Dado da brodo (o da cucina)

Il dado da brodo o dado da cucina è un prodotto utilizzato per preparare in modo veloce il brodo di carne o vegetale. In teoria sarebbe un ingrediente molto utile nell'ottica di una cucina veloce e salutistica come la cucina Sì, infatti il dado da brodo può essere considerato a tutti gli effetti un insaporitore ipocalorico.

 

 

Avversati dai puristi e dai gourmet, vengono pubblicizzati in modo piuttosto massiccio e colmo dei colmi, gli industriali sono riusciti anche a "corrompere" diversi cuochi di ristoranti affermati (potenza del denaro...) che dichiarano candidamente di usare il dado da brodo nelle loro preparazioni.

Il dado tradizionale di carne è una preparazione a base di sale e glutammato di sodio (50 - 60%), grassi vegetali idrogenati (15%), acqua, aromatizzanti vari e carne (3-5%). In un dado di circa 10 g, quindi troviamo ben 0,3 g di carne!

Come si può ben vedere dagli ingredienti, il dado di carne tradizionale è assolutamente un ingrediente da evitare, soprattutto per la presenza di grassi idrogenati e per il fatto che può essere quasi considerato una truffa: un prodotto a base di carne non può contenerne solo il 3%!

Inoltre (considerazione opinabile, visto che il gusto si abitua quasi a tutto) il dado conferisce ai piatti il suo tipico sapore, alterando il gusto naturale degli alimenti. E questo, si badi bene, non è causato dal glutammato come molti credono, ma dagli altri ingredienti scadenti!

Dado da brodo

Il glutammato in sè è un ingrediente del tutto simile al sale, come effetto sull'organismo e per la sua funzione di esaltatore di sapidità dei cibi.

Calorie e valori nutrizionali del dado da brodo

Dado da brodo senza glutammato

Esistono in commercio dadi "salutistici", senza glutammato, prodotti con ingredienti biologici, ecc. In realtà nè l'una nè l'altra caratteristica determinano la salubrità di un dado da brodo.

Un dado salutisticamente accettabile non deve contenere grassi idrogenati. Appurato questo fatto, un dado è tanto migliore quanto maggiore è la percentuale di carne in esso contenuta.

 

 

Il dado da brodo senza glutammato e senza grassi idrogenati rappresenta comunque una scelta discutibile in cucina, perché tende a insaporire artificialmente un piatto rendendo o troppo saporito (eccesso di sodio) oppure lo rende "finto" allontanando il nostro senso del gusto dal saper apprezzare il gusto naturale dei cibi.

Un sugo per la pasta, un risotto o uno spezzatino sono già ottimi se insaporiti in modo naturale, senza la necessità di pompare artificiosamente il loro sapore con il dado da brodo, un insaporitore generico, spesso addizionato con aromi non naturali, e non specifico della ricetta che stiamo preparando.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Frutta esotica: elenco completo e come sceglierla

Colorata, dalle forme strane e con un gusto molto gradito, la frutta esotica esiste di moltissime tipologie, alcune delle quali crescono anche in Italia.


Migliori diete del 2020: la classifica americana

La classifica delle migliori diete del 2020 è stata stilata da un portale americano di informazione, servendosi del supporto di esperti del settore salute.


Glifosato nel grano: tra bufale ed accordi internazionali

Il glifosato nel grano, specie in quello canadese, è stato oggetto di diversi dossier che si sono rivelati poi delle bufale.


Glifosato negli alimenti: dove si trova e come evitarlo

Il glifosato è un erbicida usato in agricoltura che potrebbe causare il cancro nell'uomo: ecco in quali alimenti si trova e come evitarlo.

 


Clinto: storia e caratteristiche del vino proibito

Il Clinto non appartiene alla specie solitamente usata per la produzione del vino comune. La sua diffusione è ostacolata da leggi italiane ed europee.


Uva fragola: caratteristiche e proprietà dell’uva dei climi freddi

L’uva fragola ha sapore e profumo molto particolari ma la legislazione italiana ne impedisce la diffusione, specie del vino da essa derivato: il Fragolino.


Coppiette di maiale romane: storia e come si mangiano oggi

Le coppiette di maiale romane sono un’antica ricetta romana diffusasi poi oggi in tutta Italia. Nascono per l’esigenza di conservare la carne.


Dieta nordica o dei Vichinghi: la sfida alla dieta Mediterranea

La dieta nordica è molto simile a quella mediterranea e si basa sul minor consumo di alimenti animali, privilegiando quelli vegetali e locali.