Pregi e difetti del cioccolato

Volevo sapere i pregi e i difetti del cioccolato, le virtù, le proprietà, i benefici, se fa ingrassare anche mangiandone poco, se fa male,se è vero che bisognerebbe eliminarlo, quanto volte alla settimana si può mangiare, in che quantità, cioè il limite massimo e corretto di assunzione del cioccolato. Sono tanti dubbi che vorrei, un volta per tutte, togliermi. Non posso fare a meno del cioccolato, è irresistibile! Grazie mille!!! Aspetto una vostra esauriente risposta al più presto! Grazie ancora!

 

 

Cara visitatrice,
sfrutto la tua mail per sottolineare un concetto molto importante che riguarda le proprietà benefiche degli alimenti. Si dice da più parti, e un fondo di verità esiste, che il cibo è una specie di farmaco, un insieme di potenti sostanze attive in grado di mantenerci in salute o di farci ammalare a seconda di come e quanto ne assumiamo.

Nella società moderna è sotto gli occhi di tutti quale sia il problema più grande legato al rapporto tra cibo e salute: il sovrappeso. Deve essere chiaro a tutti che il sovrappeso è una questione quantitativa più che qualitativa: ingrasso se mangio di più di quello che consumo. Le calorie sono la grandezza che misura questo "quanto".

Quanti alimenti diversi mangiamo in un giorno? Più di una decina.

Quanti alimenti diversi mangiamo in una settimana. Diverse decine.

È possibile che esista una quantità massima per ogni alimento, superata la quale ingrasso (senza scadere negli eccessi, ovviamente)? Chiunque sia un minimo esperto di matematica, sa bene che questo è un problema impossibile. Quello che conta è l'insieme degli alimenti, esistono infinite combinazioni che garantiscono il soddisfacimento della condizione calorie assunte = calorie consumate.

 

 

Allo stesso modo, non esiste alcun alimento che mangiato in quantità molto ridotte fa ingrassare: quindi nessun alimento è proibito. I cibi più calorici che esistono hanno 900 kcal per 100 g (per esempio l'olio EVO - ExtraVergine di Oliva): eppure li utilizziamo tutti i giorni. Il cioccolato ne ha "appena" 500: poco più della metà. Se eliminassimo il cioccolato perché ha troppe calorie dovremmo eliminare anche l'olio EVO dalla nostra alimentazione.

In base a questo criterio nasce questa regola:

  • per chi è normopeso non esistono cibi buoni e cibi cattivi.

Questo significa che, di fronte a un alimento, ha poco senso chiedersi se fa ingrassare senza specificare le quantità, né ha senso chiedersi se va eliminato dalla propria alimentazione.
Puoi rispondere tu stessa alla tua domanda: quanto cioccolato posso mangiare ogni giorno? Per farlo devi:

  • avere un'idea di quante calorie consumi al giorno;
  • avere un'idea di quanto mangi nei vari pasti;
  • inserire le calorie del cioccolato in quantità tale da eguagliare le calorie introdotte e le calorie spese.

 

 

Difficile? Impossibile? No, non direi, e te lo posso dire con certezza assoluta.

La maggior parte delle persone pensa che il conteggio delle calorie sia una cosa da maniaci dell'alimentazione, ma ti posso garantire che messi di fronte alla realtà dei fatti, tutti rimangono stupiti dalla facilità di questo metodo. Questo è quello che sperimentiamo di persona durante i nostri corsi, dove insegnamo proprio l'approccio quantitativo basato sul calcolo delle calorie.

D'altro canto, l'alternativa a questo approccio è quella di eliminare tutti i cibi "pericolosi" come il pane, la pasta, i dolci, ecc. Come avviene in tutti i modelli alimentari che propongono "scorciatoie" al calcolo delle calorie. Queste scorciatoie si pagano con il fatto che poi non puoi mangiare più nulla di buono!

Veniamo ora alle presunte proprietà positive del cioccolato. In questi anni i media hanno spinto molto questo prodotto decantandone le proprietà antidepressive e salvacuore, dovute alle sostanze in esso contenute (come la teobromina) ma dimenticandosi un piccolo particolare: un sedentario non può permettersi quantità di cioccolato significative per godere dei presunti benefici.

In parole povere, magari il cioccolato mi fa essere meno depresso e mi da un piccolo beneficio al cuore, ma poi divento obeso e questo mi causa una depressione e un danno cardiovascolare molto maggiore!

Fai qualche calcolo e scoprirai che il cioccolato in tavoletta è un alimento che può essere assunto sporadicamente da un sedentario, quotidianamente da uno sportivo ma sempre valutando la quantità di calorie.

Notare le analogie con il vino: la quantità di vino che forse mi fa bene al cuore sicuramente mi distrugge il fegato. Ha senso parlare di "proprietà benefiche del vino"? Non mi pare...

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Posta dei visitatori


La dieta Lemme: geniale o banale?

Dieta Lemme: la dieta del farmacista di Desio basata su spaghetti insipidi a colazione.


Eritritolo: un nuovo dolcificante

Ho trovato un prodotto che mi ha incuriosita, il Lakanto, un dolcificante usato e proveniente dal Giappone...


Uova a colazione

Uova a colazione: per tutta la vita ho trovato disgustosa la colazione all'italiana fatta di marmellate, cornetti, latte ecc...


Alimentazione e sport serale

Che tipo di cena potrebbe fare per poter avere una "veloce" digestione dopo lo sport serale?

 


Facciamo confusione...

Come se già non ce ne fosse abbastanza. E poi ci si lamenta se crescono i problemi dovuti al rapporto tra la persona e il proprio peso.


Qualità del gelato

Ultimamente faccio caso alla tabella degli ingredienti ormai presente in molte gelaterie artigianali...


Alimentazione per crescita muscolare

La giusta alimentazione per la crescita muscolare senza incappare in pregiudizi alimentari.


Il miele fa bene... Ma non per la tosse!

Salve ho letto il vostro articolo e sono andata anche nel sito dell'istituto nazionale apicoltura, che avevate sottolineato...