Mindful eating: alimentarsi in ottica mindfulness

Negli ultimi anni si è assistito a un crescente interesse per la cosiddetta mindfulness, una pratica che sarebbe alquanto riduttivo definire in poche parole.

 

 

Iniziamo con il dire che mindfulness è un termine inglese che significa consapevolezza; parlare delle origini di questa pratica non è facilissimo ed esulerebbe dagli scopi di questo articolo; qui possiamo limitarci a dire che la dottrina buddista ha sicuramente avuto un ruolo importante nella pratica moderna di questa disciplina.

È forse più semplice concentrarci su quello che è l'obiettivo principale della pratica mindfulness: ovvero l'apprendere come guardare e accettare la realtà del presente, osservando in modo distaccato, e mai giudicante, tutti suoi lati negativi e accettandoli per quello che in effetti sono, ovvero prodotti della propria mente che, attraverso un determinato percorso, possono essere capiti e controllati evitando così che essi siano in grado di influenzare in modo negativo la propria esistenza.

La mindfulness, infatti, parte dal presupposto che le persone molte volte non sono in grado di accettare sé stesse e nemmeno quello che accade dentro di loro o al loro esterno; così facendo, una persona giudica in modo negativo sé stessa e gli altri, si dispera per le cose che le accadono e tende a criticare tutto e tutti; è del tutto inevitabile che ciò porti all'insorgenza di disagi psicologici e pensieri negativi che finiscono per minarne la qualità di vita.

Attraverso la giusta pratica della mindfulness, quindi, si dovrebbe essere in grado di gestire e ridurre le sensazioni negative e lo stress causati da problematiche di vario tipo che hanno un impatto negativo nella vita di una persona: lutti, separazione, perdita del lavoro, gravi malattie ecc.

 

 

Mindful eating: la mindfulness applicata all'alimentazione

La mindfulness può essere applicata in diversi ambiti dell'esistenza; per esempio all'alimentazione, un ambito che ha un ruolo di fondamentale importanza nella nostra vita quotidiana.

L'applicazione della mindfulness all'alimentazione è nota come mindful eating, ovvero alimentazione consapevole.

Di fatto, si tratta di una tecnica che punta a una maggiore consapevolezza dei bisogni relativi alla sfera alimentare, portandoci a un modo diverso nello stare a tavola.

 

 

In altri termini, lo scopo principale della mindful eating è quello di rendere consapevole la persona che non è soltanto importante quello che si mangia, ma anche come si mangia.

Praticare l'alimentazione consapevole cambierà in modo radicale l'approccio alla nutrizione che diventerà più qualitativo: una maggiore attenzione al gusto dei cibi, al loro sapore, al loro colore, alla loro forma, alla loro importanza, alla velocità con la quale si mangia, al modo in cui si sta a tavola, alle sensazioni che si provano mangiando, all'ambiente dove si sta mangiando, ai segnali del corpo ecc.

Nell'ottica mindful eating, viene spontaneo pensare anche a una cucina, come per esempio la cucina biologica, che guardi con occhio attento all'aspetto salutistico; non è infatti un segreto che un buon stile di vita non può prescindere da una sana ed equilibrata alimentazione; è ormai da decenni che sono provate le relazioni fra una cattiva alimentazione e l'insorgenza di patologie di vario tipo che possono rivelarsi anche molto gravi.

Tra l'altro è giusto ricordare che la mindful eating sta riscuotendo un sempre crescente interesse tra gli esperti che trattano e studiano i disturbi del comportamento alimentare; un approccio mindfulness all'alimentazione, infatti, potrebbe rivelarsi un'importante arma in più da affiancare al tradizionale e necessario approccio medico.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Vitamine del gruppo B: in quali alimenti si trovano e quando integrarle

Tra i componenti più importanti rientrano le vitamine del gruppo B: vediamo in quali alimenti si trovano e quando integrarle.

Alimenti ricchi di vitamina B12 per una dieta equilibrata

La B12 è una vitamina che insieme a tiamina, riboflavina, niacina, acido pantotenico, piridossina, biotina e acido folico fa parte delle vitamine del gruppo B.

5 alimenti che supportano il sistema immunitario

Per contrastare la comparsa dei malanni di stagione, è fondamentale aiutare il sistema immunitario debole attraverso uno stile di vita più sano, l'assunzione di integratori e un'alimentazione equilibrata.

Alla scoperta del pangasio: perché fa bene e come usarlo in cucina

Il pangasio è un pesce che a oggi non è particolarmente conosciuto, tuttavia si sta sempre più ritagliando un ruolo di spicco sulle tavole di molte famiglie italiane.

 

Nutrizione Autunnale: Consigli per una Dieta Equilibrata

Con l’arrivo dell’autunno è normale avere voglia di cibi più calorici per contrastare l’abbassamento delle temperature, nonché rinforzare l’organismo per evitare i malanni di stagione.

I fichi fanno ingrassare?

I fichi non hanno 50 kcal/hg come riportato in molti siti: ne hanno molte di più, e per questo non possono essere consumati in grande quantità.

Fichi

I fichi e il fico, le varietà, la stagionalità, i fichi secchi, canditi o caramellati.

L'olio extravergine di oliva nutraceutico: cos’è e dove trovarlo

Recentemente si è sentito molto parlare delle proprietà nutraceutiche dell’olio di oliva: scopriamo cosa significa e dove trovare l'olio nutraceutico.