Tea Tree Oil o olio di Melaleuca: come usarlo, controindicazioni e proprietà

Tea Tree Oil: cos'è?

Il TeaTree Oil, chiamato anche olio di Melaleuca, è un olio essenziale estratto dalla pianta Melaleuca alternifolia. Quest'ultima è un albero che appartiene alla famiglia delle Mirtacee e ha origine nell'Australia orientale. Oggi lo possiamo trovare sopratutto nelle vicinanze di Sydney, in particolare nelle zone paludose e ricche di corsi d'acqua. 

 

 

Il nome dell'albero deriva dal greco mèlanos, ossia nero, e leukòs, che significa bianco. Questo nome ha il suo significato nell'aspetto dell'albero stesso, che ha foglie di colore verde scuro che contrastano con la corteccia bianca.

Il nome dell'olio essenziale, invece, venne inventato da James Cook, un capitano che pensò di poter estrarre dalle foglie dell'albero una bevanda simile al . Oggi, però, si sa che il tea tree oil non si può ingerire. Nonostante il nome di questo olio essenziale possa far pensare ad una qualche simulitudine con il tè, in realtà non ha nulla in comune, tanto che vengono estratti da due piante diverse. 

L'albero di Melaleuca viene utilizzato prevalentemente per l'estrazione dell'olio essenziale, che avviene per distillazione dalle foglie dell'albero. 

Negli ultimi decenni il tea tree oil è diventato molto famoso, tanto che la coltivazione della pianta avviene anche in altre parti del mondo, oltre che in Australia. All'olio essenziale, infatti, vengono attribuite diverse proprietà teraupetiche, tanto che l'olio di melaleuca, oltre che in farmacia, si trova anche in altri tipi di negozi, come quelli di cosmetici. 

In realtà l'uso dell'olio di melaleuca risale a tempi davvero antichi, si stima che in Australia venga usato da più di 100 anni, sopratutto per il trattamento dei disturbi della pelle.

 

 

Tea tree oil: proprietà

Le proprietà attribuite al tea tree oil sono diverse, fra cui quella antinfiammatoria, antivirale, antibatterica e antifungina. Viene consigliato per il trattamento dell'acne e di altri disturbi cutanei, come il piede dell'Atleta e le dermatiti, fino ad arrivare al trattamento dell'infestazione da pidocchi.

L'attività antibatterica è quella per cui è più famoso l'olio di melaleuca e vi sono alcuni studi che sembrano confermare questa sua proprietà. Il meccanismo d'azione sembra essere basato sulla capacità di questo composto di distruggere la membrana cellulare, riducendone la capacità di fungere da barriera di permeabilità. Il meccanismo d'azione non si conosce ancora con certezza, ma sembra sicuro l'effetto inibitore della crescita batterica. Lo spettro di specie batteriche contro cui agisce è piuttosto ampio.

L'olio di melaleuca, come dimostrato da diversi studi, ha dimostrato avere anche attività contro la proliferazione dei funghi, in particolare per quanto riguarda la Candida albicans, che spesso va a infettare la pelle ma anche le zone dei genitali e il cavo orale. In particolare, sembra che il tea tree oil vada a fungere da supporto per il trattamento del fluconazolo, un antifungino spesso utilizzato per il trattamento delle candidosi. 

Il tea tree oil, come riassunto in una review scientifica, ha proprietà antinfiammatorie dovute ad un composto antiossidante che possiamo riscontrare in questo olio essenziale, ossia il terpinen-4-olo. Quest'ultimo non è presente in grandi concentrazioni nell'olio di melaleuca ma sembra responsabile anche dell'attività antibatterica e contro funghi e virus. Inoltre, alcuni studi dimostrano che il tea tree oil riduce l'infiammazione alla pelle mediata dall'istamina, in modo più efficace rispetto anche all'olio di paraffina. 

 

 

Il tea tree oil viene spesso usato anche per il trattamento dell'acne, e anche se le ricerche in merito non danno ancora risultati certi. Sono molti gli studi che hanno riscontrato una riduzione degli effetti collaterali dell'acne o un miglioramento dell'acne stesso in seguito al trattamento con quest'olio essenziale. 

L'efficacia del tee tree oil contro il piede dell'atleta rimane ancora dubbia, dato che alcune ricerche hanno rilevato un effetto significato nel trattamento di questo disturbo cutaneo, mentre altre non hanno rilevato risultati migliori di un effetto placebo. Per questo motivo sono necessarie ulteriori ricerche a conferma. 

Alcune sperimentazioni hanno rilevato un effetto positivo dell'olio di melaleuca nel trattamento della dermatite allergica da contatto, mentre non risulta efficace per altre forme di dermatiti. L'effetto è ancora da confermare e sembra essere, in alcuni casi, soggettivo. 

Olio di melaleuca e pelle

L'olio di melaleuca può essere utilizzato anche per altri disturbi della pelle, oltre a quelli già citati. Un esempio è il trattamento delle pelle grassa, confermato da uno studio.

