Cavolfiore gratinato al forno con besciamella

Il cavolfiore gratinato è un grande classico della cucina tradizionale, un modo molto efficace per rendere goloso questo ortaggio presente tutto l'anno negli scaffali del supermercato, anche se la sua stagione ideale è l'inverno, insieme a tutti gli altri cavoli.

 

 

La ricetta classica, che vi proponiamo in questo articolo, è fatta con la besciamella, ma il cavolfiore gratinato può essere prodotto anche senza. La ricetta del cavolfiore gratinato senza besciamella è molto richiesta ed è anch'essa una ricetta tradizionale, in particolare siciliana: si chiama "cavolfiore affucatu" (affogato) e prevede l'utilizzo del caciocavallo al posto del tradizionale parmigiano (o grana).

Light senza besciamella?

 

 

Molti credono che la besciamella renda la ricetta molto più calorica e che quindi basti eliminarla per avere una variante "light", ma in realtà questo non è necessariamente vero: la besciamella tradizionale non ha una densità calorica eccessiva, visto che apporta circa 150 kcal/hg, un valore tutto sommato "medio" e molto inferiore a quello del formaggio che ne ha almeno 300 (se parliamo di formaggi semistagionati come il Taleggio o lo stracchino) e fino a 450 se parliamo di caciocavallo o pecorino. In altre parole, le calorie della ricetta dipendono soprattutto dal formaggio: se per eliminare la besciamella siamo costretti ad utilizzare più formaggio, il vantaggio potrebbe ridursi fortemente o addirittura essere annullato. Quindi non abbiate paura della besciamella: non usatela solo se non vi piace. E se volete alleggerirla, usate latte parzialmente scremato al posto di quello intero, otterrete, su mezzo litro di latte, un risparmio di 100 kcal totali, non molte a dire il vero, ma sostanzialmente senza alcuna penalizzazione in termini di gusto.

Ricetta del cavolfiore gratinato con besciamella

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Cavolfiore gratinato

La ricetta tradizionale è fatta con cavolfiore bianco, tuttavia nulla vita di utilizzare il cavolo romanesco o un cavolfiore di colore diverso (oggi sul mercato se ne trovano di gialli, viola e anche di altri colori).

La ricetta classica prevede l'utilizzo di Parmigiano-Reggiano, la trovate nel nostro video.

Qui vi proponiamo una variante, con Fontina, Gruviere o formaggi similari, dunque non troppo stagionati, che fondano facilmente, e dal sapore abbastanza marcato.

Ingredienti per 6 persone

  • 1,2 kg di cavolfiore già pulito
  • 500 g di latte intero
  • 45 g di burro
  • 35 g di farina
  • 150 g di Fontina o Gruviere
  • sale
  • pepe
  • noce moscata

Procedimento

 

 

Tagliare il cavolfiore staccando le cime con le mani, eliminare il gambo centrale, più duro, sciacquare brevemente e lessare in acqua bollente, salata, per circa 10 minuti, finché non sarà pronto (lasciarlo sodo, non si deve disfare quando penetrato con una forchetta).

Nel frattempo, preparare la besciamella: scaldare il latte in una caraffa, al microonde, per un paio di minuti. Mettere il burro in una casseruola di 18-20 cm, quando inizia a soffriggere unire la farina, cuocerla mescolando con la frusta per 30 secondi, quindi unire la metà del latte, mescolare bene con la frusta, quando il composto è omogeneo unire il resto del latte e portare ad ebollizione mescolando in continuazione. Spegnere, regolare di sale, pepe e noce moscata.

Scaldare il forno a 200 gradi, statico o ventilato non importa, l'importante è che siano accese le resistenze superiori e inferiori. Foderare una teglia con la carta da forno, disporre il cavolfiore uniformemente, versare la besciamella sul cavolfiore, cospargere col formaggio grattugiato (a scaglie) e infornare per circa 10 minuti circa, finché non sarà ben dorato in superficie.

Informazioni nutrizionali per porzione

Energia

275 kcal - 1150 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

11 g

Proteine

18 g - 26%

Carboidrati

14 g - 20%

Grassi

17 g - 54%

di cui

 

saturi

9.8 g

monoinsaturi

4.5 g

polinsaturi

0.7 g

Fibre

5 g

Colesterolo

55 mg

Sodio

192 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Frittelle di mele - Gonfie e soffici

Le frittelle di mele sono un dolce tipico della regione Trentino Alto Adige, ma diffusa in tutta Italia. Scopri come farle gonfie e soffici!

Scapece

Scapece ovvero la marinatura in aceto ed erbe aromatiche di verdure o pesci fritti tipica del Meridione.

Alici marinate - Ricetta classica e veloce con aceto

Le alici marinate sono un piatto semplice, ma è importante adottare alcuni accorgimenti per essere sicuri del risultato. Scopriamo questa ricetta con aceto, vino e limone.

Pasta con pesto di pistacchi e gamberi

Pasta con pesto di pistacchi e gamberi: una raffinata e gustosa ricetta di origine siciliana, patria tanto dei gamberi, quanto dei pistacchi.

 

Zeppole di San Giuseppe

Zeppole di San Giuseppe: i dolci tipici campani, diffusi un po' in tutto il sud Italia, a base di pasta per bignè che però viene fritta, dopo un passaggio in forno.

Ziti alla genovese - Origini e ricetta napoletana

Ziti alla genovese: la ricetta originale napoletana di questo primo piatto a base di cipolle e carne di manzo.

Gulasch (o gulash) : ricetta originale e light

Il gulasch, il famoso piatto ungherese qui proposto con la ricetta originale, ma anche rivisitato in chiave dietetica.

Pici all'aglione - Ricetta toscana

I pici all'aglione sono un piatto di origine toscana, preparato con un particolare aglio molto grosso come dimensioni, ma più delicato.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.