Polpette di pesce

Le polpette di pesce sono una variante delle classiche polpette di carne, nata in tempi recenti, per quanto sia difficile stabilire esattamente la loro origine.

 

 

Mi azzardo a dire che probabilmente sono nate nei Paesi del Nord Europa, quelli bagnati dal Mar del Nord e dal Mar Baltico come la Germania e l'Olanda dove le polpette di acciughe o di aringa, Königsberger Klopse, servite in salsa di capperi sono una ricetta dalla tradizione secolare, già presente durante il Regno Prussiano.

Anche in India, in Pakistan e in alcuni Paesi confinanti con l'Oceano Indiano esistono varianti di polpette di pesce, per lo più composte da gamberetti e fritte.

Le polpette di pesce possono essere servite come antipasto o come secondo piatto, e possono essere composte da vari tipi di pesce: merluzzo o baccalà, tonno, pesce persico, coda di rospo, palombo, gamberi, granchio, polpo e così via. Generalmente è meglio scegliere pesci senza spine o con pochissime spine facili da individuare e da togliere, oppure molluschi o crostacei.

 

 

Le polpette di pesce sono anche un piatto da riciclo, per esempio quando avanza del pesce e lo si vuole presentare sotto un'altra forma.

Sono, inoltre, un esempio di cibo da strada, quando servite impilate su spiedini e facili da mangiare con le mani.

La ricetta delle polpette di tonno alle olive

Polpette pesce

Questa ricetta di polpette di tonno è molto semplice, si prepara in pochi minuti, bisogna solo avere la pazienza di aspettare che il composto si solidifichi e si amalgamino bene gli ingredienti tra loro (circa un'ora).

Ingredienti per 4 persone (circa 40 polpettine):

  • 250 g di tonno in scatola al naturale
  • 250 g di ricotta
  • 12 olive nere denocciolate
  • 2 uova
  • 70 g di farina
  • 50 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe q.b

Per la panatura:

  • 1 uovo sbattuto
  • 100 g di pangrattato
  • 100 g di farina
  • olio di semi di arachide per frittura q.b.

Procedimento:Scolare il tonno dal liquido e spezzettarlo con l'aiuto di una forchetta, unirlo alla ricotta e al parmigiano, mescolando bene. Tritare le olive nere, aggiungerle al composto e quindi incorporare anche la farina e le uova mescolando continuamente. Sistemare di sale e pepe e riporre il composto in frigorifero per circa un'ora.

Nel frattempo preparare tre ciotole per la panatura delle polpette, una con l'uovo, una con la farina e una con il pangrattato. Togliere il composto dal frigo e comporre le polpette con le mani a forma di palline di circa 2 cm di diametro.

Passare ogni polpetta prima nell'uovo, poi nella farina e infine nel pangrattato, quindi friggerle poche alla volta in abbondante olio. Servirle calde magari accompagnate da un'insalata mista.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Besciamella fatta in casa tradizionale e leggera

La salsa besciamella è una delle salse basi della cucina, probabilmente la più famosa, non a caso è chiamata anche salsa madre.


Tarte Tatin: origine e ricetta alle albicocche

La Tarte Tatin di albicocche è una variante delle famosa torta di mele di origine francese.


Saltimbocca alla romana

I saltimbocca alla romana: involtini di carne ripieni di prosciutto e salvia.


Le pentole antiaderenti sono cancerogene?

Le pentole antiaderenti sono in genere sicure se utilizzate correttamente, fatte secondo le norme europee e di buona qualità.

 


Pollo in fricassea ricetta e video

La fricassea è una tecnica di cottura della carne detta anche "stufatura bianca". Ricetta e videoricetta della fricassea di pollo.


Spaghetti di soia con gamberi e verdure

Gli spaghetti di soia con gamberi e verdure: una ricetta ispirata alla cucina tailandese e in particolare al suo piatto nazionale.


Salmone marinato a secco con sale e zucchero (gravadlax)

Il salmone marinato a secco è una ricetta diffusa in tutta la Scandinavia, e in particolare in Svezia, dove viene chiamato gravlax o gravad lax.


Caponata di melanzane - Ricetta siciliana

Caponata di melanzane: ricette tradizionali siciliane, possibili varianti anche in chiave dietetica.