Grongo (Conger conger)

Il grongo (nome scientifico Conger conger) è un pesce osseo di mare appartenente alla famiglia delle Congridae.

 

 

Ha l'aspetto simile a quello dell'anguilla, ma più massiccio e dalla quale si distingue per avere un muso molto più grande, una mascella inferiore non protratta in avanti e per l'assenza di scaglie. La sua pelle è liscia e ricoperta di una sostanza mucosa, la livrea varia dal nero al grigio chiaro a seconda del colore del fondale in cui vive. Il grongo, inoltre, solitamente raggiunge dimensioni di molto superiori a quelle dell'anguilla, arriva, infatti, anche a tre metri di lunghezza e ai 50 chili di peso (in questi casi alcuni parlano impropriamente di "grongo gigante"). Gli esemplari femmina sono solitamente più grandi dei maschi.

Alcuni lo considerano, a nostro parere impropriamente, facente parte della categoria del pesce azzurro.

Abitudini e riproduzione

 

 

Il grongo ha abitudini molto simili a quelle della murena e dell'astice, come loro, infatti, predilige gli anfratti oscuri, come grotte o relitti, e si sposta per cacciare prevalentemente di notte. Quando sceglie una tana il grongo non si allontana quasi mai da essa, e la sceglie in base alla scarsa visibilità, cosa che rende più difficile la sua cattura di giorno.

Si ciba prevalentemente di invertebrati, i suoi preferiti sono i polpi, e a volte mangia anche pesci morti.

La riproduzione del grongo, che avviene in estate, è molto particolare: questo pesce, infatti, depone le uova solo in un paio di zone ben precise che sono state individuate una tra lo stretto di Gibilterra e le Isole Azzorre e un'altra in Sardegna, a profondità superiori ai 500 metri, fino anche ai 1000 metri. Durante la deposizione delle uova, inoltre, il grongo smette di nutrirsi.

Grongo

Il grongo è diffuso nel Mediterraneo, nell'Oceano Atlantico orientale dalla Norvegia al Senegal, nel Canale della Manica, nel Mare del Nord e nel Mar Baltico.

Nei mari italiani è molto comune. Si adatta bene a qualsiasi tipo di fondale, roccioso, sabbioso o fangoso, dai 10 fino ai 1000 metri di profondità.

Pesca del grongo

Il grongo viene catturato con i più svariati sistemi di pesca commerciale: palamiti, reti a strascico, reti da posta, nasse, parangali. È una preda ambita anche da pescatori sportivi o da subacquei, ma la sua cattura avviene solitamente di notte.

Ricette con il grongo

 

 

La carne del grongo è considerata di poco valore commerciale, fa parte dei pesci cosiddetti pesci "poveri', e una volta spellato viene spesso smerciato per palombo o per altri pesci più pregiati. Le sue carni sono discrete, anche se ricche di lische, ed è di facile reperibilità sul mercato italiano, fresco e a un costo abbordabile, il prezzo al kg raramente supera gli 8-10 euro.

Il grongo può essere anche cucinato alla griglia, ma dà senz'altro il meglio di sé nelle cotture lunghe, si presta bene a preparazioni in umido o alla griglia, è, inoltre, un ingrediente indispensabile per molte ricette tradizionali, in particolare le zuppe di pesce come il cacciucco alla livornese o il brodetto all'anconetana.

Valori nutrizionali e proprietà nutritive

Il grongo è un pesce magro, con una quantità di grassi totale inferiore al 5%. Apporta poco più di 100 kcal/hg, la maggior parte delle quali sono costituite da proteine.

Costituisce quindi un'ottima scelta dal punto di vista nutrizionale, a patto di utilizzare una quantità di grassi ridotta in cottura, quindi bisogna fare molta attenzione soprattutto se lo si cucina in umido, dove le calorie possono lievitare tantissimo a causa dell'olio aggiunto nel fondo di cottura.

Curiosità sul grongo

Il "matrimonio" per il grongo è una cosa seria: ogni esemplare femmina, infatti, si unisce al partner una sola volta nella vita.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.

 


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.