Tonica e Gassosa

La gassosa e la tonica sono due soft drinks di colore trasparente a base di acqua addizionata di anidride carbonica, zucchero e aromi vari.

 

 

Hanno un peculiare sapore amarognolo e agrumato e vengono bevute da sole, con ghiaccio e limone come dissentante o come aperitivo, oppure utilizzate nei cocktail (si pensi al Gin Tonic).

Se ne trovano in commercio di svariate marche, sia industriali come la Schweppes, la 7UP o la Sprite (di proprietà della Coca-Cola Company), oppure naturali e artigianali come quelle della Lurisia, della Ecor o dell'Abbondio, di produzione italiana.

Vediamo le differenze tra queste due bevande, tonica e gassosa.

Acqua tonica

Tonica e gassosa

L'acqua tonica, spesso detta tonica o tonic in inglese, venne inventata nel Settecento come rimedio nella cura della malaria e delle febbri tropicali. Veniva di solito fatta bere ai soldati e ai marinai durante le spedizioni in India e in Africa, che spesso la mescolavano al gin, per attenuarne il sapore astringente e amarognolo, dato dal chinino, un'alcaloide naturale. Nacque così uno dei primi cocktail della storia, il Gin & Tonic.

Anche oggi la ricetta della tonica prevede l'uso di acqua frizzante, zucchero e chinino, anche se in dosi molto ridotte rispetto al passato e in forma di cloridrato, poiché non è più richiesto alla tonica uno scopo terapeutico. Spesso alcuni produttori sostituiscono il chinino con aromi vari, conferendo alla bevanda un delicato gusto agrumato.

Tra i produttori di tonica più famosi c'è la Schweppes, un brand inglese. In Italia una buona acqua tonica è quella commercializzata da Paoletti di Fermo.

 

 

Gassosa o gazosa

La gassosa, detta anche gasosa o gazosa, è un soft drink ottenuto da acqua frizzante, zucchero e acido citrico, per questo ha un gusto leggermente amarognolo, acidulo e agrumato.

Tra i produttori di gassosa più conosciuti al mondo abbiamo la storica 7UP e la Sprite di origine statunitense, che hanno un gusto molto "ruffiano", addolcito da vari aromi (ovviamente chimici). In Italia sono nati recentemente tantissimi produttori di gazosa come Lurisia, Paoletti, Abbondio o Ecor, che lavorano con metodi artigianali e spesso anche biologici.

La gassosa viene utilizzata in un celebre cocktail definito in Italia "panachè", "bicicletta" o "ciclista" composto da birra e gassosa, ma nato in Germania nel 1922 a Monaco di Baviera dove prende il nome di "Radler". In Spagna, invece, è conosciuto come "Clara".

La gassosa può essere aromatizzata anche al mandarino, alla ciliegia, al lampone o al caffè.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

Meduse in cucina

Le meduse in cucina: una novità per noi Occidentali, entrate a far parte dell'elenco dei "novel foods", ma una tradizione in Asia.

Fitoplancton come alimento

Il fitoplancton marino: l'alimento del futuro, il cibo che più sta destando curiosità tra i grandi chef.

Dieta per le gengive infiammate

La dieta per le gengive infiammate consiste in cibi e nutrienti che possono prevenire e rallentare l'infiammazione, bisogna inoltre evitare alcuni alimenti.

 

Caffè espresso

Caffè espresso: la preparazione del classico caffè italiano con la macchina da caffè espresso

Storia del caffè in Italia: tra leggenda e reali innovazioni

Il caffè è diventato simbolo di un'abitudine tutta italiana ma la sua origine è in Oriente. Nel corso del tempo è diventato simbolo di socialità ma la sua diffusione ha avuto ostacoli.

Riso

Il riso è il cereale più diffuso al mondo e originario dell'Asia.

Mindful eating: alimentarsi in ottica mindfulness

Negli ultimi anni si è assistito a un crescente interesse per mindfulness, una pratica che sarebbe alquanto riduttivo definire in poche parole.