Calorie dei cibi cotti e crudi

Nel nostro database degli alimenti sono riportati spesso i valori nutrizionali degli alimenti crudi e degli stessi alimenti cotti.

 

 

Tali risultati sono diversi tra loro, a volte clamorosamente diversi, è il caso dei finocchi, che hanno 9 kcal da crudi e 25 da cotti (bolliti in acqua non salata).

Il perché di questa differenza è semplicemente dovuto al quantitativo di acqua, che contiene zero calorie ma è in grado di modificare (e di molto) la densità calorica e quindi le calorie per 100 g di un alimento.

La cottura è in grado di modificare la quantità di acqua contenuta negli alimenti: alcun alimenti assorbono acqua in cottura diventando più pesanti a parità di calorie, e quindi diminuendo la propria densità calorica.

È il caso della pasta: 100 g di pasta cruda diventano 200 g da cotta, e la densità calorica viene dimezzata, passando da 350 kcal per 100 g a 350 kcal per 200 g, ovvero 175 kcal per 100 g.

Altri alimenti, come moltissime verdure, contengono molta acqua da crude e cedono una parte di questa acqua durante la cottura, aumentando la propria densità calorica: è il caso dei finocchi, dei funghi, ecc.

Calorie cotti crudi

Il calcolo delle calorie andrebbe sempre effettuato in base al peso del cibo crudo, per evitare di fare confusione e perché è più facile pesare un alimento crudo, prima di cuocerlo e quindi di mischiarlo ad altri alimenti.

La cottura non aumenta tale valore assoluto, poiché al massimo fa aumentare la quantità di acqua degli alimenti.

Cottura e indice di sazietà

Come abbiamo visto la cottura non aumenta le calorie di un alimento, ma modifica la sua densità calorica. Questo fatto è importante, poiché modificare le calorie per 100 g di un alimento significa modificarne l'indice di sazietà.

 

 

Preparare pietanze sazianti è una caratteristica fondamentale in un regime alimentare corretto, quindi è molto utile conoscere quali alimenti perdono più o meno acqua in cottura, riducendo di conseguenza il proprio indice di sazietà. Questo dato è uno dei punti chiave da conoscere per chi vuole imparare a cucinare Sì.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


L'acrilammide negli alimenti: cos'è, dove si trova e come evitarla

Scopriamo cos'è l'acrilammide, una delle molecole più pericolose presenti nei cibi, e come fare per evitare di assumerne troppa.


Vitamina H (biotina)

La vitamina H o biotina è un coenzima molto importante per il metabolismo cellulare. Viene prodotta dalla flora batterica intestinale, o introdotta con l'alimentazione.


Carne di Kobe (razza Wagyu)

La carne di Kobe (razza Wagyu) è una carne molto pregiata perché particolarmente ricca di grasso di marezzatura.


Frollatura della carne

La frollatura delle carni: il processo per rendere la carne più gustosa tramite la frollatura.

 


Carne a frollatura lunga: secca o umida (sottovuoto)

La frollatura lunga delle carni nelle sue due tipologie: secca o umida (sottovuoto).


Carne di manzo o carne bovina

Carne di manzo o carne bovina: categorie, qualità, scelta.


Nutraceutica - Prodotti nutraceutici

I prodotti nutraceutici, ancora non definiti dalla legislazione europea e italiana, sono alimenti che contengono sostanza che hanno o possono avere un effetto positivo per la salute.


Vitamina E (tocoferolo)

La vitamina E o tocoferolo è un diuretico naturale e rinforza le membrane muscolari.