Mandarancio

Il mandarancio è un insieme di agrumi nati come ibridi tra il mandarino e l'arancio, sia nella versione dolce che amara, o almeno questa è la versione più ampiamente condivisa. In realtà alcuni sostengono che il mandarancio sia una specie di agrume a sé stante originaria della Cina e molto antica, mentre altri ancora affermano che sia sì un ibrido ma tra il mandarino e il chinotto.

 

 

Quale che sia la sua origine, il mandarancio è un arbusto piccolo con rami spinosi, foglie lanceolate e di colore verde acceso, fiori riuniti in gruppi e molto profumati.

Il frutto, il mandarancio vero e proprio, ha buccia di colore arancione, non molto spessa e facile da togliere e una polpa dolce e succosa, in commercio sono presenti sia varietà con i semi che senza (apirene = senza semi). La forma è perfettamente rotonda.

Nel voler creare questo ibrido si sono volute mantenere alcune caratteristiche specifiche sia del mandarino che dell'arancio: del mandarino il mandarancio assume la buccia sottile e la facilità nel distaccare gli spicchi, dell'arancia, invece, ha il gusto.

Mandarancio

Il mandarancio, inoltre, risulta essere una pianta molto più resistente sia rispetto al mandarino che all'arancio, soprattutto al freddo.

La maturazione è breve e precoce, si trovano per poco tempo sui banconi della frutta in inverno.

Le varietà più diffuse in Italia sono la Monreal, la Di Nules, la Oroval e il Tardivo.

Attualmente il mandarancio è il secondo agrume più venduto in Italia dopo l'arancia.

In cucina i mandaranci sono utilizzati per creare marmellate o frutta candita, ma per lo più sono consumati freschi.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Acqua e limone al mattino: fa bene?

L'acqua e limone, generalmente il succo, ha alcune proprietà utili per aiutare ad avere un'alimentazione bilanciata ma gli sono attribuite anche false proprietà benefiche.


Proteine della carne

Le proteine della carne si trovano in egual misura nella carne rossa e in quella bianca, nella prima sono legate a una maggiore quantità di grassi saturi e colesterolo.


Caseina (proteina del latte e dei formaggi)

La caseina, o meglio le caseine, sono le proteine maggiormente rappresentate nel latte, costituendo circa l'80% delle proteine contenute nel latte di vacca, bufala, pecora e capra.


Qualità delle proteine: valore biologico e altri indicatori

Qualità delle proteine: il valore biologico delle proteine, gli altri indicatori, l'aminoacido limitante. Come valutare la qualità delle proteine.

 


Latte condensato

Il latte condensato è un prodotto ottenuto dal latte vaccino provato di parte dell'acqua e di solito addizionato con zucchero. Utile in molte preparazioni dolci.


Toffee o caramelle mou

Le caramelle mou o toffee, di origine inglese, sono a base di caramello scuro e burro o panna montata.


Proteine del siero del latte (whey)

Le proteine del siero del latte (whey protein in inglese) sono le proteine più utilizzate come integratore.


Dieta in base al somatotipo: perché non ha senso

La teoria del somatotipo suddivide i tipi corporei in tre categorie: ectomorfo, endomorfo, mesomorfo. La dieta formulata in base a queste categorie appare senza senso.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.