Sgombro

Lo sgombro è un pesce azzurro, appartiene di diritto a questa categoria per via del suo dorso bluastro. 

 

 

Lo sgombro, il cui nome scientifico è Scomber scombrus, viene chiamato anche maccarello, scombro, agerto o lacerto a seconda delle zone d'Italia. Da non confondersi con lo Scomber japonicus, comunemente noto come lanzardo o sgombro occhione, dalle carni meno pregiate e spesso venduto nelle pescherie come sgombro.

Lo sgombro è una delle specie ittiche più diffusa nei mari italiani, ma è comune anche in tutto il Mediterraneo, nel Mar Nero, nelle coste settentrionali dell'Oceano Atlantico fino alla Norvegia e alla Groenlandia.

Lo sgombro è uno dei pesci con il più alto contenuto di grassi polinsaturi essenziali (omega 3 e omega 6), per questo è stato esaltato a lungo dai nutrizionisti e sottoposto ad una pesca invasiva che lo ha portato ad entrare nell'elenco delle specie ittiche a rischio (Lista Rossa delle specie minacciate) stilata dall'IUCN (International Union for the Conservation of Natur and Natural Resources), pur se con un rischio minimo (anni Sessanta).

Lo Stato Italiano ha emanato alcune leggi di controllo della pesca dello sgombro ed attualmente è tornato a ripopolare i nostri mari abbondantemente, tanto che il suo prezzo rimane comunque  accessibile.

Lo sgombro, come il tonno, il salmone e le alici, è anche uno dei pesci che troviamo più spesso confezionato in filetti sott'olio e venduto nella grande distribuzione a prezzi irrisori (anche 1 € per 100 g).

 

 

Caratteristiche dello sgombro

Sgombro

Lo sgombro ha un corpo fusiforme e longilineo con testa appuntita, raggiunge una lunghezza di 25-50 cm per circa 0,5-1 kg di peso ed ha una caratteristica inconfondibile: il suo dorso argenteo-bluastro è tigrato, intervallato cioè da righe verticali nere, mentre il ventre è bianco.

Predilige vivere a profondità di circa 200 metri, passando l'inverno lontano dalla costa e tornando vicino alle spiagge in primavera-estate per deporre le uova.

Vive in branchi molto numerosi ed è un pesce onnivoro e vorace, che si nutre di plancton, meduse, vermi, piccoli pesci, molluschi e crostacei.

Viene pescato principalmente con i ciancioli, con le rete volanti, le reti da circuizione o le reti da posta.

Lo sgombro in cucina

Le carni dello sgombro sono bianche e sode, hanno un sapore deciso, saporito e una consistenza oleosa.

Viene commercializzato fresco, surgelato, confezionato sott'olio o in salamoia (al naturale).

Si presta a differenti preparazioni: alla griglia, in insalata con arance e finocchi, abbinato alla cipolla caramellata o alle patate, affumicato in carpaccio, come ripieno della pasta fresca o marinato con erbe, spezie, pomodori e così via.

La presenza della parvalbumina (una proteina) rende lo sgombro la causa di un'allergia alimentare.

Ricette sì a base di sgombro al naturale

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.


Fromage blanc: l'interessante ma raro formaggio

Il fromage blanc è un formaggio tipico francese che non si trova molto spesso in Italia. Si presta a moltissime ricette, sia dolci che salate, e ha un buon profilo nutrizionale.


Tasso alcolemico: limiti, sanzioni, calcolo, tabelle

Il tasso alcolemico è la concentrazione di alcol nel sangue. Può essere calcolato attraverso specifiche tabelle e misurato con l'etilometro o nel sangue e nelle urine.


Quanti grammi di alcol?

Quanti grammi di alcol in vino, birra e cocktails? Come si calcolano velocemente i grammi di alcol nelle bevande alcoliche?

 


L'alcol fa ingrassare?

L'alcol fa ingrassare? Quante calorie hanno le bevande alcoliche? Secondo alcuni il vino fa addirittura dimagrire... È vero?


L'acqua elimina la cellulite?

L'acqua non aiuta ad eliminare la cellulite, l'unica cosa che possiamo fare è garantire all'organismo una idratazione ottimale.


Hamburger

L'hamburger, il tipico panino da fast food più famoso del mondo.


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.