La dieta del pompelmo

La dieta del pompelmo è una delle diete più antiche: le prime versioni fecero la loro comparsa negli Stati Uniti addirittura negli anni 30 del secolo scorso.

Esistono moltissime varianti della dieta del pompelmo (chiamata anche Hollywood diet), ma tutte hanno come comune denominatore il consumo, praticamente ad ogni pasto, di pompelmo o di succo di pompelmo, al quale sono attribuite proprietà dimagranti.

Molte versioni della dieta del pompelmo, inoltre, comprendono l'eliminazione di gran parte dei cibi ricchi di carboidrati e promuovono il consumo di cibi ricchi di proteine, grassi saturi, colesterolo (uova, salumi, carne grassa, ecc), un po' come nelle diete low carb.

Come funziona la dieta del pompelmo

Come ho accennato, la dieta del pompelmo prevede tantissime varianti (basta guardare su Amazon quanti libri sono stati scritti - alcuni recentissimi - su questa dieta), ma mediamente tutte queste diete sono low carb, iperproteiche e iperlipidiche, e prevedono il consumo di pompelmo durante tutta la giornata. Spesso sono diete drastiche e di breve durata (circa 2 settimane), e quindi prevedono un introito calorico molto limitato.

Diieta del pompelmo

Analisi critica della dieta del pompelmo

La dieta del pompelmo, come quella del limone e in generale come tutte le diete basate su un cibo "miracoloso", sono fad diet, diete alla moda prive di spessore scientifico.

Il fatto che il pompelmo possa favorire il dimagrimento non è mai stato dimostrato, i pochissimi studi in merito sono spesso finanziati da società in conflitto di interessi e sono stati effettuati su piccoli gruppi, e senza metodi solidi e affidabili.

Come tutte le diete drastiche, la dieta del pompelmo ha un tasso di fallimento elevatissimo, perché come abbiamo ripetuto fino alla nausea, in una dieta l'importante non è tanto il fatto di perdere peso, ma quello di mantenere i risultati raggiunti a lungo termine... E questo è tanto più difficile quanto più la dieta è diversa dalle abitudini alimentari normali del soggetto.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Ricotta di vacca, pecora e capra - Calorie della ricotta

Ricotta di vacca, pecora e capra: non è propriamente un formaggio, poiché viene ricavata dal siero, un prodotto di scarto.


Vitamina B9 (acido folico)

La vitamina B9 o acido folico è fondamentale nella sintesi di aminoacidi, una sua carenza è particolarmente rischiosa in gravidanza.


Vitamina B6 (piridossina)

La vitamina B6 o piridossina è coinvolta nel metabolismo di proteine e grassi, la sua integrazione può essere utile per alcune patologie.


Castagne - Castagna e Marroni

Le castagne e i marroni, un frutto atipico molto ricco di carboidrati.

 


Vitamina B5 (acido pantotenico)

La vitamina B5 o acido pantotenico è importante per il metabolismo dei macronutrienti e svolge anche altre importanti funzioni.


Vitamina B3 (niacina)

La vitamina B3 o niacina è importante per la produzione di energia, per il sistema nervoso, lo stomaco e l'intestino.


Vitamina B2 (riboflavina)

La vitamina B2 o riboflavina è coinvolta nel metabolismo energetico, non è dimostrata la sua efficacia per migliorare la salute di unghie, capelli e pelle.


Bacon e pancetta: quali differenze?

Molti utilizzano il termine bacon come sinonimo di pancetta, ma in realtà sono due prodotti diversi. Scopriamone le differenze.