Fucoxantina

La fucoxantina è un pigmento vegetale, di colore marrone, che si trova nella maggior parte delle alghe brune. È una xantofilla, un carotenoide, una molecola strutturalmente simile al beta-carotene e alla vitamina A, anche se dal punto di vista biologico non ha un comportamento vitamino-simile.

 

 

La fucoxantina, attraverso i suoi metaboliti, sembra essere immagazzinato nelle cellule adipose per un periodo prolungato di tempo, e sembra avere la proprietà di inibire la differenziazione delle cellule di grasso e la loro proliferazione. Questa proprietà è stata dimostrata in un solo studio sugli esseri umani, controllato con placebo, in questo studio ha richiesto un certo periodo di tempo (5-16 settimane) per funzionare.

La fucoxantina sembra possedere anche altri benefici per la salute, perché sembra intervenire sul metabolismo del glucosio nei muscoli, il che potrebbe apportare benefici ai malati di diabete e di malattie cardiovascolari, perché indirettamente potrebbe intervenire sul metabolismo del colesterolo e dei trigliceridi. Sono state osservate anche effetti benefici sulla pressione sanguigna, sui depositi di grasso nel fegato e sui valori degli enzimi epatici.

Controindicazioni

Le controindicazioni della fucoxantina assunta tramite integratori di alghe brune sono quelle delle altre alghe (alghe azzurre): l'elevato contenuto in iodio potrebbe causare problemi ad alcuni soggetti che soffrono di problemi alla tiroide. La fucoxantina non è un integratore abbastanza studiato, sia per quanto riguarda i benefici, che per quanto riguarda i rischi, quindi non si può ancora dire nulla di certo riguardo la sua sicurezza.

Fucoxantina

Benefici dell'integrazione di fucoxantina

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Efficace contro il sovrappeso e l'obesità

Dosaggio consigliato

I pochi studi clinici suggeriscono una dose efficace tra i 2,4 e gli 8 mg al giorno di fucoxantina, il che significa assumere 240-800 mg al giorno di un integratore di Undaria pinnafitida (un'alga bruna) che contiene l'1% di fucoxantina.

Conclusioni

La fucoxantina è un integratore promettente per combattere obesità e sovrappeso, anche perché sembra agire su meccanismi diversi rispetto al solito aumento del metabolismo, che si è rivelato un meccanismo sbagliato su cui puntare (perché quando funziona, ha effetti collaterali troppo pesanti, come nel caso dell'efedrina).

Tuttavia, è ancora molto presto per poter anche solo affermare che probabilmente ha effetti positivi, perché esiste un solo studio sugli esseri umani e solo alcuni studi sulle cavie. Dunque, bisognerà attendere ancora prima di poter consigliare questo integratore.

Attualmente esistono sul mercato integratori che contengono anche fucoxantina, ma spesso a dosaggi troppo bassi rispetto a quelli utilizzati negli studi scientifici.

Bibliografia

The Effects Of Xanthigen In The Weight Management Of Obese Premenopausal Women With Non-alcoholic Fatty Liver Disease And Normal Liver Fat

Fucoxanthin from edible seaweed, Undaria pinnatifida, shows antiobesity effect through UCP1 expression in white adipose tissues in Biochemical and biophysical research communications

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Epatite fulminante

L'epatite fulminante, o insufficienza epatica acuta, è la perdita rapida della funzione epatica (il fegato non è più in grado di svolgere le sue funzioni).


Microbiota (o microbioma) intestinale

Il microbiota intestinale rappresenta un insieme di microrganismi colonizzatori del nostro intestino, importanti per lo sviluppo e la crescita dell'organismo umano.


Tumore della laringe e della faringe

I tumori della laringe e della faringe sono patologie neoplastiche che si sviluppano a livello della gola e fanno parte dell'apparato respiratorio (laringe) e gastrointestinale (faringe).


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.

 


Colesterolo totale, HDL, LDL

Il colesterolo è una molecola organica, appartenente alla classe dei lipidi. Quando bisogna preoccuparsi, se i valori sono troppo alti?


Fibrinogeno alto e basso (analisi del sangue)

Il fibrinogeno è uno dei fattori responsabili della coagulazione del sangue, essenziale per i processi di guarigione del corpo.


Trigliceridemia: cause, valori, terapia

Con il termine trigliceridemia si indica la quantità di trigliceridi nel sangue. I trigliceridi sono dei lipidi che si accumulano all’interno delle cellule.


ACE-inibitori (farmaci)

Gli ACE-inibitori sono una tipologia di farmaci che possono essere utilizzati per una serie di patologie, come l'ipertensione, la sclerodermia e l'emicrania.