Troppe carote = troppa vitamina A?

Indice delle risposte pubblicate

Gentili esperti, io consumo: _tutti i giorni 3-4 carote spesso crude, _bevo tutti i giorni mezzo bicchiere succo di carota biologico (100% carota conservato con succo di limone) _inoltre mangio tutti i giorni 300-400 g di verdure a foglia verde (lattuga, indivia, radicchio, cappuccio) Secondo Voi introduco troppo beta-carotene? E' pericoloso introdurre con la dieta beta-carotene in eccesso? Che rischi può comportare? Inoltre soffro di ipotiroidismo subclinico in cura con tiroxina, ho letto che l'ipotiroidismo in alcuni casi è in relazione con l'ipercarotenemia: significa che chi ha ipotiroidismo deve consumare meno alimenti che contengono beta-carotene? Oppure che non è in grado di trasformare il beta-carotene in vitamina A? Vi ringrazio Cordiali Saluti

 

 

La vitamina A è contenuta prevalentemente negli alimenti di origine animale, soprattutto nel fegato. Gli alimenti vegetali contengono sostanze chiamate carotenoidi, molte delle quali (soprattutto il betacarotene) sono dei precursori della vitamina A, cioè si trasformano nella forma attiva della vitamina solamente all'interno dell'organismo e solamente se occorre. Questo scongiura problemi di sovradosaggio,

che nel caso della vitamina A sono potenzialmente molto pericolosi e possono addirittura essere letali. Lo sanno bene gli esquimesi che evitano accuratamente di mangiare il fegato di alcuni animali, come l'orso, che contiene una quantità di vitamina A che lo rendono praticamente un veleno. Un solo grammo di fegato di orso contiene 15000 UI di vitamina A, quando la quantità massima oltre la quale è bene non andare è di soli 10000 UI. Per quanto riguarda i carotenoidi, e in particolare il betacarotene, contenuto nei vegetali, esso si trasforma in vitamina A solo se serve, se se ne assume troppo, si accumula a livello dei tessuti, per esempio della pelle, causando una colorazione gialla che però non determina problemi di salute. Quindi, il tuo consumo assiduo di carote e di vegetali a foglia verde non può causare problemi di sovradosaggio di vitamina A, piuttosto, io limiterei il consumo di spinaci e bietola (non li hai menzionati, dunque probabilmente è un falso problema...) a sole 2 volte la settimana, poiché contengono molti nitrati. Chi li consuma con una frequenza superiore dovrebbe puntare su prodotti biologici o coltivati con metodi meno intensivi (per esempio i prodotti a lotta integrata), che contengono una quantità di nitrati diverse volte inferiore rispetto agli stessi coltivati con metodi tradizionali.

 

 

L'ipercarotenemia è spesso un sintomo dell'ipotiroidismo, presente quando questa patologia è in atto, cioè quando gli ormoni tiroidei hanno una concentrazione patologicamente bassa, se l'ipotiroidismo è curato con la somministrazione di farmaci, anche i sintomi ad esso collegati scompaiono, dunque il consumo di carotenoidi non è un problema.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Posta dei visitatori


La dieta Lemme: geniale o banale?

Dieta Lemme: la dieta del farmacista di Desio basata su spaghetti insipidi a colazione.


Eritritolo: un nuovo dolcificante

Ho trovato un prodotto che mi ha incuriosita, il Lakanto, un dolcificante usato e proveniente dal Giappone...


Uova a colazione

Uova a colazione: per tutta la vita ho trovato disgustosa la colazione all'italiana fatta di marmellate, cornetti, latte ecc...


Alimentazione e sport serale

Che tipo di cena potrebbe fare per poter avere una "veloce" digestione dopo lo sport serale?

 


Facciamo confusione...

Come se già non ce ne fosse abbastanza. E poi ci si lamenta se crescono i problemi dovuti al rapporto tra la persona e il proprio peso.


Qualità del gelato

Ultimamente faccio caso alla tabella degli ingredienti ormai presente in molte gelaterie artigianali...


Alimentazione per crescita muscolare

La giusta alimentazione per la crescita muscolare senza incappare in pregiudizi alimentari.


Il miele fa bene... Ma non per la tosse!

Salve ho letto il vostro articolo e sono andata anche nel sito dell'istituto nazionale apicoltura, che avevate sottolineato...