Popcorn: storia, preparazione, calorie

I popcorn o pop corn (non pop korn, visto che corn sta per mais) possono essere considerati i primi cereali soffiati, cioè fatti esplodere a seguito di un aumento della temperatura e della pressione interne al chicco, e una seguente brusco abbassamento della stessa.

 

 

La storia dei popcorn

I popcorn erano già conosciuti dagli Aztechi, che li utilizzavano come elemento decorativo.

Nel XX secolo, negli USA, i popcorn alternarono momenti di grande successo a momenti di crisi. Il consumo aumentò notevolmente durante la grande depressione, merito dell'economicità dei popcorn; quindi nuovamente durante la seconda guerra mondiale, quando la carenza di zucchero (inviato alle truppe) e la conseguente carenza di dolci fece sì che gli americani si buttarono letteralmente su questo snack a basso costo; quindi si ebbero due nuovi boom, uno dopo la guerra, a seguito di una massiccia campagna pubblicitaria di Morton Salt insieme a Coca Cola, e uno negli anni '80 con l'avvento dei popcorn preparati al microonde.

 

 

Non tutto il mais produce popcorn

Popcorn
Chicco di popcorn

Per produrre i popcorn occorre un particolare tipo di mais che ha un involucro esterno (pericarpo) molto resistente.

All'interno del chicco troviamo il germe e l'endosperma, composto principalmente di granuli di amido.

L'endosperma è diviso in due parti: la più piccola, morbida e farinosa, contiene la maggior parte dell'acqua del chicco; la restante è molto dura.

Per scoppiare in modo ottimale il popcorn deve contenere il 14% di acqua, quindi viene leggermente essiccato perché in genere viene raccolto con percentuali di umidità del 16-19%.

Come si formano i popcorn

Come tutti sanno, per produrre i popcorn basta scaldare il mais e questo si può fare in una normale padella, ben coperta ed eventualmente con l'aggiunta di poco olio, che serve per trasmettere più velocemente il calore, o con un forno a microonde.

Il pericarpo conduce molto bene il calore e riscalda velocemente l'endosperma e l'acqua in esso contenuta. L'acqua raggiunge l'ebollizione e inizia a trasformarsi in vapore, la pressione interna aumenta, ma il guscio del chicco resiste molto bene a questa pressione quindi la maggior parte dell'acqua non evapora pur superando i 100 gradi, un po' come avviene in una normale pentola a pressione. L'acqua che rimane allo stato liquido cuoce gli amidi dell'endosperma che diventano gelatinosi, quindi quando la temperatura dell'acqua raggiunge i 180 gradi (a circa 9 atmosfere di pressione) l'involucro si rompe e il chicco esplode. L'acqua si trasforma immediatamente in vapore e si libera all'esterno l'amido gelatinizzato, di colore bianco, che essendo praticamente privo di acqua, diventa ben presto croccante.

 

 

A questo punto i popcorn possono essere salati e consumati.

Come preparare i popcorn

In padella

Bisogna fare attenzione a non eccedere con la quantità di popcorn rispetto alla dimensione della padella. In una padella da 28 cm (meglio se ha i bordi un po' alti) si possono preparare circa 100 g di popcorn. È bene utilizzare un filo d'olio extravergine di oliva o di burro chiarificato per trasmettere meglio il calore a tutti i popcorn, inoltre, bisogna tenere mescolati i chicchi di mais scuotendo la padella frequentemente.

Ovviamente la padella deve essere coperta. La fiamma deve essere sostenuta e la padella va scaldata bene prima di versare il grasso. I chicchi di mais e il grasso vanno aggiunti a padella ben calda, in modo tale da fargli raggungere velocemente i 180 gradi: quando i primi popcorn iniziano a scoppiettare, bisogna continuare a scuotere la padella, e aprire leggermente il coperchio per far fuoriuscire il vapore che si forma. Quando gli scoppiettii diventano radi (uno ogni 3-4 secondi) è bene togliere il coperchio e trasferire immediatamente i popcorn in un ampia ciotola, per evitare di bruciarli, e che l'umidità li ammorbidisca rendendoli gommosi.

