Fungo mazza di tamburo (Macrolepiota procera)

Valori nutrizionali dei funghi

Ricette a base di funghi

 

 

La mazza di tamburo è uno dei funghi di bosco commestibili più facilmente riconoscibile, per via del suo aspetto caratteristico a mazza di tamburo come dice il nome stesso, con un gambo sottile e un cappello ovoidale.

La mazza di tamburo, nome scientifico Macrolepiota procera dove "procera" sta per "alto, lungo", è conosciuta in Italia anche con i nomi comuni di bubbola, parasole, ombrellone.

Il cappello è ovoidale nelle forme giovanili poi si apre come un ombrello quando il fungo raggiunge la maturazione.

La caratteristica peculiare della mazza di tamburo sono le squame ocra disseminate su tutto il cappello che ha una colorazione di fondo più chiara, grigiastra. Le dimensioni possono raggiungere i 30 cm.

Le lamelle sono fitte, larghe, color bianco-crema, libere rispetto al gambo ma con un collarium. Il collarium è una sorta di anello che circonda la sommità del gambo.

Il gambo è molto slanciato, esile, cilindrico, cavo e fibroso, di colore bianco con una caratteristica zebratura più scura. Arriva fino a 40 cm di altezza ed è la specie fungina che raggiunge le dimensioni maggiori.

Fungo mazza di tamburo

La mazza di tamburo è un fungo ubiquitario, si trova facilmente in tutti i boschi ed è molto comune. Cresce in gruppi di più individui

Il periodo migliore per la raccolta è quello che va dall'estate all'autunno.

Le carni sono bianche, tenere, con odore e sapore gradevoli che ricordano la nocciola.

Può essere consumato anche crudo ma se ne consiglia comunque la cottura.

Occorre fare attenzione a non confondere la Macrolepiota procera con la sua parente Macrolepiota venenata ritenuta tossica e la Lepiota cristata anch'essa ritenuta tossica.

Lepiota crestata

 

 

Lepiota cristata

La Lepiota cristata (foto a lato) ha cappello conico, aperto, largo e dal colore bianco-rosato, di dimensioni che raggiungono massimo i 6 cm. Anch'essa presenta delle squame color ocra sul cappello ma non ha la zebratura sul gambo tipica della mazza di tamburo.

Si trova frequentemente sui prati e sotto i latifoglie, sia in estate che in autunno.

Ha carni bianche, fibrose, con un ododre decisamente sgradevole.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Budelli per salumi: tipologie, proprietà, preparazione all'uso

I budelli per salumi sono di diverse tipologie, con pro e contro che vanno valutati a seconda del risultato desiderato.


Luganega trentina, veneta e lombarda

La luganega è un salume tipico del Nord Italia, in particolare delle regioni Trentino, Veneto e Lombardia, dove viene chiamata anche luganiga o luganica.


Cotechino

Il cotechino: il tipico salume che si consuma nel periodo natalizio con le lenticchie.


Salame

Salame: il tipico salume di carne macinata stagionato diversi mesi.

 


Uova di struzzo: valori nutrizionali, storia e curiosità

Le uova di struzzo sono le uova di uccello più grandi esistenti. Vengono usate sia a scopo decorativo che in cucina.


Uova di oca: proprietà e differenze con le altre uova

Le uova di oca sono più grandi di quelle di gallina e presentano delle differenze anche per quanto riguarda i valori nutrizionali.


Olio di crusca di riso: i reali benefici (pochi)

L'olio di crusca di riso ha diverse proprietà benefiche molte delle quali ancora da confermare.


Wet market: cosa sono e cosa provocano

I wet markets sono mercati in cui vengono venduti animali spesso ancora vivi e che vengono macellati al momento dell'acquisto.