Cachaca

La cachaça è un'acquavite ottenuta dalla distillazione della canna da zucchero originaria del Brasile dove è stata assunta come bevanda nazionale.

 

 

La cachaça viene ottenuta partendo dal succo della canna da zucchero puro, allo stato grezzo, che non abbia subito raffinazioni e questa è la differenza principale tra la cachaça ed il rum, che invece deriva dalla separazione tra succo e melassa, pur partendo sempre dalla stessa materia prima.

Quindi il succo grezzo viene messo a bollire, viene fatto fermentare con dei lieviti specifici e infine distillato per ottenere la cachaça, con alambicchi sia a metodo continuo che discontinuo. A volte viene anche fatta maturare in botti di legno.

La cachaça ha un colore giallognolo quando viene invecchiata o chiaro e trasparente quando non lo è, e una gradazione alcolica di circa 40%.

Il suo odore e il suo sapore sono molto intensi.

Cachaca

E' conosciuta in tutto il mondo per essere l'ingrediente principale di un tipico coktail brasiliano, la Caipirinha, e anche della Batida, ma può anche essere bevuta liscia con ghiaccio.

Storia e produzione della cachaça in Brasile

Nasce nel Cinquecento quando le tecniche di distillazione dello zucchero furono esportate dai portoghesi dall'isola di madeira alla loro colonia brasiliana.

Inizialmente era considerata una bevanda povera, tipica degli schiavi, ma dal Seicento le tecniche di produzione della cachaça si raffinarono talmente da farla apprezzare un po' a tutte le fasce della popolazione e attualmente in Brasile si contano circa 5000 marche diverse di cachaça

 

 

La sua produzione annua supera gli 1,3 miliardi di litri annui, dei quali solo l'1% viene esportato all'estero (maggiormente in Germania)! Una produzione record, seconda solo a quella della birra.

Localmente viene chiamata con circa 2000 nomi diversi, quali aguardiente, garapa, cagaça, abre-coração (apri cuore), água-benta (acqua santa), bafo-de-tigre (respiro di tigre) o limpa-olho (pulitore degli occhi). 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cocomero

Il cocomero o anguria è un frutto originario dell'Africa dalla polpa rossa e dai molti semi neri e gialli.


Frutta esotica: elenco completo e come sceglierla

Colorata, dalle forme strane e con un gusto molto gradito, la frutta esotica esiste di moltissime tipologie, alcune delle quali crescono anche in Italia.


Migliori diete del 2020: la classifica americana

La classifica delle migliori diete del 2020 è stata stilata da un portale americano di informazione, servendosi del supporto di esperti del settore salute.


Glifosato nel grano: tra bufale ed accordi internazionali

Il glifosato nel grano, specie in quello canadese, è stato oggetto di diversi dossier che si sono rivelati poi delle bufale.

 


Glifosato negli alimenti: dove si trova e come evitarlo

Il glifosato è un erbicida usato in agricoltura che potrebbe causare il cancro nell'uomo: ecco in quali alimenti si trova e come evitarlo.


Clinto: storia e caratteristiche del vino proibito

Il Clinto non appartiene alla specie solitamente usata per la produzione del vino comune. La sua diffusione è ostacolata da leggi italiane ed europee.


Uva fragola: caratteristiche e proprietà dell’uva dei climi freddi

L’uva fragola ha sapore e profumo molto particolari ma la legislazione italiana ne impedisce la diffusione, specie del vino da essa derivato: il Fragolino.


Coppiette di maiale romane: storia e come si mangiano oggi

Le coppiette di maiale romane sono un’antica ricetta romana diffusasi poi oggi in tutta Italia. Nascono per l’esigenza di conservare la carne.