Al microonde

I chicchi di mais vanno messi all'interno di un sacchetto di carta e infornati alla massima potenza: quando gli scoppiettii diventa radi, si tolgono dal forno e si condiscono a piacimento.

Perché non tutti i chicchi scoppiano?

Una certa percentuale di popcorn non scoppia, è successo a tutti ed è normale. Gli scienziati hanno stabilito che questo fenomeno dipende soprattutto dalla varietà del mais utilizzato, in particolare dipende dalla struttura del pericarpo, il guscio esterno del chicco di mais.

E anche dalla temperatura: se non si raggiungono i 180 gradi il mais non scoppia, dunque è importante scaldare bene la padella e scuterla durante la cottura, per riuscire a portare tutti i chicchi alla giusta temperatura.

Valori nutrizionali dei popcorn

I popcorn al naturale hanno circa 350 kcal/hg, non hanno controindicazioni a parte il fatto di essere piuttosto salati (il problema può essere risolto preparandoli in casa e salandoli poco). Grazie al peso specifico molto basso, cioè al grande rapporto tra peso e volume, hanno un indice di sazietà piuttosto alto. In commercio esistono popcorn da preparare al microonde già conditi: spesso sono da evitare perché contengono grassi vegetali di seconda scelta o peggio idrogenati e aromi artificiali veramente terribili per un palato abituato ad aromi naturali (ma che si abitua ben presto a quelli artificiali...).

Meglio comprare i popcorn al naturale e condirli da sé con sale ed eventualmente un po' di burro che acquistare quelli con grassi vegetali e aroma burro, ancora meglio è prepararseli da sè in casa, usando poco burro (5-10 g per ogni 100 g di popcorn). Preparati i questo modo, 100 g di popcorn hanno poco più di 400 kcal, ma sono davvero tanti! Utilizzati come spuntino, 30 g sono più che sufficienti, e hanno solo poco più di 120 kcal.

Ovviamente i popcorn al caramello, quelli al formaggio e quelli al burro (intendo con grandi quantità di burro, per esempio 40 g per 100 g di mais) perdono completamente la loro connotazione "dietetica" e diventano delle bombe caloriche, inadatte ad una dieta ipocalorica.

Calorie e valori nutrizionali dei popcorn

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Smen (burro fermentato)

Lo smen è il burro salato e fermentato tipico della cucina mediorientale e magrebina. È un prodotto affine al ghee indiano e al niter kibbeh della cucina etiope.

Riso venere: un riso tutto italiano, esclusiva Scotti dal 2021

Il riso venere: un particolare tipo di riso dal chicco nero di origine asiatica ma coltivato anche in Italia.

Fecola di patate: a cosa serve, sostituti e caratteristiche

La fecola di patate viene usata per ricette dolci e salate anche in campo industriale, apprezzata per le sue proprietà addensanti.

Amido di mais o maizena: ricette e proprietà

L'amido di mais, o maizena, viene usato come addensante in diversi prodotti alimentari, ma anche come ingrediente di altri prodotti non alimentari.

 

Amido - Cos'è - Struttura - Tipologie

L'amido si estrae da mais, patate, riso, tapioca e frumento ed è un polisaccaride.

Alimenti ricchi di grassi "buoni"

i grassi buoni sono quelli vegetali e quelli del pesce. Ma è davvero così? In realtà a volte anche i grassi buoni possono diventare cattivi.

Grassi saturi e grassi vegetali

I grassi saturi: dove sono contenuti e perché non vanno demonizzati.

Pesca sostenibile - MSC, Friend of the Sea - Davvero sostenibili?

La pesca sostenibile: il moderno concetto di pesca, per tutelare la salute del mare e delle risorse ittiche.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.