Taralli - Tarallini

I taralli, chiamati anche tarallini, sono una specialità da forno tipica del Meridione, vengono prodotti un po' in tutte le regioni del Sud Italia anche se i più famosi e conosciuti sono quelli pugliesi.

 

 

I taralli sono stati inseriti nell'elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali Italiani in diverse regioni italiane.

Vengono prodotti in numerose varianti, sia dolci che salati, generalmente a forma di anelli di piccole dimensioni (dai 2 agli 8 cm). Esistono anche gli scaldatelli pugliesi che hanno lo stesso impasto dei taralli ma una forma diversa, come di anelli allungati e stretti.

Nell'impasto troviamo farina, vino bianco, olio, sale o zucchero nelle versioni dolci e poi tanti altri ingredienti aromatizzanti come i semi di finocchio, i semi di anice, il peperoncino, il pepe nero, il patè di olive, le mandorle... 

Prima di essere cotti vengono appena scottati in acqua bollente (un po' come avviene per i bagels) e poi infornati per circa una mezz'oretta.

Hanno una consistenza friabile e vengono mangiati come snack durante l'aperitivo.

I taralli napoletani

 

 

Taralli Napoletani

Tra i tanti taralli del Meridione, meritano una menzione i taralli napoletani, decisamente più grandi degli altri, composti a treccia e detti "nzogna e pepe" poiché aromatizzati con sugna (strutto) e pepe nero, oltre che con mandorle intere.

I taralli napoletani sono ancora più friabili di quelli pugliesi, grazie allo strutto usato al posto dell'olio, e sono solitamente più grandi: un solo tarallo ha quasi le calorie di un pasto... Quindi bisogna andarci piano!

Ricetta dei taralli

Taralli

Ingredienti:

  • 250 g di farina
  • 100 ml di vino bianco
  • 75 ml di olio extra vergine di oliva
  • 7 g di sale
  • una spolverata di pepe nero
  • erbe aromatiche e spezie a piacere (anice, semi di finocchio, peperoncino...)
  • 1 l d'acqua
Procedimento: in una ciotola mescolare la farina con l'olio, il sale, il pepe e le erbe aromatiche, per ultimo aggiungere il vino e mescolare bene. Impastare a lungo con le mani fino ad ottenere un composto elastico e liscio.
Lasciare riposare l'impasto per almeno mezz'ora dentro la pellicola e coperto da un telo.
Formare tante palline (circa 50) e arrotolarle in bastoncini con le mani, quindi unire le estremità di ogni bastoncino ad anello.
Mettere a bollire l'acqua e quando bolle con l'aiuto di uno scolapasta sbollentare i tarallini per pochi secondi un po' alla volta. Quindi trasferire i taralli scolati su una teglia foderata di carta da forno e cuocere a 200°C per 30 minuti, fino a che non saranno dorati.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Pollo da allevamento biologico

L'allevamento biologico del pollo, sia per la produzione di carne che per quella delle uova, richiede costi maggiori ma permette un prodotto di maggior qualità.


Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.


Allevamento intensivo dei polli

L'allevamento intensivo dei polli è un metodo di produzione di carne e uova che nasconde diversi problemi, non solo per la salute degli animali, ma anche per quella umana.


Tenerezza della carne bovina

I tagli di carne più tenera: la tenerezza delle carni bovine secondo uno studio scientifico che valuta la qualità dei vari muscoli dei bovini.

 


Dieta volumetrica: dimagrire con la densità calorica

La dieta volumetrica si basa sul concetto promosso e utilizzato fin dall'inizio della mia attività nel campo dell'alimentazione, quello della densità calorica.


Il modello a calorie o sistema Atwater

Il modello a calorie è stato ideato da Atwater e colleghi che hanno studiato la quantità di energia fornita da carboidrati, proteine e grassi.


La dieta di Filippo Ongaro

La dieta di Filippo Ongaro promette di far dimagrire mangiando i cibi giusti, con l'aiuto della nutrigenomica.


Transglutaminasi (additivo alimentare)

La transglutaminasi è un'enzima usato come additivo alimentare che ha diversi vantaggi nella produzione di alimenti, ma della cui sicurezza non si è ancora certi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.