Le calorie della frutta

Indice delle risposte pubblicate

Ho trovato sul sito dell'USDA un database con le varie calorie degli alimenti aggiornate. Ho scoperto soprattutto la frutta che i dati riportati in giro sono molto sottostimati tipo la banana viene di solito data sulle 65 kcal invece è a 90. L'anguria è quasi raddoppiata.

Il database americano è sicuramente il più ricco ed aggiornato tra i database nutrizionali redatti dai vari stati. In Italia il database dell'INRAN è aggiornato al 1997 anche se molte voci si rifanno a un database del 1989, non molto aggiornato quindi, anche se nemmeno così datato. Tuttavia, bisogna pur sempre considerare che:

 

 

  • il database americano contiene i valori nutrizionali dei cibi americani e non dei cibi europei, tantomeno di quelli italiani, salvo rare eccezioni;
  • qui in Italia di cibi americani se ne trovano veramente pochi;
  • esistono cibi con una grandissima variabilità nei valori nutrizionali.

Per esempio, proporre i valori nutrizionali americani della carne bovina sarebbe un grave errore perché la carne americana è mediamente molto più grassa di quella italiana, poiché il mercato in USA valorizza il grasso di marezzatura, mentre quelli italiano lo "aborrisce", come direbbe il buon Mughini.

Il corretto utilizzo di questo strumento è quello di integrazione dei dati italiani per quanto riguarda le voci mancanti o quelle meno aggiornate, cosa che tra l'altro fanno già gli esperti che compilano i database nazionali con dati raccolti anche da altri paesi, correttamente intepretati alla luce delle differenze e delle somiglianze tra i diversi prodotti diffusi nei rispettivi stati.

 

 

Per quanto riguarda la frutta, come giustamente affermi i valori riportati dal database americano sono molto superiori a quelli del database dell'INRAN. Intanto, questo è vero solo per alcuni frutti e non per altri: se lo è per ciliegie (da 38 a 60 kcal per 100 g), angurie (da 16 a 30), kiwi (da 44 a 61), pere (da 35 a 58), non lo è per altri cibi come il cocco, il melone, le mele, le prugne, i caki e l'uva, dove i dati sono simili.

Quindi, prima di adottare le tabelle americane, operazione che sulla carta lascia il tempo che trova, visto che la frutta americana non arriva sulle nostre tavole, domandiamoci se:

  • è vero che i valori del database dell'INRAN sottostimano le calorie della frutta?

E successivamente:

  • quali sono i veri valori della frutta italiana?

La risposta alla prima domanda è Sì: alcuni valori dell'INRAN sono decisamente troppo bassi. L'ho scoperto durante il corso di assaggio della frutta dove ho imparato che alcune varietà di ciliegie e di mele (le Fushi) possono sviluppare fino a 19 gradi Brix (cioè il 19% di zuccheri, il che significa più di 75 kcal per 100 g!). Nel mio database ho aggiornato i valori di alcuni frutti tenendo in considerazione non solo i valori dell'USDA, ma interpretandoli e confrontandoli con i valori di altre tabelle.

La riposta alla seconda domanda è molto più complessa, e merita un articolo a parte. Bisogna rifarsi a valori medi e imparare a gestire le variabilità.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Posta dei visitatori


Perseverare è diabolico

Ho un dubbio che mi turba da molto tempo, sono un ragazzo che ha fatto parecchie volte diete drastiche con risultati ottimi in breve tempo...


Il calcolo della massa grassa

Mi chiedevo come sia possibile che una semplice bilancia misuri anche il metabolismo, la massa grassa, magra ecc...


La dieta Lemme: geniale o banale?

Dieta Lemme: la dieta del farmacista di Desio basata su spaghetti insipidi a colazione.


Eritritolo: un nuovo dolcificante

Ho trovato un prodotto che mi ha incuriosita, il Lakanto, un dolcificante usato e proveniente dal Giappone...

 


Uova a colazione

Uova a colazione: per tutta la vita ho trovato disgustosa la colazione all'italiana fatta di marmellate, cornetti, latte ecc...


Alimentazione e sport serale

Che tipo di cena potrebbe fare per poter avere una "veloce" digestione dopo lo sport serale?


Facciamo confusione...

Come se già non ce ne fosse abbastanza. E poi ci si lamenta se crescono i problemi dovuti al rapporto tra la persona e il proprio peso.


Qualità del gelato

Ultimamente faccio caso alla tabella degli ingredienti ormai presente in molte gelaterie artigianali...