Semi di chia - Salvia Hispanica

La Chia è una pianta sudamericana, originaria del Messico e del Guatemala, appartenente alla famiglia delle Laminacee, la stessa di mentasalviatimoorigano ed altre erbe aromatiche, il cui nome scientifico è Salvia hispanica.

 

 

Nel Sudamerica la Chia ha una lunghissima tradizione, sembra, infatti, che fosse coltivata già dagli Atzechi e dai Maya in epoca pre-colombiana e che fosse stata chiamata Chia (forza) in virtù delle sue presunte proprietà benefiche.

Dalla Salvia hispanica si ricavano i semi di chia, piccolissimi granelli neri che nelle epoche passate in Sudamerica venivano usati come moneta di scambio (una tassa dell'Impero poteva arrivare fino a 4000 tonnellate di semi di chia!). Molti storici attestano che le coltivazioni di chia fossero tanto importanti come quelle di mais.

Purtroppo, con la conquista spagnola, moltissime coltivazioni di chia vennero bruciate e quasi scomparvero dalla circolazione, se non fosse stato per alcuni appezzamenti di terreno rimasti indenni situati sulle montagne.

Dagli anni Novanta in poi questo alimento ha conosciuto una riscoperta e una rivalorizzazione e le coltivazioni sono state riprese e a pieno regime in quasi tutti i Paesi del Sudamerica, soprattutto in Argentina.

Nel 2009, la Commissione Europea ha decretato che i semi di chia fossero ammessi come ingrediente alimentare ed oggi sono facilmente reperibili nei negozi specializzati e nei grandi supermercati, anche se in Italia ancora non sono molto conosciuti.

 

 

Proprietà nutritive dei semi di chia

Semi Chia

I semi di chia sono ricchi di grassi essenziali omega 3 (e in questo non sono diversi da altri semi come quelli di sesamo, di lino, di zucca ecc...), detti EFA in inglese (Essential Fatty Acid), possono quindi essere interessanti come metodo di integrazione, in una dieta equilibrata, soprattutto per chi mangia poco pesce (o non ne mangia per nulla). Cento grammi di semi di chia essiccati contengono 17 g di grassi omega 3, dunque per integrare 2 g di omega 3 nella dieta sono sufficienti 10 g di semi di chia, e questo li rende un prodotto davvero interessante per chi necessita di una integrazione importante di grassi omega 3 nella dieta. Anche solo un cucchiaino al giorno, pari a circa 5 g, consente di ottenere una integrazione discreta di omega 3, insufficiente da sola per garantire le quantità ottimali, ma utile per arrivare alla dose ottimale in associazione ad altri cibi ricchi di questi grassi.

Sono anche ricchi di fosforo e manganese.

Inoltre, sono attribuite loro altre proprietà benefiche (anche se tutte da dimostrare), e per questo sono anche commercializzati sotto forma di integratori: gli si attribuisce la capacità di regolare la pressione sanguigna, il colesterolo e l'aumento del peso, oltre al solito potere antiossidante comune a tutti i "cibi del momento", come acai, goji, ecc. tutti cibi appartenenti alla categoria dei Superfood, un gruppo di alimenti considerati miracolosi più che altro a livello commerciale, non certo scientifico.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cassis o ribes nero

Il cassis o il ribes nero, lo sciroppo di cassis per preparare il kir, l'aperitivo tipico francese.


Pesce rossetto (e bianchetti)

Il pesce rossetto (Aphia minuta): le caratteristiche, la pesca, gli usi in cucina e le differenze con i bianchetti e il pesce ghiaccio.


6 regole per rinforzare il sistema immunitario

Il sistema immunitario è un vero e proprio apparato difensivo che protegge il nostro organismo dagli attacchi di diverse sostanze estranee.


Luccio

Il luccio: pesce di acqua dolce. La pesca, la preparazione, le ricette, le curiosità.

 


Datteri di mare

I datteri di mare sono molluschi simili alle cozze di cui la pesca in Italia è vietata dal 1998.


Tenerezza della carne bovina

I tagli di carne più tenera: la tenerezza delle carni bovine secondo uno studio scientifico che valuta la qualità dei vari muscoli dei bovini.


Fico d'India

Fico d'India, tipico del Meridione, è il frutto di una particolare tipologia di cactus.


Pesticidi nella frutta e verdura: tossicità, come eliminarli

I pesticidi nella frutta e verdura sono stati riscontrati a livelli inferiori ai limiti di legge, ma alcuni accorgimenti possono ridurne la presenza nella dieta.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.