Alborella

Le alborelle (o arborelle) sono piccoli pesci ossei della famiglia delle Ciprinidae, il cui nome scientifico è Alburnus arborella.

 

 

Le arborelle sono pesci di acqua dolce diffusi prevalentemente nei laghi, nei fiumi e nei canali dell'Italia centro settentrionale, in particolar modo nel lago Maggiore, nel lago di Lugano, nel lago di Garda, nei laghi trentini e nel Po dove rappresenta la componente ittica prevalente (60-70%).

Le alborelle prediligono acque lacustri a lenta corrente, con scarsa presenza di vegetazione, durante l'inverno vivono più in profondità, mentre in estate salgono in superficie. 

L'alborella è una specie autoctona italiana, molto diffusa e molto abbondante, che si adatta con facilità a vari climi, da quello alpino a quello di pianura, tanto che è stata introdotta dal nord anche nei fiumi del centro Italia, quali il Tevere e l'Arno e nel lago Trasimeno.

Dall'Italia è stata introdotta anche in Slovenia e nella costa dalmata fino alla Macedonia.

Caratteristiche dell'alborella

Alborelle

L'alborella ha un corpo allungato e snello, di forma ovale, testa piccola e bocca terminale con una mandibola molto prominente. Occhio grande e rotondo. Raggiunge una lunghezza massima di 16-18 cm per un peso di massimo 10 grammi.

La sua caratteristica peculiare è una pinna anale molto avanzata con circa 13-16 raggi, mentre le pinne laterali sono posizionate piuttosto in basso.

La colorazione della livrea è grigiastra, più verdastra sui fianchi, il ventre è bianco e le pinne sono translucide con riflessi gialli o rosati durante il periodo della riproduzione.

Generalmente gli esemplari di alborella femmina sono più tozzi per via delle gonadi, raggiungono la maturità a 2 anni e depongono fino a 1500 uova ogni esemplare. Si riproduce in primavera (maggio-giugno) periodo in cui nella provincia di Como ne è vietata la cattura.

Si nutre prevalentemente di plancton, alghe e crostacei e gli esemplari fluviali di insetti ed invertebrati.

 

 

Pesca e usi delle alborelle

Le alborelle vengono pescate sia da pescatori sportivi che professionisti, hanno carni abbastanza pregiate, di buon valore commerciale. Si prestano ad essere cucinate fritte oppure in carpione, marinate con cipolle, carote, alloro, pinoli, uvetta, zucchero e aceto di vino

Con le squame delle alborelle si ricava la cosiddetta "tintura d'Oriente", una polvere d'argento che viene introdotta in piccole sfere di vetro per imitare le perle.

Le alborelle a loro volta vengono usate come esca per pesci più grandi.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Luganega trentina, veneta e lombarda

La luganega è un salume tipico del Nord Italia, in particolare delle regioni Trentino, Veneto e Lombardia, dove viene chiamata anche luganiga o luganica.


Cotechino

Il cotechino: il tipico salume che si consuma nel periodo natalizio con le lenticchie.


Salame

Salame: il tipico salume di carne macinata stagionato diversi mesi.


Uova di struzzo: valori nutrizionali, storia e curiosità

Le uova di struzzo sono le uova di uccello più grandi esistenti. Vengono usate sia a scopo decorativo che in cucina.

 


Uova di oca: proprietà e differenze con le altre uova

Le uova di oca sono più grandi di quelle di gallina e presentano delle differenze anche per quanto riguarda i valori nutrizionali.


Olio di crusca di riso: i reali benefici (pochi)

L'olio di crusca di riso ha diverse proprietà benefiche molte delle quali ancora da confermare.


Wet market: cosa sono e cosa provocano

I wet markets sono mercati in cui vengono venduti animali spesso ancora vivi e che vengono macellati al momento dell'acquisto.


Formaggini: una storia di pubblicità efficace

I formaggini hanno visto il loro picco d'uso negli anni del boom economico del dopo guerra, grazie ad una pubblicità di sicuro effetto.