Chimichurri

La salsa chimichurri è una sorta di bagnetto verde originario dell'Argentina dove viene usata per marinare la carne, prima della cottura alla griglia.

 

 

Per quanto la diffusione della chimichurri sia prevalentemente legata ad alcuni Paesi del Sud America (Argentina, Nicaragua e Uruguay), sembra che questa salsa sia stata inventata in realtà da un generale irlandese, tal Jimmy McCurry, e che il suo nome in spagnolo non sia altro che una storpiatura del suo nome difficile da pronunciare. Altri hanno teorizzato che il termine "chimichurri" sia il risultato della spagnolizzazione di una frase inglese "give me curry", ossia "passami il curry per condire la carne". Come il curry, infatti, anche la chimichurri è una miscela di spezie ed erbe aromatiche triturate.

A parte le questioni etimologiche, purtroppo le origini di questa salsa sono poco chiare, si sa per certo che è stata ideata nei primi decenni del Settecento, durante le colonizzazioni inglesi del Sud America.

La salsa chimichurri è composta basicamente da prezzemolo, aglio, origano, olio e aceto di vino bianco.

Altri ingredienti aggiuntivi possono essere: peperoni verdi, paprika o peperoncino, basilico, cumino, timo, succo di limone, alloro, coriandolo. Esiste anche una versione rossa della chimichurri con pomodoro e peperone rosso.

Tradizionalmente viene usata sia nella marinatura preventiva della carne, sia come accompagnamento dopo la cottura, abbinata con churrascos (grigliate miste) o con asados (arrosti misti).

 

 

Ricetta della salsa chimichurri

Chimichurri

Il gusto di questa salsa è decisamente acidulo e si sposa egregiamente con la carne grigliata, soprattutto con quella di manzo, bistecche o filetto, lasciati opportunamente al sangue.

Quella che propongo è solo una delle tante varianti della chimichurri, realizzata in base ai miei gusti personali, ma consiglio di provare e sperimentare sempre abbinamenti diversi, cambiando, aggiungendo erbe aromatiche io spezie a piacere.

Ingredienti

  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 1 mazzetto di coriandolo
  • 10 g di origano
  • 10 g di paprika dolce
  • 5 foglioline di basilico
  • 1 spicchio d'aglio
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 2 cucchiai di aceto di vino bianco
  • 1 spolverata di peperoncino
  • sale e pepe q.b.

Procedimento: triturare tutte le erbe aromatiche insieme allo spicchio d'aglio e alle spezie.
In una ciotola aggiungere l'olio e l'aceto e mescolare facendo un'emulsione. 

Usare la salsa per spennellare la carne prima di cuocerla sulla griglia o al forno.

Quando si fa una chimichurri più sostanziosa, con pezzetti di peperone, cipolla e/o pomodoro, può essere utilizzata anche come accompagnamento della carne cotta.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Polenta istantanea: ricetta, calorie, tipologie

La polenta istantanea è una versione a cottura più veloce della classica polenta. Le tipologie sono differenti così come anche la qualità delle farine usate.


Bubble tea: la curiosa bevanda con perle di tapioca

Il bubble tea è una bevanda a base di tè, latte e perle di tapioca, di cui esistono però diverse versioni e ricette. Ha origini a Taiwan ma si sta diffondendo in tutto il mondo.


Polenta taragna: storia, ricetta e calorie

La polenta taragna è tipica della Valtellina, ma si trova in tutto il Nord Italia. A seconda della zona si usano formaggi diversi e condimenti diversi.


Glucosio

Il glucosio è lo zucchero semplice più importante, e la sostanza in assoluto più diffusa in natura.

 


Shirataki (konjac) - Pasta senza calorie

Gli shirataki, un tipo di noodles della cucina giapponese ottenuti dalla pianta del konjac e con pochissime calorie.


Polenta di mais

La polenta, bianca o gialla, è un tipico piatto povero del Nord Italia.


Saltare la colazione: fa male o fa dimagrire?

Saltare la prima colazione o farla non influisce sul peso corporeo nel lungo termine, ma alcuni studi a breve termine giungono a conclusioni diverse.


La buccia della frutta è ricca di vitamine?

La buccia della frutta non contiene in genere grandi quantità di vitamine, che sono per la maggior parte presenti invece nella polpa del frutto.