Digeribilità: è così importante?

Indice delle risposte pubblicate

Ho sentito che per essere molto digeribile bisogna lasciare livietare la pasta per almeno 24 ore. Gradirei sapere come posso conservarla, se la metto in frigo quando la utilizzo e' molto umida e lievita malamente, se la lascio fuori aggiungo ogni tanto della farina ma si forma una crosticina, nonostante la tenga coperta con un canavaccio. Grazie per la risposta. Cordiali saluti.

 

 

Praticamente ogni ricetta in cucina può essere fatta in diversi modi, con risultati a volte diversi, a volte identici, a volte migliori, altri peggiori. La mia filosofia è la seguente:

  • prima adotto le strategie atte a rendere ciò che mangio perfettamente salubre e con la giusta densità calorica. Se possibile, rendo il piatto "Sì", altrimenti trovo un giusto compromesso tra sazietà e appetibilità e al limite, se non ne vale la pena, non preparo il piatto in questione;
  • in secondo luogo, tolgo tutti i fronzoli inutili, cioè le pratiche che fanno perdere tempo, ma non apportano sostanziali benefici al gusto del piatto né alla sua salubrità.

In questo ragionamento la digeribilità non rientra mai, semplicemente perché io non ho problemi digestivi. Se li avessi, di certo non cercherei di migliorare la digeribilità di ciò che mangio, ma cercherei di capire perché il mio organismo è diventato debole, e punterei a risolvere il problema. A tal proposito, ho scritto un articolo sulla digeribilità.

 

 

Esempio del pane: impossibile renderlo un cibo con il giusto rapporto sazietà/appetibilità (ha 280 kcal per 100 g e rientra nei cibi poco sazianti), quindi mi limito a non renderlo ipercalorico (non aggiungo grassi). Poi, mi attengo alle regole per produrre un buon pane, cioè lievitazione di 3 ore, formatura, lievitazione di 45 minuti, infornata. Il pane è un alimento digeribilissimo e non digerirlo significa avere seri problemi. Se lo digerisco bene, non vedo perché io debba renderlo più digeribile: è contropruducente, un eccesso di digeribilità significa che avrò fame dopo poche ore e quindi diminuire la sazietà (caratteristica molto più importante).

Cercare di rendere digeribile il pane con una lunga lievitazione (a parte che difficilmente risolverebbe il problema, nel senso che aumenterebbe impercettibilmente la digeribilità) costringe a seguire una ricetta sbagliata, con tutti i problemi che ne derivano, e senza alcun tipo di vantaggio. Prima di occuparsi della digeribilità, bisognerebbe aggiustare tutto il resto (peso forma, evitare schifezze, cotture sbagliate, grassi non genuini, additivi potenzialmente nocivi, ecc ecc).

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Posta dei visitatori

Total Immersion: il nuoto "reinventato"

Il metodo di allenamento Total Immersion: il nuoto "reinventato" che permette di fare meno bracciate per vasca.

Il miele fa bene... Ma non per la tosse!

Salve ho letto il vostro articolo e sono andata anche nel sito dell'istituto nazionale apicoltura, che avevate sottolineato...

Formaggio di capra e colesterolo

Discussione sulla veridicità dell'affermazione che il formaggio di capra non conterrebbe colesterolo.

Perseverare è diabolico

Ho un dubbio che mi turba da molto tempo, sono un ragazzo che ha fatto parecchie volte diete drastiche con risultati ottimi in breve tempo...

 

Il calcolo della massa grassa

Mi chiedevo come sia possibile che una semplice bilancia misuri anche il metabolismo, la massa grassa, magra ecc...

La dieta Lemme: geniale o banale?

Dieta Lemme: la dieta del farmacista di Desio basata su spaghetti insipidi a colazione.

Eritritolo: un nuovo dolcificante

Ho trovato un prodotto che mi ha incuriosita, il Lakanto, un dolcificante usato e proveniente dal Giappone...

Uova a colazione

Uova a colazione: per tutta la vita ho trovato disgustosa la colazione all'italiana fatta di marmellate, cornetti, latte ecc...

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.