Globuli rossi

I globuli rossi, o eritrociti, sono particolari cellule del sangue prive di nucleo e di organelli citoplasmatici, dotate solo di una membrana plasmatica che racchiude l'emoglobina ed un numero limitato di enzimi, necessari per il mantenimento dell'integrità della membrana e per la funzione di trasporto dei gas.

 

 

I globuli rossi hanno colore rosa e sono i principali responsabili del colore del sangue. La forma dei globuli rossi è a "disco biconcavo", che ha un rapporto tra superficie e volume superiore rispetto alla forma sferica: ciò permette di aumentare gli scambi gassosi.

La membrana dei globuli rossi è particolarmente fluida e questo consente di passare, deformandosi, anche attraverso i capillari più piccoli.

I globuli rossi contengono emoglobina, una molecola in grado di legare ossigeno e anidride carbonica.

La principale funzione dei globuli rossi è quella di trasportare questi due gas, fondamentali per il metabolismo delle cellule, dai polmoni ai tessuti (ossigeno) e viceversa (anidride carbonica).

Globuli rossi

In 1 millimetro cubo di sangue sono presenti circa 5.000.000 di globuli rossi, dunque un individuo adulto ne possiede quasi 15000 miliardi.

Globuli rossi ed eritropoietina

I globuli rossi vengono continuamente generati dal midollo osseo, per rimpiazzare quelli che muoiono. Infatti i globuli rossi non si autoriproducono e la loro vita media è di 120 giorni circa.

Il processo viene regolato da un ormone, l'eritropoietina (EPO), secreto dal rene nell'adulto, scoperto per la prima volta nel 1975 da Miyake nelle urine di soggetti anemici.

 

 

Le cellule renali sono dotate di un sensore della quantità di ossigeno ed, in base al grado di ipossia (riduzione di ossigeno) del sangue che le irrora, regolano la secrezione di eritropoietina.

L'EPO è uno degli ormoni utilizzati come doping ematico, per aumentare la percentuale di globuli rossi nel sangue (l'ematocrito) e di conseguenza la capacità di trasporto dell'ossigeno ai muscoli.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Medicina alternativa o complementare

La medicina alternativa comprende una tipologia variegata di discipline che si basano su terapie la cui efficacia non sempre viene dimostrata con metodo scientifico.


Chiropratica: che cos'è, controindicazioni e applicazioni

La chiropratica è una disciplina usata per la terapia del dolore ma non solo, che si basa sulle manipolazione a livello della colonna vertebrale.


Osteopatia: è efficace?

L'Osteopatia è una medicina complementare che si basa sulle manipolazioni per giungere ad una guarigione. Risulta ancora oggi difficile capire se l'efficacia sia reale o meno.


Omotossicologia: un derivato placebo dell'Omeopatia

L'Omotossicologia nasce dall'Omeopatia di cui usa gli stessi principi, ampliandone la farmacopea e usando alcuni principi della medicina convenzionale.

 


Medicina tradizionale cinese: una lunga tradizione senza conferme scientifiche

La medicina tradizionale cinese ha una lunga tradizione millenaria alle spalle e ha basi filosofiche con diversi tipi di cure, non ancora però confermate scientificamente.


Medicina ayurvedica: un'antica pratica dalla dubbia efficacia

La medicina ayurvedica è un'antica pratica nata in India, di cui non è ancora certa l'efficacia. Nei preparati ayurvedici è stata riscontrata la presenza di metalli tossici.


Medicina antroposofica: una storica terapia che non funziona

La medicina antroposofica è una pseudoscienza creata dopo la prima guerra mondiale, ma di cui non si hanno prove scientifiche circa la sua reale efficacia.


Omeopatia o medicina omeopatica: la pseudoscienza dell'effetto placebo

L'omeopatia è una pseudoscienza che fa parte della medicina alternativa. Ad oggi non vi sono studi che dimostrino una sua efficacia se non nell'indurre un effetto placebo.