Carciofi alla giudia

I carciofi alla giudia sono un tipico contorno della cucina romana e laziale, ormai diffuso in tutti i ristoranti della capitale e dalla tradizione decennale.

 

 

Sembra, infatti, che il piatto dei carciofi alla giudia sia nato nel ghetto ebraico di Roma, in particolar modo in occasione della festa dell'espiazione (Kippur in ebraico), una giornata durante la quale si osserva il digiuno totale.

Una volta trascorsa la giornata del Kippur gli ebrei festeggiavano (e festeggiano tuttora) preparando un piatto di carciofi fritti, "alla giudia" appunto, una ricetta che in qualche modo può rientrare anche nella cucina tradizionale kosher, oltre che in quella romana e laziale.

La ricetta dei carciofi alla giudia non va confusa con quella dei carciofi alla romana, per quanto l'ingrediente di base sia lo stesso, il carciofo tipico di questa zona chiamato mammola o cimarolo, e benchè sia lasciato intero in entrambi i casi, la giudia e la romana sono due metodi di cottura totalmente distinti. Nella ricetta "alla giudia" il carciofo viene fritto, mentre in quella "alla romana" il carciofo viene farcito con aromi (aglio, menta, prezzemolo) e pan grattato e stufato in un tegame. 

 

 

Ricetta dei carciofi alla giudia

Carciofi giudia

La ricetta è molto semplice, occorre solo avere un po' di pazienza nel pulire i carciofi prima della frittura.

Ingredienti per 4 persone

  • 4 carciofi della varietà mammola
  • 1 limone
  • sale q.b.
  • olio di semi di arachidi per la frittura q.b.

Procedimento: eliminare le foglie più dure ed esterne del carciofo, eliminare le punte dell'estremità inferiore e scavarli internamente aiutandosi con un cucchiaio per eliminare anche la "barbetta".

Metterli a bagno in una bacinella con l'acqua e il succo del limone spremuto, per fare in modo che i carciofi non diventino neri.

In un tegame capiente riscaldare l'olio e portarlo al giusto punto per la frittura, scolare i carciofi, asciugarli e immergerli nell'olio bollente, farli friggere per circa 8-10 minuti, quindi stenderli su carta assorbente e aprire verso l'esterno le foglie come fossero petali di un fiore.

Servirli ancora caldi a testa in giù con una spolverata di sale.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Il risotto alla milanese

Il risotto alla milanese: il re dei piatti della cucina lombarda affonda le sue origini nel Cinquecento.


New York Cheesecake Ricetta

La cheesecake di New York, la torta al formaggio che ha fatto il giro del mondo.


Ramen (zuppa giapponese)

Il ramen è un piatto tipico giapponese composto da tagliolini cotti nel brodo di carne e altri svariati ingredienti.


Polpo alla Luciana

Il polpo alla Luciana: una ricetta tipica campana che prende origine dalla cucina povera dei marinai.

 


Cosce di rana fritte

Rane fritte: i segreti per una delle ricette più conosciute con la carne di rana.


Tarte Tatin: origine e ricetta alle albicocche

La Tarte Tatin di albicocche è una variante delle famosa torta di mele di origine francese.


Tiramisù con crema mascarpone

Tiramisù con crema mascarpone: la versione moderna del dolce di origine veneta, quella senza zabaione che troviamo ormai nella stragrande maggioranza dei locali.


Il tiramisù

Il tiramisù: di origine veneta, è uno dei dolci più diffusi in Italia, fatto con zabaione, mascarpone e savoiardi inzuppati nel caffè.