Fesone di spalla

Il fesone di spalla è un taglio di carne bovina di seconda categoria.

 

 

È uno dei tagli della spalla, ha forma triangolare e si presta a svariati utilizzi, dall'arrosto al macinato.

Anatomia del fesone di spalla

Il fesone di spalla è posizionato nella cavità formata dall'articolazione scapolo-omerale.

È composto da tre muscoli cinque muscoli: il pettorale superficiale (Pectus superficialis), il tricipite brachiale (Tricipitis brachialis) e dal coracobrachiale (Coracobrachialis).

Caratteristiche del fesone di spalla

Il fesone di spalla è considerato un taglio di seconda categoria, cioè un taglio mediamente pregiato, adatto sia per le lunghe cotture che per quelle brevi.

Molto dipende dalla bravura del macellaio: il fesone di spalla, infatti, contiene un muscolo piuttosto duro, come il pettorale, e uno di tenerezza intermedia, il tricipite brachiale (vedere l'articolo sulla tenerezza della carne): sta dunque al macellaio sezionare in modo opportuno questi muscoli e utilizzarli per un uso appropriato.

 

Fesone di spalla

Calorie del fesone di spalla

Il fesone di spalla è un taglio magro: dipendentemente dalle caratteristiche dell'animale, ha un contenuto di grasso variabile dall'1 al 4%, con una densità calorica intorno alle 100-120 kcal/hg.

Utilizzo del fesone di spalla

Il fesone di spalla può essere utilizzato per preparare cotolette, spezzatino o macinato, ma anche roast-beef o carpaccio, avendo l'accortezza di utilizzarne la parte più tenera. Può dunque essere utilizzato per  cotture in umido o cotture brevi, a seconda della qualità dell'animale e della porzione che si utilizza.

Il fesone di spalla all'estero

 

 

Ecco come viene chiamato il fesone di spalla all'estero.

Francia: Boule de macreuse

Paesi alglosassoni: Schoulder clod

Germania: Dicker bug

Spagna: Cantero de espadilla

Il fesone di spalla in Italia

Ecco come viene chiamato il fesone di spalla nelle principali città italiane.

Bologna: Balocco di spalla - Polpa di spalla

Ancona: Magro - Polpotto

Aosta: Epala

L'Aquila: Spalla

Bari: Spalla

Cagliari: Fesone di spalla

Campobasso: Colarda di spalla - Palettella

Catanzaro: Scorza di spalla

Firenze: Cattennotto

Genova: Soprapaletta - Cascia di spalla

Milano: Fesone di spalla

Napoli: Spalla

Palermo: Piano di spalla

Perugia: Fesa di spalla

Potenza: Spalla

Roma: Polpa di spalla

Torino: Spalla

Trento: Spalla grossa

Trieste: Tajo lungo de spala

Venezia: Fesone

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Dietidea: la dieta del riso Scotti del prof. Sorrentino

Dietidea è la nuova dieta del riso, ideata dal prof. Sorrentino in collaborazione con Scotti. Scopriamo i pro e i contro di questa dieta.


Come verificare l'attendibilità di uno studio scientifico?

L'attendibilità di uno studio scientifico si ha quando quest'ultimo rispetta diverse caratteristiche che rendono i risultati vicini alla verità.


Pollo da allevamento biologico

L'allevamento biologico del pollo, sia per la produzione di carne che per quella delle uova, richiede costi maggiori ma permette un prodotto di maggior qualità.


Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

 


Allevamento intensivo dei polli

L'allevamento intensivo dei polli è un metodo di produzione di carne e uova che nasconde diversi problemi, non solo per la salute degli animali, ma anche per quella umana.


Tenerezza della carne bovina

I tagli di carne più tenera: la tenerezza delle carni bovine secondo uno studio scientifico che valuta la qualità dei vari muscoli dei bovini.


Dieta volumetrica: dimagrire con la densità calorica

La dieta volumetrica si basa sul concetto promosso e utilizzato fin dall'inizio della mia attività nel campo dell'alimentazione, quello della densità calorica.


Il modello a calorie o sistema Atwater

Il modello a calorie è stato ideato da Atwater e colleghi che hanno studiato la quantità di energia fornita da carboidrati, proteine e grassi.