Puntarelle (cicoria asparago)

Le puntarelle sono un tipo di cicoria invernale chiamata anche cicoria asparago, cicoria spigatacicoria frastagliata o cicoria catalogna, originaria della provincia di Latina in Lazio e più precisamente dei comuni di Formia e Gaeta.

 

 

La Regione Lazio ha riconosciuto alle puntarelle lo status di Prodotto Agroalimentare Tradizionale Italianov (vedi prodotti tipici del Lazio) sotto il nome di "cicoria di catalogna frastagliata di Gaeta".

Un tempo legate indissolubilmente al territorio, oggi le puntarelle sono facilmente reperibili anche al di fuori del Lazio, nei banconi dei grandi supermercati o degli alimentari più forniti. Spesso si trovano anche già pulite.

Puntarelle

Le puntarelle sono chiamate così perchè corrispondono alle punte di questo tipo di cicoria, cioè ai germogli e sono di colore bianco-verde chiaro e dall'aspetto simile a quello degli asparagi anche se più corte, circa 7 cm, e più cicciotte (non a caso vengono epitetate anche con il termine "ciccioli"). Sono inoltre dotate di un ciuffetto finale filamentoso e arricciato di colore più scuro.

Uso delle puntarelle in cucina

Come ogni tipo di cicoria, anche le puntarelle hanno un sapore gradevolmente amarognolo e, quando sono fresche e sode si prestano ad essere mangiate crude in insalata, mentre le foglie della catalogna, più dure e dal sapore più intenso, vanno cotte, bollite o saltate in padella.

 

 

La ricetta più famosa con cui gustare le puntarelle è sicuramente l'insalata di puntarelle alla romana, la quale prevede di tagliare le puntarelle a listarelle nel senso verticale, di metterle a bagno in acqua ghiacciata e succo di limone per almeno un'ora così da farle arricciare e poi di condirle con un'emulsione di olio, aceto, sale, pepe e acciughe (e volendo aglio...).

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.

 


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.