French Toast Light da 250 calorie

Il french toast è una ricetta diffusa in tutto il mondo, a base di fette di pane inzuppate in un liquido, con o senza la presenza di uova, che vengono poi fritte in olio (ad immersione) o più comunemente soffritte in padella nel burro.

 

 

Può essere sia dolce che salato, tuttavia la versione più conosciuta attualmente è quella dolce, consumata soprattutto negli USA: si tratta di fette di pane (o pan brioche, nella versone più ricca) inzuppate lungamente in un liquido composto da uova, zucchero, latte e aromi (tradizionalmente cannella), e poi soffritte in padella con una noce di burro. 

La cottura fa rapprendere l'uovo, che caramellizza in superficie grazie allo zucchero, generando aromi di tostato molto piacevoli grazie alle reazioni di Maillard che si sviluppano con le alte temperature, e la presenza di zuccheri e proteine.

Il french toast può essere servito così, con una spolverata di zucchero a velo, oppure con sciroppo d'acero o miele, ma più spesso viene accompagnato con frutta fresca, tipicamente frutti di bosco. 

 

 

Storia del french toast

A quanto pare, il french toast non ha molto a che vedere con la Francia: le sue origini si fanno risalire addirittura all'impero romano, visto che già Apicio ne parla nel suo libro come di un semplice pane inzuppato nel latte, e poi fritto. La versione francese è chiamata pain perdue ("pane perduto"), si tratta di una ricetta molto "standard", del tutto simile a quella americana, preparata con pan brioche o pane in cassetta, uova, latte, zucchero, e ovviamente fritta nel burro.

Il french toast si è diffuso in tutto il mondo, e questo è anche abbastanza naturale, visto che in fondo si tratta di uno dei modi più semplici per recuperare il pane raffermo, un ingrediente che oggi spesso buttiamo, ma che fino a qualche decina di anni fa i nostri progenitori non si potevano di certo permettere di sprecare.

Su wikipedia in inglese, trovate una bella pagina che mostra come viene declinata questa ricetta nelle varie parti del mondo.

Sì o no?

È importante capire che il termine "light" ha senso solo se fa riferimento alle calorie. Rimuovere alcuni ingredienti può avere o meno senso, ma spesso non è questa la strategia giusta. Molti cercano i french toast senza uova, senza burro o senza zucchero, perché pensano che solo eliminando questi ingredienti si possa preparare un french toast leggero, adatto in un'alimentazione ipocalorica. Ma questo è assolutamente falso! L'importante è bilanciare gli ingredienti in modo ottimale, senza doverli per forza eliminare. Ovviamente non escludo di eliminare uno o più ingredienti, ma solamente se ne vale la pena, ovvero se il gusto non viene oltremodo compromesso.

Per esempio, è possibilissimo eliminare tutti i tuorli, utilizzando solo gli albumi, ma se vi piace il classico profumo dell'uovo intero tostato, sappiate che eliminando tutti i tuorli lo perderete! Un tuorlo ha 60 kcal, che non sono il demonio: per alleggerire la ricetta, invece di usarne due, se ne può utiizzare solo uno. Avremo il risparmio calorico, senza compromettere il gusto della ricetta. Lo stesso vale per il burro e per lo zucchero. Un french toast senza zucchero non caramellizza... Ma la carmellizzazione è fondamentale per conferire il gusto corretto a questo piatto! Quindi lo zucchero non va eliminato, ma semplicemente ridotto. E per rendere la ricetta leggera, si punterà sull'aggiunta di frutta fresca, come fragole, frutti di bosco, ma anche pesche, mele o pere.

 

 

Il french toast può essere declinato in versione light con una o più delle seguenti strategie:

  • riducendo i tuorli a favore degli albumi, oppure eliminandoli completamente,
  • sostituendo il latte intero con quello scremato,
  • cuocendo le fette di pane inzuppate in poco burro o addirittura in padella antiaderente unta con l'olio spray o semplicemente con un tovagliolo di carta intriso di olio o burro,
  • limitando l'utilizzo di zucchero o sostituendolo in tutto o in parte con un dolcificante,
  • utilizzando un pane ricco di aria, che pesi poco (come il pancarrè industriale)
  • utilizzando come condimento la frutta fresca, che ha poche calorie e riduce la densità calorica del piatto.

