Il miele fa bene... Ma non per la tosse!

Indice delle risposte pubblicate

Salve ho letto il vostro articolo e sono andata anche nel sito dell'istituto nazionale apicoltura, che avevate sottolineato, e lì ho trovato solo altri complimenti per il miele anche come aiuto per la salute e non come avevate descritto voi.

 

 

Durante l'ultimo corso di aggiornamento per gli iscritti all'albo degli esperti in analisi sensoriale del miele (di cui faccio parte) il biochimico Stefan Bogdanov ha proposto una review degli studi scientifici effettuati ad oggi sulle proprietà benefiche del miele. In estrema sintesi, Bogdanov ha evidenziato che il miele ha le seguenti proprietà:

  1. è un probiotico;
  2. è un antibatterico;
  3. contiene sostanze antiossidanti (flavonoidi);
  4. contiene sostanze antinfiammatorie;
  5. 5) ha un indice glicemico inferiore a quello dello zucchero;
  6. ha un potere dolcificante superiore a quello dello zucchero.

Se guardiamo questa lista, scopriamo che le sostanze 3 e 4 sono contenute anche nell'olio extravergine e infatti anche i sostenitori delle proprietà dell'olio cavalcano questi argomenti per dimostrare le proprietà benefiche del loro prodotto.

 

 

Dunque, la mia battaglia contro le presunte proprietà benefiche del miele è persa? Non direi, visto che stiamo parlando di due cose diverse. Personalmente, non ho mai visto un apicoltore proporre il suo prodotto come ricco di antiossidanti, come probiotico o come antinfiammatorio. Né ho mai visto esporre uno straccio di prova scientifica in merito. Molti apicoltori (e sono quelli che io condanno) espongono una lista di mieli con relative indicazioni terapeutiche che non hanno nessuna prova scientifica alle spalle.

In questo caso, invece, le prove scientifiche ci sono, e in effetti, i benefici del miele si riducono di molto rispetto alle liste che si vedono in giro, e sono anche molto meno appetibili per il consumatore.

Sicuramente è molto più facile vendere il miele come "depurante per il fegato" al soggetto con una forte inclinazione verso il naturale e con il terrore verso i prodotti industriali, raffinati e trasformati, piuttosto che andare a spiegare all'uomo della strada che cos'è un probiotico o come agisce un antiossidante, e convincerlo per questo motivo all'acquisto.

 

 

Delle proprietà evidenziate da Bogdanov, alcune sono indubbie, come il basso indice glicemico di alcuni mieli (come quello di acacia o di castagno), e il loro potere dolcificante superiore. Una bella fetta di pane con miele di acacia è certamente meglio della marmellata, prima di una gara di resistenza. Altre proprietà sono discutibili (il fatto di contenere antiossidanti non necessariamente implica la prevenzione dal cancro), altre ancora potenzialmente interessanti, come quelle probiotiche, per prevenire o risolvere piccoli problemi intestinali. Quello che mi preme sottolineare è che questi discorsi possono essere fatti per qualunque alimento, a partire dall'acqua e finendo con la pancetta. Il concetto di base è che:

tutti i cibi hanno proprietà benefiche e sono dannosi se assunti in eccesso.

Morale della favola:

per ottenere il massimo beneficio dal cibo bisogna mangiare di tutto, nelle giuste quantità.

La battaglia che bisogna fare, dunque, non è sulle proprietà benefiche, quanto sul gusto delle persone, che si sta appiattendo su alcuni prodotti "comodi" mentre altri vengono evitati per svariati motivi. Se dolcifico solo con lo zucchero, perdo le proprietà del miele; se come frutta consumo solo mele, perdo le proprietà degli altri frutti; se non amo i cavoli perché puzzano, perdo tutte le proprietà di questi ultimi, ecc ecc.

Quindi facciamoci piacere tutto, miele incluso, e godiamo di tutti i cibi perché sono buoni, quello che ci fa bene è la varietà e la giusta quantità.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Posta dei visitatori


Eritritolo: un nuovo dolcificante

Ho trovato un prodotto che mi ha incuriosita, il Lakanto, un dolcificante usato e proveniente dal Giappone...


Uova a colazione

Uova a colazione: per tutta la vita ho trovato disgustosa la colazione all'italiana fatta di marmellate, cornetti, latte ecc...


Alimentazione e sport serale

Che tipo di cena potrebbe fare per poter avere una "veloce" digestione dopo lo sport serale?


Facciamo confusione...

Come se già non ce ne fosse abbastanza. E poi ci si lamenta se crescono i problemi dovuti al rapporto tra la persona e il proprio peso.

 


Qualità del gelato

Ultimamente faccio caso alla tabella degli ingredienti ormai presente in molte gelaterie artigianali...


Alimentazione per crescita muscolare

La giusta alimentazione per la crescita muscolare senza incappare in pregiudizi alimentari.


Il miele fa bene... Ma non per la tosse!

Salve ho letto il vostro articolo e sono andata anche nel sito dell'istituto nazionale apicoltura, che avevate sottolineato...


Polemiche sul pesto genovese

noto nella ricetta del pesto genovese due errori notevoli specie per un enogastronomo, per di più genovese...

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.