Burro di arachidi | Fa ingrassare? | Le bufale che ti raccontano

Il treno del fitness viaggi a 300 all'ora manco fosse il Freccia Rossa. Non puoi distrarti un'attimo, e rischi di prederti le mirabolanti "novità", come quella che impazza già da un po' in rete.

 

 

Il nuovo sacro graal del fitness è il burro di arachidi, che da americanata schiafata da tutti gli italiani o quasi, è diventato un vero e proprio must, soprattutto tra i frequentatori delle palestre, nel mondo del fitness e del bodybuilding.

Di fronte a qualunque alimento promosso dall'industria del fitness, il mio consiglio è quello di ignorare la notizia e far finta di nulla, certi di non perdersi nulla di interessante. Mi occupo di sport e fitness dall'inizio degli anni 2000 e le novità che ho introdotto nella mia alimentazione, che siano cibi o integratori, si contano sulle dita della mano di un falegname. Di prodotti bufala presentati sul mercato in questi 20 anni, invece, ce ne sono a decine: pensiamo solo ai superfood come i semi di chia, l'acai, la papaia, l'avena, l'acqua di cocco... Giusto per citarne alcuni, i primi che mi vengono in mente.

In questo articolo svelerò le bufale più divertenti (se così si può dire) sul burro di arachidi, e cercherò di spiegare se ha senso introdurre questo alimento nella nostra alimentazione.

Articoli correlati: burro di arachidi. Storia, calorie e ricetta fai da te.

 

 

Cos'è il burro di arachidi?

La domanda non è scontata, perché sul mercato si trovano prodotti molto diversi tra loro.

Il burro di arachidi è prodotto dalla macinazione delle arachidi, che vengono lavorate con appositi macchinari che le trasformano in una pasta densa ed omogenea, si tratta di una lavorazione meccanica al 100%, senza alcun processo di raffinazione. Questa pasta, se non viene addizionata con altri ingredienti, ha un gusto molto intenso di arachide, ma ha una consistenza piuttosto sgradevole perché è estremamente poco solubile, ovvero non si scioglie in bocca, ma tende ad appiccicarsi al palato. Questa caratteristica rende l'esperienza gustativa molto scadente. Non dico che sia impossibile assumere la crema di arachidi in purezza, tuttavia la sua appetibilità è pesantemente influenzata, e in modo negativo, dalla sua consistenza.

A questo problema si ovvia aggiungendo alla crema di arachidi una quantità minima di grassi vegetali, a volte parzialmente idrogenati, al fine di migliorare la spalmabilità e la solubilità del prodotto. Inoltre, nei prodotti commerciali viene anche aggiunto il sale, sempre per aumentare l'appetibilità, ed eventualmente anche alcuni additivi, come emulsionanti e stabilizzanti, che evitano la separazione dell'olio dalla parte solida della crema, cosa che avviene naturalmente in tutte le paste di frutta secca (anche in quella di nocciola o pistacchio).

Un altro ingredienti che viene aggiunto per migliorare il gusto del prodotto è lo zucchero, che viene addizionato comunque in quantità molto ridotta, in genere pari a 5 g per 100 g di prodotto. Prendiamo uno dei prodotti più diffusi sul mercato, il burro di arachidi Skippi: gli ingredienti sono: arachidi (90%), zucchero, olio di palma idrogenato, sale. Come volevasi dimostrare: lo zucchero e l'olio di palma idrogenato sono presenti in quantità pari a circa il 7% (considerando il 3% di sale).

I grassi idrogenati andrebbero eliminati dalla propria alimentazione, dunque questo prodotto sarebbe da evitare, tuttavia bisogna anche ammettere che, considerando il consumo di burro di arachidi, che dovrebbe come vedremo essere molto limitato, e la quantità comunque minima di grassi idrogenati contenuti in 100 g di prodotto (sicuramente inferiore al 5%), non siamo di certo di fronte a un prodotto così dannoso per la salute.

Quale burro di arachidi scegliere e come consumarlo

 

 

In commercio esistono prodotti composti al 100% di arachidi, senza ingredienti nocivi, ma che presentano il problema della spalmabilità e della scarsa solubilità. Questo problema può essere risolto facilmente aggiungendo un po' di miele al prodotto, cosa che lo rende molto più scioglievole e appetibile.

