Calorie dei cibi cotti e crudi

Guarda il video >>

Nel nostro database degli alimenti sono riportati spesso i valori nutrizionali degli alimenti crudi e degli stessi alimenti cotti.

 

 

Tali risultati sono diversi tra loro, a volte clamorosamente diversi, è il caso dei finocchi, che hanno 9 kcal da crudi e 25 da cotti (bolliti in acqua non salata).

Il perché di questa differenza è semplicemente dovuto al quantitativo di acqua, che contiene zero calorie ma è in grado di modificare (e di molto) la densità calorica e quindi le calorie per 100 g di un alimento.

La cottura è in grado di modificare la quantità di acqua contenuta negli alimenti: alcun alimenti assorbono acqua in cottura diventando più pesanti a parità di calorie, e quindi diminuendo la propria densità calorica.

È il caso della pasta: 100 g di pasta cruda diventano 200 g da cotta, e la densità calorica viene dimezzata, passando da 350 kcal per 100 g a 350 kcal per 200 g, ovvero 175 kcal per 100 g.

Altri alimenti, come moltissime verdure, contengono molta acqua da crude e cedono una parte di questa acqua durante la cottura, aumentando la propria densità calorica: è il caso dei finocchi, dei funghi, ecc.

 

 

Calorie cotti crudi

Il calcolo delle calorie andrebbe sempre effettuato in base al peso del cibo crudo, per evitare di fare confusione e perché è più facile pesare un alimento crudo, prima di cuocerlo e quindi di mischiarlo ad altri alimenti.

La cottura non aumenta tale valore assoluto, poiché al massimo fa aumentare la quantità di acqua degli alimenti.

Cottura e indice di sazietà

Come abbiamo visto la cottura non aumenta le calorie di un alimento, ma modifica la sua densità calorica. Questo fatto è importante, poiché modificare le calorie per 100 g di un alimento significa modificarne l'indice di sazietà.

Preparare pietanze sazianti è una caratteristica fondamentale in un regime alimentare corretto, quindi è molto utile conoscere quali alimenti perdono più o meno acqua in cottura, riducendo di conseguenza il proprio indice di sazietà. Questo dato è uno dei punti chiave da conoscere per chi vuole imparare a cucinare Sì.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Nocciole - nocciola

Le Nocciole, una varietà di frutta secca molto ricca di proteine e grassi buoni.

Farina di nocciole - Normale e light (degrassata)

La farina di nocciole normale e degrassata: valori nutrizionali, ricette, come si produce in casa. È salutare o fa male?

Storia e curiosità dei pancakes

I pancakes, o pannenkoeken, rappresentano il dolce da colazione americano per eccellenza, ma quello che in pochi sanno è che questo dolce in realtà ha origini europee.

Latte intero: fa bene o male? Fa ingrassare?

Molti evitano il latte intero pensando che faccia male o che faccia ingrassare. Ma è davvero così? Scopriamolo, numeri alla mano.

 

Latte di vacca: tipologie, composizione, valori nutrizionali

Il latte alimentare è il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e nutrizione.

Filetti di merluzzo in padella: una ricetta ricca di gusto

Filetti di merluzzo in padella: un piatto classico ma intrigante che può essere preparato in pochissimo tempo anche da chi ha poca dimestichezza con i fornelli.

Latte fresco di alta qualità | Normativa e caratteristiche

Latte fresco pastorizzato alta qualità: normativa, caratteristiche, garanzie di qualità. Perché non esiste il parzialmente scremato?

Latte arricchito di calcio e vitamina D: un prodotto inutile?

Latte arricchito di calcio e vitamina D: è un prodotto utile per la nostra salute? O è meglio puntare su altre fonti di queste sostanze?

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.