Affinatore di formaggi

L'affinatore di formaggi è una figura professionale relativamente recente. Nasce in Francia questa pratica di affinare i formaggi (affineur), ossia di occuparsi della loro stagionatura dopo che sono stati prodotti, quindi di prenderli ancora freschi dal caseificio e di portarli ad un ottimale maturazione tenendo in conto svariati fattori (caratteristiche organolettiche del formaggio, temperatura, umidità...).

 

 

Recentemente la figura dell'affinatore sta prendendo piede anche in Italia, soprattutto in Trentino Alto Adige, dove risiedono alcuni dei più grandi e rinomati affinatori di formaggio, primo su tutti Hansi Baumgartner (definitosi l'orafo del latte) con la sua azienda DE GUST - Formaggi d'artista che ha sede a Varna (BZ); ma anche Brancaleoni, affinatore di Roncofreddo, un paese vicino a Sogliano al Rubicone; o ancora Guffanti, Beppino Ocelli, che sono anche produttori oltre che affinatori; La Casearia di Carpenedo; Giolito di Bra; Enzo Recco, specializzato in provoloni.

L'affinatore di formaggio ha alle spalle una solida e vasta conoscenza del formaggio e delle sue tecniche di produzione, seleziona, quindi, solo quelli che ritiene più buoni e sani, privilegiando i formaggi ottenuti con latte (vaccino, ovino o caprino) crudo e preferibilmente d'alpeggio, ma anche formaggi da tutta Italia e da tutto il mondo come la mozzarella e il  caciocavallo tipici del Meridione, lo stilton inglese o la raclette svizzera.

 

 

L'affinatore lavora il formaggio fresco e lo segue per tutta la fase di stagionatura. Per esempio può decidere di inoculare delle muffe, oppure di aromatizzarlo con erbe o spezie, immergerlo nelle vinacce, avvolgerlo nella paglia o nelle foglie di tabacco, scegliere il giusto locale di affinamento come grotte naturali e cantine e così via.

Si tratta quindi di valorizzare il formaggio, di carpirne ed estrapolarne le sue caratteristiche uniche, ottenendo così un prodotto di altissima qualità, raro e pregiato, che poi viene venduto ad un mercato di nicchia, oltre ai privati interessati, anche ai grandi ristoranti stellati e alle formaggerie specializzate.

Corsi per affinatori di formaggi

Affinatore formaggi

Negli ultimi anni stanno proliferando vari corsi per affinatori di formaggi, sulla scia del sempre crescente interesse verso questo prodotto (che speriamo non si tramuti in mera moda e mantenga inalterata la qualità...).

Ne cito due organizzati da enti che mi sembrano affidabili: quello dell'ONAF (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Formaggio) e quello dell'Università degli Studi di Scienze Gastronomiche (UNISG) di Slow Food a Bra, partner della manifestazione Cheese che si svolge ogni anno a settembre. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Frutta esotica: elenco completo e come sceglierla

Colorata, dalle forme strane e con un gusto molto gradito, la frutta esotica esiste di moltissime tipologie, alcune delle quali crescono anche in Italia.


Migliori diete del 2020: la classifica americana

La classifica delle migliori diete del 2020 è stata stilata da un portale americano di informazione, servendosi del supporto di esperti del settore salute.


Glifosato nel grano: tra bufale ed accordi internazionali

Il glifosato nel grano, specie in quello canadese, è stato oggetto di diversi dossier che si sono rivelati poi delle bufale.


Glifosato negli alimenti: dove si trova e come evitarlo

Il glifosato è un erbicida usato in agricoltura che potrebbe causare il cancro nell'uomo: ecco in quali alimenti si trova e come evitarlo.

 


Clinto: storia e caratteristiche del vino proibito

Il Clinto non appartiene alla specie solitamente usata per la produzione del vino comune. La sua diffusione è ostacolata da leggi italiane ed europee.


Uva fragola: caratteristiche e proprietà dell’uva dei climi freddi

L’uva fragola ha sapore e profumo molto particolari ma la legislazione italiana ne impedisce la diffusione, specie del vino da essa derivato: il Fragolino.


Coppiette di maiale romane: storia e come si mangiano oggi

Le coppiette di maiale romane sono un’antica ricetta romana diffusasi poi oggi in tutta Italia. Nascono per l’esigenza di conservare la carne.


Dieta nordica o dei Vichinghi: la sfida alla dieta Mediterranea

La dieta nordica è molto simile a quella mediterranea e si basa sul minor consumo di alimenti animali, privilegiando quelli vegetali e locali.