Il modo migliore di consumare il burro di arachidi, per neutralizzarne in parte le calorie in eccesso, è l'abbinamento con la frutta, prodotto ipocalorico che abbassa la densità calorica del burro di arachidi, rendolo molto più tollerabile in un'alimentazione che ci consenta di mantenere il peso forma. Un ottimo abbinanamento è senz'altro quello con le banane.

Il classico abbinamento con il pane si può ovviamente fare, consci del fatto che stiamo abbinando un prodotto ipercalorico ad un altro prodotto, il pane, che di certo ipocalorico non è. Il risultato sarà un alimento poco saziante e molto appetibile, ovvero un alimento pericoloso per la linea. Starà a noi capire se questo tipo di alimento lo riusciamo a gestire o meno, cioè se ci farà sforare con le calorie giornaliere, oppure no.

Perché è così popolare nel mondo del bodybuilding?

Negli USA il burro di arachidi è un alimento molto utilizzato nel mondo del fitness e del bodybuilding, ma in Italia, complice il fatto di essere un alimento "made in USA" e quindi con una connotazione negativa, la sua fama ha tardato ad arrivare, ma alla fine anche le ultime resistenze sono cadute e oggi è considerato da molti un vero e proprio must per chi frequenta la palestra.

Le aziende che vendono questo prodotto si sono quindi scatenate, per la gioia di chi come me, da anni, non vede l'ora di farsi due risate leggendo le bombe che sparano per convicere gli allocchi ad acquistare i loro prodotti.

E anche in questo caso l'industria del fitness non ci ha deluso: ho selezionato tre dei motivi più assurdi per i quali noi sportivi dovremmo consumare burro di arachidi.

Consiglio anche la lettura di questo articolo, molto in linea con il mio pensiero.

Le bufale sul burro di arachidi

BUFALA 1: il burro di arachidi è ricco di proteine

Il burro di arachidi contiene il 25% di proteine. Un quantitativo di tutto rispetto, se considerato in termini assoluti, ma non se valutato come si dovrebbe fare, ovvero in termini relativi. Relativi a cosa? Ai grassi, e quindi alle calorie, che contiene.

Una fonte proteica va valutata in base al rapporto tra proteine e grassi, o ancora meglio, tra proteine e calorie per 100 g.

La carne magra ha "solo" 20 g di proteine per 100 g di prodotto, ma con le sue 120 kcal per 100 g, ha un rapporto tra calorie e proteine pari a 6. Per avere un grammo di proteine, dovete assumere 6 kcal.

Nel caso del burro di arachidi, questo rapporto sale a 24. Ogni grammo di proteine assunto tramite il burro di arachidi, vi costa quattro volte tanto, in termini di calorie, rispetto alla carne magra. Questo significa che se volete assumere una quanitità importante di proteine (diciamo 50 g) con la carne potete farlo, perché vi costerà solo 360 kcal, con il burro di arachidi no, perché dovrete assumere 1200 kcal e una quantità di grassi spropositata.

In altre parole: le arachidi non solo non sono una buona fonte di proteine... NON SONO PROPRIO una fonte di proteine! Quando mangio il burro di arachidi... Le proteine non le considero nemmeno!

BUFALA 2: il burro di arachidi contiene grassi essenziali omega 3

I grassi contenuti nel burro di arachidi sono prevalentemente monoinsaturi, come quelli dell'olio di oliva. Tra i grassi polinsaturi che contiene, troviamo gli omega 6, che non sono particolarmente interessanti (li troviamo in una marea di altri cibi) ma gli omega 3, purtroppo non sono pervenuti! Come possiamo vedere nella tabella che riporto in questo articolo sull'olio di arachide, gli omega 3 non sono presenti nell'olio di arachide, se non in quantità minima, insignificante dal punto di vista salutistico. L'equazione semi oleosi = grassi omega 3 viene troppo spesso utilizzata, ma a sproposito. Non tutti i semi oleosi contengono acido linolenico.

BUFALA 3: il burro di arachidi è ricco di fibre

Stesso discorso che ho appena fatto parlando di proteine. La quantità di fibre contenuta nel burro di arachidi è pari a circa il 7%. Un quantitativo discreto, per un alimento il cui consumo è di 100 g al giorno. Ma di burro di arachidi, esagerando, possiamo assumerne 20 g al giorno... Per un quantitativo di fibre pari a 1,5 g. La quantità di fibre che otteniamo mangiando 50 g di verdura. Meno del 10% del quantitativo di fibre che dovremmo assumere in una giornata. Morale della favola: le arachidi, e il burro di arachidi, non sono una buona fonte di fibre.

