Per una pizza perfetta…ci vuole la pala perfetta!

I professionisti della pizza, prodotto gastronomico italiano d’eccellenza amato in tutto il mondo, devono necessariamente dotarsi dei migliori strumenti per la realizzazione di un alimento di qualità. Tra questi vi sono anche le pale per pizza, diversificate a seconda del loro utilizzo e del materiale che le compongono. Vi sono pale per cuocere, altre per infornare; diversi materiali di costruzione come legno, acciaio o alluminio; e pale piene oppure forate in base alla sensibilità e alle necessità del pizzaiolo stesso. Vediamo dunque quali sono i migliori modelli di pale per pizza prendendo in considerazione le diverse caratteristiche.

 

 

Pale per pizza piene o forate

Partiamo da un elemento molto importante su cui soffermarsi: la possibilità di scegliere pale piene oppure forate. Le pale per pizza piene garantiscono solidità, equilibrio e stabilità, oltre che una maggiore tolleranza all’usura. Inoltre, per ciò che riguarda le pale per cuocere, quelle piene presentano una maggiore resistenza al calore.

Le pale per pizza forate invece sono indubbiamente molto più leggere; per quanto riguarda le pale per infornare, la foratura aiuta a liberarsi della farina in eccesso e a mantenere il proprio forno più pulito. Per le pale per cuocere, invece, la foratura può essere veramente utile nel limitare la fuliggine sotto la pizza. La scelta dipende dunque dalle singole esigenze del pizzaiolo.

 

 

Qual è la pala giusta per la tua pizza?

Per rendere ancora più chiare le caratteristiche che rendono le pale per pizza idonee ed efficaci nella realizzazione di ottimi prodotti di qualità, vediamo ora due fra i migliori prodotti per ciò che riguarda sia le pale per pizza piene che quelle forate.

Un esempio di pala forata

Pala per pizza forata

Nell'immagine vedete un esempio di modello di pala forata, nella fattispecie si tratta della Pala Italia 3D di Lilly Codroipo, uno dei migliori prodotti in merito alle pale per pizza forate per infornare. Questa pala, leggera e maneggevole, è formata da una lega di alluminio anodizzato che permette di avere superfici uniformi e scorrevoli. Inoltre, la testa della pala è dotata di un innovativo sistema 3D che permette di ridurre l’attrito della pasta sulla pala del 30%, mentre la foratura consente di scaricare totalmente l'eccesso di farina che rimane sotto la pasta. Il manico, solidamente ancorato, garantisce una notevole stabilità mentre il terminale in plastica è ottimo sia per appendere la pala, sia per impugnarla in maniera solida ed ergonomica. Un ottimo prodotto per chi desidera utilizzare una pala per pizza forata efficiente, pratica e robusta.

Un esempio di pala piena

Pala per pizza piena

La pala che osservate in questa immagine è la Pala Linea Azzurra di Gi.Metal, uno dei migliori prodotti per quanto riguarda le pale per pizza piene per infornare. Questa pala con testa e manico in alluminio anodizzato, è molto più leggera di altri modelli ma senza rinunciare a solidità e robustezza. La testa, flessibile e leggera, permette di godere di un effetto spatola dall’ottima tenuta, mentre la composizione in alluminio anodizzato neutro rende la superficie uniforme e la protegge dall'ossidazione. La giunzione del manico garantisce sicurezza, stabilità e inamovibilità; l'assenza di vibrazioni trasmesse al manico conferisce un maggior comfort d'uso, e la fresatura dolce e regolare facilita la salita della pizza. Un ottimo prodotto per chi desidera utilizzare una pala per pizza piena leggera, resistente e innovativa.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Mousse al limone - Ricetta veloce senza uova

Mousse al limone: la ricetta veloce, senza uova, fatta solo con panna, succo di limone, zucchero e gelatina.

Crema catalana (senza panna e senza cannello)

La crema catalana, versione tradizionale e light: di origine spagnola è una crema pasticcera con uno strato di zucchero caramellato in superficie.

Bavarese alle fragole - Ricetta

La torta bavarese, o la bavarese, è un dessert di origine francese composto da crema inglese, gelatina e panna montata: oggi vi presentiamo la versione alle fragole.

Marmellata di fichi

La marmellata di fichi è di facile realizzazione e non richiede per forza la pectina: scopriamo come farla con poco zucchero.

 

Marmellata di fragole con aceto balsamico

Marmellata di fragole con aceto balsamico: scelta della frutta, quantità di zucchero, uso della pectina, cottura e invasettamento.

Marmellata di fragole con poco zucchero

Marmellata di fragole con poco zucchero: scelta della frutta, quantità di zucchero, uso della pectina, cottura e invasettamento.

Marmellata di ciliegie

Marmellata di ciliegie: scelta della frutta, quantità di zucchero, uso della pectina, cottura e invasettamento.

Marmellata di albicocche con fruttapec e poco zucchero

Marmellata di albicocche con fruttapec e poco zucchero: scopri come utilizzare in modo equilibrato e intelligente la pectina e lo zucchero.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.