Consumo etico di frutta e verdura

Il consumo etico è molto di moda e lo sarà sempre di più nei prossimi anni, la cosa è senz'altro positiva anche se per farlo in modo corretto bisogna capire bene quale sia l'impatto ambientale delle nostre scelte, al fine di ridurlo nei limiti del possibile.

 

 

A mio parere il consumo etico di frutta e verdura dovrebbe essere compatibile con uno stile alimentare pratico, sostenibile a lungo termine e salutisticamente corretto.

Per rispettare questi tre requisiti propongo un approccio pragmatico che prevede di rispettare alcune regole che non solo limitano le emissioni di anidride carbonica nell'atmosfera e l'inquinamento in generale, ma nel contempo massimizzano la qualità di vita a tavola e fanno anche risparmiare soldi.

Come scegliere la frutta e la verdura

"Bisogna mangiare frutta e verdura di stagione." Consiglio trito e ritrito... Ma abbastanza vago se non stabiliamo cos'è la frutta e la verdura di stagione, cioè se non identifichiamo prima un ambito geografico e un criterio di coltivazione.

A mio parere una scelta etica prevede di non consumare i cibi prodotti in serra riscaldata, di dare priorità ai cibi che abbiano viaggiato poco, cioè prodotti il più vicino possibile al luogo di residenza, e di dare priorità ai cibi freschi.

 

 

Per evitare i cibi prodotti in serra riscaldata è sufficiente seguire il calendario della frutta e della verdura di stagione che trovate in home page sul nostro sito o in molti altri siti, che corrispondono a un ambito geografico limitato all'Italia. Questo consente di avere una finestra temporale per ogni singolo prodotto piuttosto ampia: se mi limito a una regione la maggior parte dei prodotti sono reperibili per poche settimane, mentre se consideriamo tutta l'Italia in genere tale finestra si espande fino a 2-3 mesi.

In pratica, mangiare frutta e verdura di stagione significa acquistare i prodotti che costano meno (spesso sono quelli in offerta al supermercato), con un vantaggio economico notevole.

Significa mangiare i prodotti maturati in modo ottimale, migliori dal punto di vista organolettico.

Significa non mangiare MAI (o quasi mai...) pomodori, zucchine, asparagi in inverno e in primavera o cardi in estate, significa non mangiare sempre le stesse cose ma variare durante l'anno seguendo il ciclo delle stagioni.

Consumo etico di frutta e verdura

Per fare questo bisogna:

  • amare tutta la frutta e la verdura, cioè avere gusti "aperti";
  • conoscere e saper cucinare frutta e verdura di stagione.

Molti comprano solo melanzane, zucchine, peperoni e pomodori perché sanno cucinare solo quelli...

Per quanto riguarda la scelta della provenienza dei vari alimenti, a mio parere bisognerebbe dare la priorità ai cibi locali, nel limite delle proprie possibilità. Ormai ogni grande città ha il proprio mercato contadino dove poter acquistare frutta, verdura e altri prodotti locali. Chi abita in campagna troverà facilmente un produttore comodo, dove abito io ce ne sono almeno 4 nel tragitto da casa alla piscina (12 km), basta informarsi e scegliere il produttore più comodo, e abituarsi ad sfruttarlo per gli acquisti di frutta e verdura. Tali prodotti spesso sono di migliore qualità rispetto al supermercato se non altro perché vengono raccolti e venduti nel giro di uno-due giorni. Dunque, la scelta non è solo etica ma anche di qualità: puntate alla qualità e non pensate all'etica, avrete più stimoli per comprare dal produttore. Al supermercato si può continuare ad acquistare una parte della frutta e della verdura, il resto dal produttore o al mercato contadino... Perché no anche durante la gita fuoriporta domenicale.