In questa lista non ho messo le bufale più assurde, come quella del burro di arachidi da assumere prima di andare a letto, così la mattina abbiamo meno fame; o quella dei grassi che si trasformano in glucosio, e altre amenità del genere, che vi raccontano per convincervi ad acquistare i loro prodotti.

Quali sono le proprietà vere del burro di arachidi?

Il burro di arachidi è una fonte di grassi di qualità medio-alta, ovvero di grassi monoinsaturi e polinsaturi, tra cui però non troviamo omega 3 se non in piccolissima quantità. Questi grassi li possiamo trovare in tantissimi altri prodotti, come qualuque altra tipologia di frutta secca, o qualunque altro seme oleoso.

Quindi il burro di arachidi fa ingrassare? Posto che nessun alimento fa ingrassare, se consumato in quantità "giusta", bisogna capire quanto sia facile assumere burro di arachidi oltre la quantità "giusta". Di certo non possiamo pensare di introdurre il burro di arachidi nella nostra alimentazione, senza sacrificare un'altra fonte di grassi. In questo modo, il burro di arachidi ci farà ingrassare quasi sicuramente!

La nostra alimentazione abbonda di fonti di grassi, e uno dei problemi più grossi che abbiamo è quello di limitare le fonti di grassi, non di aumentarle. Qualunque fonte di grassi aggiuntiva diventa un problema, non una opportunità. Se introduciamo il burro di arachidi nella nostra alimentazione, dobbiamo nella stragrande maggioranza dei casi ridurre o eliminare altre fonti di grassi, provenienti per esempio dall'olio extravergine, il burro, i formaggi e/o i salumi, le carni o i pesci. Se ne valga la pena o meno va valutato, a mio parere, solo ed esclusivamente per una questione di gusti personali.

Il burro di arachidi fa bene o male soprattutto in relazione al fatto che ci faccia rimanere o meno in peso forma: se ci fa ingrassare fa male, se ci fa dimagrire o rimanere in peso forma, fa bene... Ma fa bene come qualunque altro alimento che compone la nostra alimentazione! Non è uno dei cibi sicuramente nocivi, come che so, le patate fritte che contengono acrilammide o la carne alla griglia che contiene gli idrocarburi policiclici aromatici, cancerogeni. Ma contiene tanti grassi, che se in eccesso, diventano nocivi anche se sulla carta sono buoni!

Morale della favola: mangiate il burro di arachidi se vi piace, consci del fatto che dovrete risolvere il problema delle calorie in eccesso che molto probabilmente l'introduzione di questo alimento comporterà. Se lo volete introdurre solamente perché siete convinti che vi darà qualche vantaggio in termini di salute... Lasciate perdere.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Il metabolismo NON rallenta con l'età (allora perché ingrassiamo)?

Il metabolismo rallenta con l'età? A quanto pare no, come ha dimostrato uno studio uscito su Science. Ma allora perché ingrassiamo?

Carne rossa: NON causa INFIAMMAZIONE e IPERGLICEMIA

La carne rossa: spauracchio del terzo millenio. Causa infiammazione, malattie cardiovascolari e diabete. Ma è davvero così?

Colesterolo alto? Non eliminare il latte (anche intero)!

Il latte intero è uno degli alimenti che si consiglia di eliminare o ridurre in caso di colesterolo alto. Ma a quanto pare è un consiglio inutile.

Corbezzolo

Il Corbezzolo è considerato in Italia un frutto nazionale per via dei suoi colori.

 

Latte Omega 3 - Benefici - Abbassa il colesterolo?

Il latte omega 3 è un normale latte al quale vengono addizionati, solitamente tramite l'aggiunta di olio di pesce, i famigerati grassi omega 3.

Vongola

Le vongole, la pesca, l'allevamento, gli usi in cucina e le tipologie più diffuse in Italia (veraci, comuni, lupini).

Erogatore d’acqua in azienda o in ufficio, una soluzione comoda e vantaggiosa

Erogatore d’acqua in azienda o in ufficio, una soluzione comoda e vantaggiosa sia dal punto di vista pratico che economico.

Smen (burro fermentato)

Lo smen è il burro salato e fermentato tipico della cucina mediorientale e magrebina. È un prodotto affine al ghee indiano e al niter kibbeh della cucina etiope.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.