Inoltre, può essere benefico per la pelle secca che di solito si sviluppa dopo alcune irritazioni ed infiammazioni. 

Uno studio del 2011 ha rilevato come il tea tree oil è efficace per alleviare il prurito derivante da dermatiti allergiche, in modo migliore rispetto ad altri composti, come l'ossido di zinco. 

Alcuni propongono il tee tree oil per favorire la guarigione delle ferite, grazie al suo confermato effetto antibatterico. In realtà gli studi in proposito sono insufficienti per giungere a conclusioni definitive. 

Tea tree oil e psoriasi

Un altro uso comune del tea tree oil è quello per la psoriasi, una forma di infiammazione della pelle i cui sintomi, come prurito e dolore, sembrano attenuarsi in seguito all'applicazione del tee tree oil. Questo effetto sembra essere dovuto alla presenza del terpinen-4-olo, agente antinfiammatorio, la cui presenza secondo alcuni studi potrebbe essere responsabile dell'effetto contro la psoriasi

In ogni caso la correlazione tra olio di melaleuca e psoriasi ha ancora poche conferme scientifiche: il suo uso è legato maggiormente ad una consuetudine popolare. 

L'applicazione dell'olio avviene, in genere, all'interno di uno shampoo, in cui si aggiungono alcune gocce di tea tree oil. Altre volte di mescola l'olio essenziale all'acqua e si applica la miscela sulla zona cutanea interessata, aiutandosi con un battufolo di cotone. Dopo averlo lasciato in posa tutta la notte, si risciacqua la parte trattata. 

Altri modi d'uso del tea tree oil per la psoriasi sono ad esempio la miscela con un altro olio, che viene fatto assorbire e poi risciacquato via, oppure l'aggiunta al bagno abituale. 

Tea tree oil: controindicazioni e come usarlo

Le modalità d'uso e le quantità del tea tree oil consigliate dipendono dal tipo di trattamento, dalla patologia per cui si utilizza e anche dalla gravità dei sintomi. Le concentrazioni di olio utilizzate possono variare dallo 0,4% al 100%, a seconda della necessità. 

Molto importante è anche assicurarsi della sicurezza del prodotto utilizzato, in quanto l'olio di melaleuca non è controllato dall'FDA (Food and Drug Administration) americana. Pertanto è bene sempre acquistarlo da fornitori sicuri. 

In linea generale, il tea tree oil può trovarsi puro, oppure all'interno di prodotti cosmetici. Spesso viene mescolato ad un altro olio che ne faciliti l'assorbimento a livello cutaneo. 

Un uso interno del tea tree oil non è consigliabile in quanto può provocare diversi effetti collaterali. Fra questi abbiamo: mal di stomaco, diarrea, vomito, nausea, sonnolenza, effetti negativi anche sul sangue e irritazioni cutanee severe. Inoltre, in alcuni casi si può arrivare a sintomi più gravi come allucinazioni, confusione mentale e coma. 

Anche l'uso topico del tea tree oil può dare alcuni effetti collaterali, come la dermatite allergica da contatto. Questo effetto si verifica più spesso in seguito all'uso dell'olio puro, piuttosto che di prodotti che lo contengano, come shampoo o cosmetici in genere. 

Altro effetto collaterali dell'uso topico è l'instaurarsi nei batteri di una forma di resistenza, simile a quella che si verifica per gli antibiotici. Questo si verifica soprattutto in seguito ad un uso costante dell'olio, anche in piccole concentrazioni. 

< />  

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Coronarografia: perchè si pratica?

La coronarografia è una tecnica radiologica usata per valutare morfologia e funzionalità delle arterie, ma anche per piccoli interventi.


Colonscopia virtuale: rischi e aspetti generali

La colonscopia virtuale è un tipo di colonscopia meno invasiva e più rapida che permette di ottenere immagini virtuali delle pareti del colon.


Colonscopia

La colonscopia è un esame diagnostico utilizzato per rilevare le anomalie che interessano il colon e il retto.


Angiografia: cos'è, rischi e preparazione

L'angiografia è una tecnica che, usando i raggi X, permette di valutare la morfologia e le alterazioni eventuali dei vasi sanguigni.

 


Perdita dell'olfatto o anosmia: cause, diagnosi, cura

La perdita dell'olfatto, o anosmia, è l'assenza totale di olfatto che può essere transitoria o permanente. Le cause che la determinano sono molte così come i metodi di diagnosi.


Tisane drenanti: quali effetti hanno davvero?

Le tisane drenanti sono costituite da diversi tipi di erbe e possono avere un effetto diuretico e di aiuto nella riduzione del gonfiore addominale.


Iperpiressia o febbre alta: cause, conseguenze e cosa fare

L'iperpiressia, o febbre alta, è la febbre che supera i 39,5 °C. Può avere molte cause e necessita della valutazione da parte del medico.


Disinfettante per le mani: reale utilità, tipologie e ricetta fai da te

Il disinfettante per le mani ha diverse formulazione e ricette, e può essere realizzato anche in casa in modo sicuro.