Sgombro

Lo sgombro è un pesce azzurro, appartiene di diritto a questa categoria per via del suo dorso bluastro. 

 

 

Lo sgombro, il cui nome scientifico è Scomber scombrus, viene chiamato anche maccarello, scombro, agerto o lacerto a seconda delle zone d'Italia. Da non confondersi con lo Scomber japonicus, comunemente noto come lanzardo o sgombro occhione, dalle carni meno pregiate e spesso venduto nelle pescherie come sgombro.

Lo sgombro è una delle specie ittiche più diffusa nei mari italiani, ma è comune anche in tutto il Mediterraneo, nel Mar Nero, nelle coste settentrionali dell'Oceano Atlantico fino alla Norvegia e alla Groenlandia.

Lo sgombro è uno dei pesci con il più alto contenuto di grassi polinsaturi essenziali (omega 3 e omega 6), per questo è stato esaltato a lungo dai nutrizionisti e sottoposto ad una pesca invasiva che lo ha portato ad entrare nell'elenco delle specie ittiche a rischio (Lista Rossa delle specie minacciate) stilata dall'IUCN (International Union for the Conservation of Natur and Natural Resources), pur se con un rischio minimo (anni Sessanta).

Lo Stato Italiano ha emanato alcune leggi di controllo della pesca dello sgombro ed attualmente è tornato a ripopolare i nostri mari abbondantemente, tanto che il suo prezzo rimane comunque  accessibile.

Lo sgombro, come il tonno, il salmone e le alici, è anche uno dei pesci che troviamo più spesso confezionato in filetti sott'olio e venduto nella grande distribuzione a prezzi irrisori (anche 1 € per 100 g).

 

 

Caratteristiche dello sgombro

Sgombro

Lo sgombro ha un corpo fusiforme e longilineo con testa appuntita, raggiunge una lunghezza di 25-50 cm per circa 0,5-1 kg di peso ed ha una caratteristica inconfondibile: il suo dorso argenteo-bluastro è tigrato, intervallato cioè da righe verticali nere, mentre il ventre è bianco.

Predilige vivere a profondità di circa 200 metri, passando l'inverno lontano dalla costa e tornando vicino alle spiagge in primavera-estate per deporre le uova.

Vive in branchi molto numerosi ed è un pesce onnivoro e vorace, che si nutre di plancton, meduse, vermi, piccoli pesci, molluschi e crostacei.

Viene pescato principalmente con i ciancioli, con le rete volanti, le reti da circuizione o le reti da posta.

Lo sgombro in cucina

Le carni dello sgombro sono bianche e sode, hanno un sapore deciso, saporito e una consistenza oleosa.

Viene commercializzato fresco, surgelato, confezionato sott'olio o in salamoia (al naturale).

Si presta a differenti preparazioni: alla griglia, in insalata con arance e finocchi, abbinato alla cipolla caramellata o alle patate, affumicato in carpaccio, come ripieno della pasta fresca o marinato con erbe, spezie, pomodori e così via.

La presenza della parvalbumina (una proteina) rende lo sgombro la causa di un'allergia alimentare.

Ricette sì a base di sgombro al naturale

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Frutta esotica: elenco completo e come sceglierla

Colorata, dalle forme strane e con un gusto molto gradito, la frutta esotica esiste di moltissime tipologie, alcune delle quali crescono anche in Italia.


Migliori diete del 2020: la classifica americana

La classifica delle migliori diete del 2020 è stata stilata da un portale americano di informazione, servendosi del supporto di esperti del settore salute.


Glifosato nel grano: tra bufale ed accordi internazionali

Il glifosato nel grano, specie in quello canadese, è stato oggetto di diversi dossier che si sono rivelati poi delle bufale.


Glifosato negli alimenti: dove si trova e come evitarlo

Il glifosato è un erbicida usato in agricoltura che potrebbe causare il cancro nell'uomo: ecco in quali alimenti si trova e come evitarlo.

 


Clinto: storia e caratteristiche del vino proibito

Il Clinto non appartiene alla specie solitamente usata per la produzione del vino comune. La sua diffusione è ostacolata da leggi italiane ed europee.


Uva fragola: caratteristiche e proprietà dell’uva dei climi freddi

L’uva fragola ha sapore e profumo molto particolari ma la legislazione italiana ne impedisce la diffusione, specie del vino da essa derivato: il Fragolino.


Coppiette di maiale romane: storia e come si mangiano oggi

Le coppiette di maiale romane sono un’antica ricetta romana diffusasi poi oggi in tutta Italia. Nascono per l’esigenza di conservare la carne.


Dieta nordica o dei Vichinghi: la sfida alla dieta Mediterranea

La dieta nordica è molto simile a quella mediterranea e si basa sul minor consumo di alimenti animali, privilegiando quelli vegetali e locali.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.