Le eccezioni

 

 

Ho detto che una scelta etica deve essere compatibile con la massima qualità di vita alimentare. Ed è così... Esistono quindi alcune eccezioni che tuttavia non sono così impattanti sull'ambiente e ci consentono di rendere la nostra scelta naturale e compatibile con una vita moderna.

La prima eccezione riguarda i frutti esotici, cioè quelli che non crescono in Italia. Banane, ananas, mango, papaya, e gli altri frutti tropicali possono essere consumati, ci mancherebbe... E possono solo provenire dai paesi esotici! Se siamo abituati ad apprezzare tutti i cibi, il loro consumo diventa sporadico, almeno per la maggior parte di questi frutti. In primavera e in estate qui ci sono ottime ciliegie, fragole, fichi, pesche, albicocche, prugne... Sinceramente non ho una gran voglia di ananas!

La seconda eccezione riguarda i cibi provenienti da paesi europei, soprattutto dalla Spagna. Le primizie di primavera ed estate (soprattutto le fragole) provengono dalla Spagna, sono economiche e molto spesso di alta qualità. Non vedo una gran differenza tra la Spagna e la Sicilia in termini chilometrici e quindi di impatto ambientale... Dunque, non vedo problemi ad acquistare fragole spagnole per una, due settimane, aspettando l'arrivo delle nostre. Diverso è il caso dei peperoni olandesi acquistati in Dicembre o delle pere Argentine in Aprile!

La terza eccezione riguarda i cibi conservati: i surgelati e i cibi in scatola. Ovvio che l'impatto ambientale sia maggiore per questi cibi, e lo è anche il costo. Questi cibi dovrebbero svolgere il compito che hanno sempre svolto: rappresentare l'eccezione quando il cibo fresco non è disponibile. A mio parere non andrebbero consumati abitualmente solo per una scelta etica, ma anche economica: se mangio 1 kg tra frutta e verdura al giorno e la pago 5 euro al kg (costo del cibo conservato) invece che 2, alla fine del mese ottengo un risparmio notevole. Diverso è il caso del prodotto fresco ma già pulito o già cotto (che costa comunque tanto): in questo caso il problema ambientale riguarda il packaging... Ma quando compriamo frutta verdura fresca ci viene fornita comunque dentro sacchetti di carta e plastica!

Concludendo, si può essere etici senza perdere tempo, mangiando di tutto e mangiando cibi di ottima qualità, senza dover rinunciare al supermercato, ai cibi pronti, ai cibi esotici. Basta un po' di buon senso e si scopre che la scelta più edonistica è spesso anche la scelta eticamente migliore.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Dietidea: la dieta del riso Scotti del prof. Sorrentino

Dietidea è la nuova dieta del riso, ideata dal prof. Sorrentino in collaborazione con Scotti. Scopriamo i pro e i contro di questa dieta.


Come verificare l'attendibilità di uno studio scientifico?

L'attendibilità di uno studio scientifico si ha quando quest'ultimo rispetta diverse caratteristiche che rendono i risultati vicini alla verità.


Pollo da allevamento biologico

L'allevamento biologico del pollo, sia per la produzione di carne che per quella delle uova, richiede costi maggiori ma permette un prodotto di maggior qualità.


Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

 


Allevamento intensivo dei polli

L'allevamento intensivo dei polli è un metodo di produzione di carne e uova che nasconde diversi problemi, non solo per la salute degli animali, ma anche per quella umana.


Tenerezza della carne bovina

I tagli di carne più tenera: la tenerezza delle carni bovine secondo uno studio scientifico che valuta la qualità dei vari muscoli dei bovini.


Dieta volumetrica: dimagrire con la densità calorica

La dieta volumetrica si basa sul concetto promosso e utilizzato fin dall'inizio della mia attività nel campo dell'alimentazione, quello della densità calorica.


Il modello a calorie o sistema Atwater

Il modello a calorie è stato ideato da Atwater e colleghi che hanno studiato la quantità di energia fornita da carboidrati, proteine e grassi.