Gramigna alla salsiccia

Guarda il video >>

La gramigna con salsiccia è un primo piatto tipico della cucina emiliana, soprattutto delle province di Bologna e Modena. La vera ricetta della gramigna con salsiccia prevede di condire la pasta semplicemente con ragù di salsiccia fresca, un tipo di ragù che differisce dal classico ragù bolognese per essere composto solo da salsiccia macinata, senza altri tipi di carne, e passata di pomodoro, quest'ultima in quantità minime, proprio come nel ragù di carne, di modo che la gramigna non "galleggi" nel sugo ma rimanga abbastanza asciutta. 

 

 

Oltre alla ricetta classica esistono poi tante varianti della gramigna con salsiccia, tra cui quella che precede l'aggiunta di panna (incomprensibile per un purista emiliano...), di funghi, o di piselli e molte sono anche le versioni in bianco, senza pomodoro.

La gramigna alla salsiccia è un piatto onnipresente nei menù dei ristoranti e delle osterie tradizionali emiliani, dove il più delle volte la gramigna si trova come pasta fresca all'uovo. La gramigna è un formato di pasta molto particolare e "simpatico", che piace molto anche ai bambini, si tratta di piccoli vermicelli ricurvi colorati di giallo e di verde (se aggiunti anche gli spinaci). Nei supermercati di tutta Italia è reperibile anche come pasta di semola comune.

Gramigna alla salsiccia (ricetta emiliana)

Gramigna salsiccia

Nella ricetta tradizionale emiliana spesso viene aggiunto il latte, in minime dosi, 2 o 3 cucchiai, ma può essere omesso. Lo scopo del latte è quello di addolcire un po' il gusto acidulo del pomodoro e quello di rendere più chiaro il ragù.

In questa ricetta non è presente olio, né altro tipo di grasso aggiunto, perché il grasso della salsiccia è più che sufficiente per rosolare la cipolla e conferire il giusto sapore al piatto.

Personalmente non amo il parmigiano sul ragù di salsiccia, già molto saporito, eventualmente solo un pizzico per arricchire il gusto, ma ovviamente è una questione personale quindi fate vobis!

 

 

Le ricette classiche non prevedono peperoncino ma se vi piace ve lo consiglio, ci sta molto bene!

Ultimo tocco facoltativo: erbe aromatiche, soprattutto rosmarino e salvia che si sposano perfettamente con la salsiccia.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 360 g di gramigna (all'uovo fresca, essiccata o di semola)
  • 250 g di salsiccia fresca
  • 1 cipolla (bianca o dorata)
  • 200 g di passata di pomodoro
  • 1/2 bicchiere di vino bianco per sfumare
  • 20 g di parmigiano grattugiato (facoltativo)
  • un cucchiaino di rosmarino e salvia tritati
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

Tritare la cipolla, togliere il budello della salsiccia e sminuzzarla con le dita, farla rosolare in una casseruola antiaderente di 18-22 cm finché non prende colore e non avrà rilasciato un po' di grasso, mescolando spesso con un cucchiaio di legno. Unire la cipolla e farla imbiondire per qualche minuto, mescolando spesso, quindi sfumare con il vino bianco. Unire la passata di pomodoro, portare ad ebollizione e lasciare sobbollire con coperchio per circa 15-20 minuti. Nel frattempo cuocere la pasta in acqua salata. Sistemare il ragù di sale e pepe, unire le erbe aromatiche e condire la gramigna appena scolata, fuori dal fuoco. Servire nei piatti con una spolverata di parmigiano grattugiato, se piace.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

530 kcal - 2215 kJoule

 

Proteine ad alto VB 

10 g

Proteine

20 g - 16%

Carboidrati

74 g - 54%

Grassi

18 g - 30%

di cui

 

saturi

5.9 g

monoinsaturi

10.7 g

polinsaturi

3.5 g

Fibre

3 g

Colesterolo

48 mg

Sodio

773 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Tiramisù light con la ricotta

Tiramisù light con la ricotta: tutti i segreti per preparare un tiramisù con la metà delle calorie rispetto all'originale.


Sfrappole di carnevale (o frappe, chiacchiere, galani...)

Sfrappole, frappe, chiacchiere, galani, bugie, cenci, fritole: tanti nomi per uno stesso prodotto, i classici dolci fritti di carnevale.


Cotoletta alla bolognese

La cotoletta alla bolognese: un secondo tradizionale tipico del città di Bologna molto ricco di calorie.


Cucina Wellness (Evolution): tanto marketing e poco arrosto?

La cucina wellness, oggi ribattezzata cucina evolution, è un modello di cucina salutistica ideato dalla nutrizionista Chiara Manzi.

 


Trippa alla romana

La trippa alla romana, il piatto povero del sabato laziale.


Churrasco: varianti (argentino, brasiliano...) e ricetta

Il churrasco: l'abbondante grigliata mista di carne tipica del Sud America.


Tacos: ingredienti e ricetta del ripieno

I tacos messicani: infinite varianti per riempire le tortillas di mais, da mangiare con le mani.


Coratella di agnello

La coratella di agnello, un piatto tipico del Centro Italia a base di frattaglie: polmone, cuore, budelli, fegato e milza.