere colore, quando avranno formato la crosticina, sono pronti. Se prendono troppo colore, abbassare a 180 gradi dopo 5 minuti di cottura.

Informazioni nutrizionali per savoiardo

 

Energia

38 kcal - 159 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

1 g

Proteine

1 g - 10%

Carboidrati

8 g - 76%

Grassi

1 g - 14%

di cui

 

saturi

0.1 g

monoinsaturi

0.1 g

polinsaturi

0.1 g

Fibre

0 g

Colesterolo

27 mg

Sodio

6 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Besciamella fatta in casa tradizionale e leggera

La salsa besciamella è una delle salse basi della cucina, probabilmente la più famosa, non a caso è chiamata anche salsa madre.


Tarte Tatin: origine e ricetta alle albicocche

La Tarte Tatin di albicocche è una variante delle famosa torta di mele di origine francese.


Saltimbocca alla romana

I saltimbocca alla romana: involtini di carne ripieni di prosciutto e salvia.


Le pentole antiaderenti sono cancerogene?

Le pentole antiaderenti sono in genere sicure se utilizzate correttamente, fatte secondo le norme europee e di buona qualità.

 


Pollo in fricassea ricetta e video

La fricassea è una tecnica di cottura della carne detta anche "stufatura bianca". Ricetta e videoricetta della fricassea di pollo.


Spaghetti di soia con gamberi e verdure

Gli spaghetti di soia con gamberi e verdure: una ricetta ispirata alla cucina tailandese e in particolare al suo piatto nazionale.


Salmone marinato a secco con sale e zucchero (gravadlax)

Il salmone marinato a secco è una ricetta diffusa in tutta la Scandinavia, e in particolare in Svezia, dove viene chiamato gravlax o gravad lax.


Caponata di melanzane - Ricetta siciliana

Caponata di melanzane: ricette tradizionali siciliane, possibili varianti anche in chiave dietetica.