Ovomaltina (Ovomaltine)

L'Ovomaltina è la parola italianizzata di Ovomaltine, un prodotto svizzero nato nel 1904 a Neuneggen, una città vicino Berna, ad opera della compagnia Novartis ed oggi di proprietà della Wander AG, un'altra impresa svizzera.

 

 

Il nome deriva dal latino ed è composto da ovum (uovo) + maltum (malto).

Storia di Ovomaltina

Ovomaltina

L'Ovomaltine è considerata una bevanda nazionale in Svizzera tanto è grande la sua diffusione su territorio nazionale, dove è commercializzata senza zucchero. Ma è conosciuta anche nel resto del mondo, dove prende il nome di Ovomaltine, Ovomaltina o, curiosamente, di ovaltine nei Paesi anglosassoni per via di un errore di scrittura all'epoca della sua prima esportazione in Gran Bretagna.

Brevettata nel 1865, fu messa in commercio solo nel 1904 e nel 1909 iniziò la sua esportazione fuori dalla Svizzera.

L'Ovomaltina ha spopolato nel mondo negli anni Sessanta fino agli anni Ottanta, grazie ad un'ottima campagna pubblicitaria che la associava alla perfetta colazione dei bambini, quella che garantiva energia e forze sufficienti ad affrontare la giornata, e a personaggi della fantasia come la piccola orfana Annie o Captain Midnight.

Negli anni Novanta iniziò il suo declino perchè si trovò di fronte un potente concorrente, il Nesquik della Nestlè, che la superò in fama e diffusione.

Recentemente l'Ovomaltina ha ripreso quote di mercato, grazie al lancio di tanti prodotti collaterali, come biscotti, muesli, crema spalmabile, barrette, tavolette di cioccolato, sempre legati al mondo della colazione.

 

 

Ingredienti

L'Ovomaltina è una miscela solubile a base di malto d'orzo, zucchero, latte scremato, siero di latte, uova, cacao, sali minerali e vitamine. Va usata mescolata ad una bevanda calda o fredda, latte per lo più, ma anche acqua, dosandone due o tre cucchiaini per tazza.

Ha un sapore dolciastro che ricorda il cacao, dovuto al malto d'orzo, dal tipico sapore tostato.

Si trova in commercio in vari formati, da 500 g, 750 g o da 1 kg.

Fa male?

 

 

Dal punto di vista nutrizionale Ovomaltina è sostanzialmente un prodotto molto ricco di carboidrati (85% sul totale), in gran parte costituiti da zuccheri (57%). Una porzione, costituita da 200 g di latte parzialmente scremato, addizionato con 25 g di Ovomaltina, ha 180 kcal, che non sono un'esagerazione, ma nemmeno poche se consideriamo che si tratta di una bevanda, che apporta quindi una sazietà abbastanza bassa.

Dal punto di vista salutistico, è un prodotto da assumere con attenzione, perché sostanzialmente si tratta di una bevanda zuccherata, con un indice di sazietà molto basso e un indice glicemico molto alto. Può essere utilizzato a colazione, da parte dei soggetti che non amano mangiare nulla di solido ma si accontentano di una bevanda calda.

Gli zuccheri contenuti nel prodotto, al mattino sono meglio tollerati perché le scorte di glicogeno del fegato sono in esaurimento e quindi gli zuccheri assunti, anche se ad alto indice glicemico, non vengono trasformati in grassi.

È adatto per i bambini?

Dal punto di vista salutistico Ovomaltina è equivalente al Nesquik: sono prodotti inadatti a bambini sedentari, perché molto probabilmente assumerebbero troppe calorie sottoforma di zuccheri che poi non consumano con l'attività sportiva.

Per un bambino attivo non sono il massimo, ma possono essere tollerati all'interno di una dieta equilibrata, dove gli zuccheri sono limitati a poche assunzioni durante la giornata.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

Meduse in cucina

Le meduse in cucina: una novità per noi Occidentali, entrate a far parte dell'elenco dei "novel foods", ma una tradizione in Asia.

Fitoplancton come alimento

Il fitoplancton marino: l'alimento del futuro, il cibo che più sta destando curiosità tra i grandi chef.

Dieta per le gengive infiammate

La dieta per le gengive infiammate consiste in cibi e nutrienti che possono prevenire e rallentare l'infiammazione, bisogna inoltre evitare alcuni alimenti.

 

Caffè espresso

Caffè espresso: la preparazione del classico caffè italiano con la macchina da caffè espresso

Storia del caffè in Italia: tra leggenda e reali innovazioni

Il caffè è diventato simbolo di un'abitudine tutta italiana ma la sua origine è in Oriente. Nel corso del tempo è diventato simbolo di socialità ma la sua diffusione ha avuto ostacoli.

Riso

Il riso è il cereale più diffuso al mondo e originario dell'Asia.

Mindful eating: alimentarsi in ottica mindfulness

Negli ultimi anni si è assistito a un crescente interesse per mindfulness, una pratica che sarebbe alquanto riduttivo definire in poche parole.