Spaghetti al nero di seppia

Gli spaghetti al nero di seppia sono un primo piatto tipico della cucina marinara delle coste e delle isole italiane. La ricetta degli spaghetti, spesso sostituiti dalle linguine, al nero di seppia può essere trovata anche in alcune zone costiere della Spagna (Catalogna) e della Francia (Provenza).

 

 

Solitamente, gli spaghetti al nero di seppia vengono accompagnati dagli stessi molluschi cefalopodi da cui si ricava il nero e quindi seppie, calamari, polpi o totani. In alternativa da gamberi, mazzancolle, altri crostacei o pesci dalla polpa soda e bianca (rana pescatrice, palombo, orata).

Il nero di seppia è un ingrediente molto saporito, nonché ipocalorico, dallo spiccato sapore salmastro, quindi il sugo che lo accompagna deve essere preferibilmente delicato per poter assaporare appieno l'intensità gustativa del nero.

Il nero di seppia si trova in vendita in bustine o vasetti oppure si può ricavare direttamente dalla sacca delle seppie che deve essere tenuta da parte integra, operazione che possiamo chiedere al nostro pescivendolo di fiducia di fare per noi.

Una vescica di nero è sufficiente per due persone (circa 3 grammi).

 

 

Ricetta degli spaghetti al nero di seppia 

Spaghetti al nero di seppia

Nella ricetta che segue, il sugo al nero di seppia viene arricchito dal pomodoro, consiglio di scegliere la varietà San Marzano DOP, o in alternativa i pelati.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g di spaghetti
  • 6 g di nero di seppia
  • 4 calamari 
  • 4 pomodori San Marzano (o 4 pelati)
  • 1 punta di cucchiaino di concentrato di pomodoro
  • 2 spicchi d'aglio
  • 1/2 cipolla
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • qualche fogliolina di prezzemolo fresco
  • sale e pepe q.b.
  • 1 peperoncino fresco (facoltativo)

Preparazione: lavare i calamari, privarli della pelle, dell'occhio e del dente (se non sono già stati puliti dal pescivendolo) e tagliarli a striscioline. Tritare l'aglio e la cipolla e preparare un soffritto in padella, facendo attenzione a non bruciarli. Tagliare i pomodori a cubetti e aggiungerli al soffritto, quindi unire anche i calamari e cuocere per circa 10 minuti. Successivamente aggiungere il concentrato di pomodoro e il nero di seppia e cuocere per altri 3-5 minuti. Sistemare di sale (non troppo dato che il nero di seppia è abbastanza sapido), pepe e peperoncino e coprire con il coperchio. Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata secondo i tempi di cottura indicati sulla confezione, meglio lasciarli un filo al dente per poi continuare la cottura in padella con il condimento. Prima di servire decorare i piatti da portata con il prezzemolo tritato fresco.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Sushi

Il sushi: il piatto simbolo della cucina giapponese a base di pesce crudo, alghe e riso.


Il forno a microonde: come funziona, i rischi, come sceglierlo

Il forno a microonde: consigli e ricette. Ormai la maggior parte delle famiglie possiede un forno a microonde ma solo in pochi ne sfruttano a pieno le potenzialità.


Il forno a microonde: come utilizzarlo

Il forno a microonde: come utilizzarlo per ottenere i vantaggi maggiori, e quando non utilizzarlo.


Brodo di carne: ricetta, calorie, tagli e procedimento

Il brodo di carne (di manzo): i tagli, la preparazione, gli aromi, la cottura, le calorie.

 


Quale farina usare per la pizza?

Come scegliere la farina in base al tipo di pizza che si vuole preparare: la scelta dipende dall'idratazione e dalla lunghezza della lievitazione.


Muffa nella marmellata e nella confettura

La muffa nella marmellata e nella confettura si ha sopratutto in seguito ad errate modalità di preparazione o conservazione, che si verificano sopratutto a livello domestico.


Besciamella fatta in casa tradizionale e leggera

La salsa besciamella è una delle salse basi della cucina, probabilmente la più famosa, non a caso è chiamata anche salsa madre.


Tarte Tatin: origine e ricetta alle albicocche

La Tarte Tatin di albicocche è una variante delle famosa torta di mele di origine francese.