Riso glutinoso

Il riso glutinoso è una tipologia di riso asiatico proveniente dalla pianta chiamata Oryza sativa glutinosa. Il termine glutinoso deriva dunque dal nome della pianta e non dal fatto che questo riso contenga glutine; come ogni altro riso, infatti, anche il glutinoso non contiene glutine ed è adatto all'alimentazione dei celiaci. 

 

 

Viene chiamato anche riso appiccicoso o ceroso, perchè, dato l'elevato contenuto di amilopectina, una componente dell'amido, durante la cottura diventa molto appiccicoso. In inglese il termine "glue" sta infatti per colla, e nei paesi anglosassoni si è scelto il nome di "glutinous rice" nel senso di "riso che assomiglia alla colla", ed è molto probabile che anche la terminologia italiana derivi dall'assonanza fonetica con la lingua anglosassone.

Altri nomi di questo riso sono riso dolce, poichè ha un sapore zuccherino e si adatta bene alla preparazione di dolci e dessert, o perla di riso, o ancora botan, biroin chal, pulut o mochi dai nomi che gli vengono dati localmente in Oriente.

Storia e coltivazione del riso glutinoso

Riso glutinoso

Il riso glutinoso viene coltivato in tutto l'Asia meridionale: in Cina, nel Laos, in Giappone, in Vietnam, nelle Filippine, in Corea, in Thailandia, in Indonesia, in Malesia, in Taiwan, in Cambogia e nel Nord-Est dell'India. Il riso glutinoso è stato scoperto più di duemila anni fa nel Laos, che ancora oggi ne detiene il primato nella produzione e che ha messo a disposizione ceppi di riso glutinoso secondo un programma di ricerca nazionale.

Caratteristiche e uso in cucina

Il riso glutinoso si presenta con chicchi piccoli, di forma snella e appuntita e di colore bianco, oppure viola o bruno se integrale. Viene commercializzato anche sotto forma di farina di riso o di mirin (condimento giapponese ottenuto dalla sua fermentazione).

 

 

In Italia è abbastanza difficile da reperire se non in negozi di prodotti asiatici oppure online.

Si presta bene alla preparazione di dolci asiatici ed etnici, per esempio in Thailandia viene cotto e servito dentro  le foglie di banano (vedi cucina Tailandese), oppure in Birmania viene accompagnato con cocco fritto e noccioline tostate, in Giappone viene servito come dolcetto di forma sferica spolverato di farina di cocco (i cosiddetti mochi).
In generale si abbina bene a tutta la frutta esotica, come il mango, la banana o alle spezie come la cannella e lo zenzero.

Una volta acquistato va messo in ammollo prima della cottura per qualche ora e la cottura può durare dai 20 minuti alle 12 ore, più si farà cuocere, più il riso glutinoso diventerà colloso e cremoso.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Budelli per salumi: tipologie, proprietà, preparazione all'uso

I budelli per salumi sono di diverse tipologie, con pro e contro che vanno valutati a seconda del risultato desiderato.


Luganega trentina, veneta e lombarda

La luganega è un salume tipico del Nord Italia, in particolare delle regioni Trentino, Veneto e Lombardia, dove viene chiamata anche luganiga o luganica.


Cotechino

Il cotechino: il tipico salume che si consuma nel periodo natalizio con le lenticchie.


Salame

Salame: il tipico salume di carne macinata stagionato diversi mesi.

 


Uova di struzzo: valori nutrizionali, storia e curiosità

Le uova di struzzo sono le uova di uccello più grandi esistenti. Vengono usate sia a scopo decorativo che in cucina.


Uova di oca: proprietà e differenze con le altre uova

Le uova di oca sono più grandi di quelle di gallina e presentano delle differenze anche per quanto riguarda i valori nutrizionali.


Olio di crusca di riso: i reali benefici (pochi)

L'olio di crusca di riso ha diverse proprietà benefiche molte delle quali ancora da confermare.


Wet market: cosa sono e cosa provocano

I wet markets sono mercati in cui vengono venduti animali spesso ancora vivi e che vengono macellati al momento dell'acquisto.