Funghi chiodini (Armillaria mellea)

Valori nutrizionali dei funghi

Ricette a base di funghi

 

 

I chiodini sono una specie di funghi di bosco commestibili spesso chiamati anche famigliola buona proprio perchè hanno la particolarità di svilupparsi e crescere in gruppi molto numerosi, talvolta anche di un centinaio di individui. Il nome scientifico dei chiodini è Armillaria mellea.

Il cappello è emisferico, conico-ottuso, spesso con piccole scaglie o punteggiature brune. Il diametro è compreso tra 3-7 cm.

Le tonalità di colore variano dal giallo-miele al verde olivastro al bruno rossastro, a seconda del tipo di terreno su cui nascono. Il nome latino "mellea" significa proprio "di miele" ad indicare il colore con il quale i chiodini sono più diffusi.

Il gambo è tenace, fibroso, striato sopra l'anello, talvolta bulboso, di colore bruno olivastro, più pallido in alto. In altezza i chiodini possono raggiungere i 15 cm massimo.

Funghi chiodini

L'habitat ideale per i chiodini sono i boschi di latifoglie e aghifoglie, ma crescono anche su rami e radici, spesso rendendosi dei veri e propri parassiti di alberi vivi di cui provocano la morte. Si trovano solo in autunno.

Le carni dei chiodini sono fibrose e legnose, sode solo nella parte del cappello, emanano il tipico odore fungino e hanno un sapore un po' acidulo e amarognolo, vanno consumati solo ed esclusivamente previa cottura (fungo a commestibilità condizionata).

Il colore, il sapore e l'odore dei chiodini varia, ovviamente, in rapporto all'albero sul quale crescono e i migliori sono quelli che fruttificano sotto alberi di gelso e di rovere, sono più scadenti, invece, quelli che crescono su faggi e abeti rossi, poiché assumono un sapore resinoso.

L' Armillaria mellea è una famiglia di funghi tutt'oggi ancora oggetto di studio proprio per via della sua grande variabilità, tanto che i micologi stanno valutando se suddividerla in altre sotto-specie a seconda delle caratteristiche morfologiche e organolettiche dei vari chiodini.

 

 

Chiodini vs chiodelli

Funghi chiodelli

I chiodini non vanno confusi con i chiodelli, una specie di funghi dal nome simile ma del tutto diversa, il cui nome scientifico è Gomphidius glutinosus.
I chiodelli hanno cappello appianato e un po' depresso, di colore grigio-violaceo con macchie nere quan do raggiunge la maturità. Il diametro varia tra 5 e 12 cm.

Le lamelle sono rade e spesse, di colore grigio anch'esse.

Il gambo è cilindrico, pieno e ingrossato alla base, di colore giallo alla base e bianco nel resto del corpo.
Tutto il fungo è ricoperto da un sottile strato di pellicola glutinosa, da cui il nome.

La carne è bianca, molle quella del cappello e soda quella del gambo. L'odore e il sapore non sono particolarmente pregiati, hanno una nota acidula.

Crescono nei boschi di aghifoglie, soprattutto di abeti, in gruppi abbastanza numerosi.
Il periodo migliore per la raccolta va dall'estate all'autunno.

Un'avvertenza: i chiodini non vanno confusi neanche con il cosiddetto falso chiodino, o Hypholoma fasciculare, una famiglia di funghi del tutto simile nell'aspetto ma di colore aranciato più intenso, che risulta essere tossica per l'uomo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Budelli per salumi: tipologie, proprietà, preparazione all'uso

I budelli per salumi sono di diverse tipologie, con pro e contro che vanno valutati a seconda del risultato desiderato.


Luganega trentina, veneta e lombarda

La luganega è un salume tipico del Nord Italia, in particolare delle regioni Trentino, Veneto e Lombardia, dove viene chiamata anche luganiga o luganica.


Cotechino

Il cotechino: il tipico salume che si consuma nel periodo natalizio con le lenticchie.


Salame

Salame: il tipico salume di carne macinata stagionato diversi mesi.

 


Uova di struzzo: valori nutrizionali, storia e curiosità

Le uova di struzzo sono le uova di uccello più grandi esistenti. Vengono usate sia a scopo decorativo che in cucina.


Uova di oca: proprietà e differenze con le altre uova

Le uova di oca sono più grandi di quelle di gallina e presentano delle differenze anche per quanto riguarda i valori nutrizionali.


Olio di crusca di riso: i reali benefici (pochi)

L'olio di crusca di riso ha diverse proprietà benefiche molte delle quali ancora da confermare.


Wet market: cosa sono e cosa provocano

I wet markets sono mercati in cui vengono venduti animali spesso ancora vivi e che vengono macellati al momento dell'acquisto.