Pane integrale

Il pane integrale è sempre più richiesto dai consumatori attenti alla salute, a causa del gran parlare che si fa dei benefici delle fibre.

Bisogna tuttavia fare attenzione poiché la maggior parte del pane integrale in circolazione non è proprio il massimo, sia dal punto di vista del gusto, che da quello nutrizionale.

Pane integrale o "tipo integrale"?

Il pane integrale può essere prodotto con farina integrale completa o con farina ricostituita.

Le farine complete sono le farine ottenute dal chicco del cereale integro, comprensivo della parte esterna, ricca di fibre, che viene in genere eliminata con la macinazione atta alla produzione di farina bianca.

Questo tipo di farina viene venduta con l'indicazione "farina integrale di" seguita dal nome del cereale (frumento, segale, farro, ecc). Esistono anche farine semintegrali, dove è stata eliminata solo la parte esterna del chicco, ma vengono mantenute parte delle fibre.

Le farine ricostituite sono farine bianche alle quali viene aggiunta una parte di crusca ottenuta a parte, in etichetta si riconoscono perché tra parentesi vengono riportati gli ingredienti con i quali è stata prodotta, per esempio farina integrale di frumento (farina di frumento, crusca). Questo tipo di farina ha una forza (W) spesso superiore e miglior attitudine ad essere panificata.

Dal punto di vista nutritivo non c'è una gran differenza (vedi articolo sulla farina ricostituita): quello che ci interessa, in un pane integrale, sono le fibre e per quelle è sufficiente leggere le informazioni nutrizionale in etichetta.

Pane integrale

Pane integrale: meglio biologico

Il pane integrale venduto nella maggior parte dei panifici o dei supermercati è prodotto con farina ricostituita (per verificarlo, si può chiedere al panettiere oppure leggere negli ingredienti, obbligatori), perché con la farina ricostiituita il pane riesce meglio, ha caratteristiche migliori dal punto di vista organolettico perché la farina ricostituita ha una forza maggiore ed è più panificabile. Il pane biologico e/o il pane con farina macinata a pietra, venduto nei negozi specializzati o direttamente dal produttore, viene prodotto in genere con farina integrale e non con farina ricostituita, ma questo come abbiamo visto non è un fattore discriminante: non c'è nulla di male nelle farine ricostituite.

 

 

Il vero vantaggio del pane biologico riguarda il fatto che nella parte esterna del chicco si concentrano le sostanze chimiche utilizzate per la coltivazione dei cereali, dunque è bene avere delle garanzie riguardo l'assenza di ogni residuo.

Il pane integrale conviene?

Dal punto di vista della salute, il pane integrale si differenzia rispetto a quello bianco soprattutto per il contenuto di fibre, mentre il contenuto degli altri nutrienti (vitamine e minerali) non è significativamente più alto, almeno in valore assoluto.

In un'alimentazione equilibrata le fibre vengono ottenute prevalentemente da frutta, verdura e legumi, dunque non è necessario, in condizioni normali, ricorrere al pane integrale per garantire l'apporto giornaliero di fibre. Anche perché le fibre del pane integrale sono composte da fitati che hanno un potere antinutrizionale.

Dunque, il consumo di pane integrale dovrebbe essere una scelta basata sulla qualità e sul gusto. Il pane integrale comunemente venduto nei supermercati e nei panifici lascia parecchio a desiderare come gusto e consistenza e oltretutto viene prodotto spesso con farina ricostituita.

Se si riesce a reperire pane integrale prodotto da piccole aziende, quasi sempre biologiche, che utilizzano spesso il lievito madre (che elimina una parte dei fitati grazie alla fermentazione acida), allora vale la pena di sperimentare e se ne vale la pena, di consumare il pane integrale. Molto interessante anche il pane integrale di farro o di kamut, che non hanno il tipico gusto di crusca del pane di frumento integrale.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Chorizo (salame spagnolo)

Il chorizo: il salame alla paprica, più o meno piccante, tipico della cucina spagnola, portoghese e sudamericana.


Sanguinaccio e morcilla

Il sanguinaccio: l'insaccato a base di sangue di maiale e altre frattaglie ormai praticamente scomparso in Italia.


Salamoia bolognese

La salamoia bolognese o aglione: il sale aromatico a base di erbe, spezie e aglio usato per condire le carni, il pesce o i sughi.


Stinco di maiale

Stinco di maiale: il taglio del maiale con cui si preparano deliziosi arrosti a lunga cottura.

 


Salsa barbecue

La salsa barbecue, il condimento statunitense a base di ketchup immancabile durante le grigliate di carne.


Marmellata

La marmellata (e la confettura): tutto quello che c'è da sapere anche dal punto di vista legislativo.


Il fabbisogno calorico

Il fabbisogno calorico giornaliero è la quantità di energia (espressa in kcal) necessaria al mantenimento del nostro peso corporeo.


Il metabolismo basso

Come capire se si ha un metabolismo davvero basso o se si è dei veri mangioni.