Una variante del french toast che ne conserva il gusto, ma che non utilizza il pane, è la frittata dolce: un modello di piatto, ideale per la colazione, che ho personalmente messo a punto in modo tale da ottimizzare il gusto e la sazietà. Le mie frittate dolci le trovi qui, sono disponibili abbonandosi (una tantum) al sito.

Vediamo allora la ricetta del giorno: il french toast light alle mele e cannella.

Ricetta del french toast light alle mele e cannella

Questo è solo un esempio di come si possa preparare un french toast light. L'abbinamento è molto classico, fatto appositamente con un ingrediente, la mela golden, reperibile praticamente tutto l'anno.

Ovviamente utilizzando la stessa identica ricetta, si possono preparare molteplici varianti, semplicemente cambiando le spezie e il tipo di frutta utilizzato.

French toast light

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 4 fette di pancarrè da 15-20 g l'una
  • un uovo intero medio
  • 2 albumi (70 g)
  • 50 g di latte parzialmente scremato
  • 120 g di mele sbucciate (pesate al netto)
  • 30 g di zucchero
  • un cucchiaino di cannella
  • qualche goccia di aroma vaniglia

Procedimento

In una teglia da forno, o in una pirofila, versare le uova, il latte, 15 g di zucchero, la cannella e la vaniglia, mescolare bene, inzuppare le fette di pane e farle riposare per almeno 10 minuti, girandole ogni 2-3 minuti.

Sbucciare le mele, tagliarle a fette o a dadini, cuocerle insieme al resto dello zucchero (15 g) in una padella antiaderente di 24 cm, farle saltare per qualche minuto, finché non si saranno ammorbidite, aggiungendo poca acqua se tenderanno ad asciugarsi troppo. Metterle da parte.

Ungere una padella antiaderente di 28 cm con un tovagliolo intriso di olio o burro. Metterla sul fuoco e quando sarà calda, prelevare le fette di pane e senza scolarle troppo, metterle a cuocere a fuoco medio, per un paio di minuti, quindi girarle e continuare la cottura per altri 2 minuti. Abbassare la fiamma se tenderanno a prendere troppo colore. Continuare la cottura girando ancora un paio di volte le fette di pane. Quando saranno pronte, servirle insieme alle mele e finire con una spolverata di cannella in polvere.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

246 kcal - 1028 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

7 g

Proteine

10 g - 16%

Carboidrati

49 g - 75%

Grassi

2 g - 9%

di cui

 

saturi

0.9 g

monoinsaturi

0.6 g

polinsaturi

0.3 g

Fibre

2 g

Colesterolo

82 mg

Sodio

94 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Strangozzi alla spoletina - Ricetta umbra

Gli strangozzi sono un formato di pasta di origine umbra, di preparazione molto semplice visto che, di fatto, sono una semplice pasta al pomodoro.

Cinnamon rolls - Ricetta originale svedese

Cinnamon rolls, i rotoli alla cannella originali svedesi, diffusi in tutto il Nord Europa e anche in America: scopriamo la ricetta e tutti i segreti per prepararli.

Frittata dolce di mele alla cannella (ricetta light)

In questo articolo ti proponiamo la frittata dolce di mele alla cannella, che si può preparare tutto l'anno.

Zuppa inglese - Ricetta con savoiardi o pan di Spagna

La zuppa inglese, nata probabilmente durante l'epoca elisabettiana, è un dolce al cucchiaio a base di crema pasticcera e crema al cioccolato, aromatizzata con Alchermes.

 

Pulled pork (maiale sfilacciato) al forno

Pulled pork: una tecnica di cottura al barbeque della spalla di maiale, qui proposta in versione casalinga con il capocollo, a cottura lenta in forno.

Salsa Senape al Miele - Ricetta con limone o aceto

Una delle varianti più classiche della senape è la senape al miele, una salsa molto accattivante che abbina l'acidità della senape alla dolcezza del miele.

Ziti lardiati - Ricetta

Ziti lardiati: la ricetta tradizionale campana preparata con lardo stagionato e pomodorini del Vesuvio, e la tipica pasta simile ai bucatini.

Bucatini (o meglio spaghetti) all'amatriciana

I bucatini (o meglio spaghetti) all'amatriciana, la pasta con pomodoro e guanciale (e senza cipolla nella versione tradizionale) che viene da Amatrice.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.